Trump VS Pence, l置ltima battaglia

| Il presidente ha tentato di convincere il suo vice a boicottare la certificazione della vittoria di Biden, ma Pence ha risposto di non avere il potere costituzionale

+ Miei preferiti
Alla fine, anche il più fedele degli uomini vicini a Trump è costretto alla resa: Mike Pence, il vice presidente che presiede la sessione plenaria di Capitol Hill, secondo Donald ultimo baluardo possibile per scongiurare la vittoria di Biden, è costretto alla resa. Chiamato pubblicamente in causa da Trump, Pence risponde di non avere l’autorità e neanche i poteri per fermare la certificazione della vittoria di Joe Biden.

Nel suo modo spiccio e crudo, Trump aveva alzato la pressione attorno a Pence, avvertendolo che per lui sarebbe stato politicamente “dannoso” rifiutarsi di bloccare la certificazione.

Ma Mike, l’uomo che da 4 anni si è spesso trovato nella posizione imbarazzante di ago della bilancia di fronte alle strampalate decisioni di Trump, ha gentilmente informato il presidente che secondo la legge nessuno ha il potere di far deragliare il processo.

La minaccia è un’altra rivelazione giornalistica, questa volta del “New York Times”, che fa rumore e piomba sul fondamentale ballottaggio in Georgia. E come sempre, Trump non ha perso tempo bollando come “fake news” qualsiasi notizia che lo riguardi: “Il rapporto del New York Times sui commenti che il Vice Presidente Pence mi avrebbe fatto oggi è una notizia falsa. Non l’ha mai detto: siamo assolutamente d’accordo sul fatto che il Vice Presidente abbia il potere di agire”.

In realtà, secondo fonti interne alla Casa Bianca, Trump sarebbe furioso con Pence, che pare intenzionato a esprimere il proprio dissenso alla certificazione della vittoria di Biden, pur ammettendo di “non avere il potere costituzionale per fare certe cose”.

Trump ha ripetutamente spinto il suo vice a ritardare o ostacolare quanto più possibile la certificazione dell’Electoral College, l’ultima prova di lealtà al culmine dei suoi quattro anni alla Casa Bianca.

Nella notte italiana, il candidato dem Raphael Warnock avrebbe rivendicato la vittoria di uno dei due ballottaggi in Georgia che tengono con il fiato sospeso la futura amministrazione Biden. Quando le schede scrutinate avevano raggiunto il 97%, Warnock era in vantaggio – anche se risicato – nei confronti della senatrice uscente Kelly Loeffler: 50,4% contro il 49,6%. Se il risultato fosse confermato, il reverendo Warnock sarebbe il secondo afroamericano a vincere un seggio nel Deep South dal 1877. Nel discorso in cui ha rivendicato la vittoria, Warnock ha ringraziato la madre 82enne per la ferrea decisione di andare alle urne e dare al figlio il proprio voto: “Le mani che ha usato in gioventù per raccogliere tabacco e cotone sono le stesse con cui ha voluto votare perché il suo figlio più giovane diventasse senatore degli Stati Uniti d’America”.

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni pi odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l誕genda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredit di Trump
La difficile eredit di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l但merica. La presidenza di Biden sar una delle pi difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che secondo il New York Times sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori pi stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: 鏑ui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni
Una parte dell但merica si sta radicalizzando
Una parte dell但merica si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l誕ttacco al Campidoglio sia solo l段nizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l棚nuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono pi permissive
L置ltimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L置ltimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovr affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una propriet di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, vietato l置so dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per 妬ncitamento all段nsurrezione, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi