Ucciso dalla polizia durante un controllo

| Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese

+ Miei preferiti
Non aiutano gli animi e i nervi degli americani, già resi fragili dalle conseguenze della pandemia, le immagini che hanno fatto il giro dei 50 Stati ricevendo ovunque accuse di razzismo e violenza gratuita. È la vicenda di quattro agenti di polizia di Minneapolis che nel tardo pomeriggio di ieri hanno fermato per un controllo George Floyd, 46 anni. Uno degli agenti l’ha tenuto bloccato a terra con un ginocchio sul collo mentre l’uomo protestava perché non riusciva a respirare. Parole che nessuno ha ascoltato, fin quando George Floyd è morto senza motivo.

La vicenda ha inorridito l’opinione pubblica e messo in moto l’FBI, che ha annunciato un’indagine approfondita, mentre il dipartimento di polizia ha immediatamente licenziato i quattro agenti. Una decisione presa anche per gettare acqua su un malumore che puntava verso le proteste, portando sempre più gente sulle strade di Minneapolis, molti con mascherine sul volto che riportavano la scritta “Non respiro”.

Quando la situazione all’esterno della sede del distretto di polizia iniziava a scaldarsi oltre il livello di guardia, con una vetrata andata in frantumi per il lancio di un mattone, gli agenti hanno tentato di disperdere la folla.

“Appoggio al cento per cento la decisione di licenziare gli agenti - ha commentato il sindaco Jacob Frey - è la decisione più giusta per la nostra città, per la nostra comunità e per lo stesso Dipartimento di Polizia di Minneapolis”.

Gli agenti erano intervenuti nel tardo pomeriggio per una chiamata che indicava un uomo che si aggirava barcollando intorno al 3700 di Chicago Avenue South, probabilmente “sotto l’effetto di alcol o stupefacenti”. All’arrivo della pattuglia, l’uomo si sarebbe rifiutato di fornire le proprie generalità opponendosi all’arresto. Ne è nata una breve colluttazione in cui George Floyd ha ben presto avuto la peggio. La scena è stata ripresa con gli smartphone da diverse persone, iniziando a circolare sul web: si sente l’uomo implorare l’agente che gli tiene il ginocchio sul collo “Non riesco a respirare, non uccidermi”, seguito dalle invocazioni di passanti. Dopo diversi minuti di quella che è definita una lenta, dolorosa e soprattutto inutile agonia, l’uomo è stato ammanettato per essere portato verso la centrale, ma gli agenti si sono resi conto che George Floyd era ormai privo di sensi.

“La tecnica che è stata messa in pratica non è consentita, e la direzione è stata molto chiara sull’accaduto: non c’è motivo di applicare quel tipo di pressione sul collo di qualcuno”, ha commentato un portavoce del dipartimento di polizia.

A indentificare George Floyd è stato l’avvocato per i diritti civili Benjamin Crump: “Quest’uso abusivo, eccessivo e disumano della forza è costato la vita a un uomo che era stato fermato dalla polizia per essere interrogato, senza aver commesso nulla di male”.

La causa e le modalità della morte di Floyd sono ancora in sospeso, oggetto di indagine da parte delle forze dell’ordine locali, statali e federali, ha confermato l’ufficio del medico legale della contea di Hennepin. La senatrice del Minnesota Amy Klobuchar, ha definito l’incidente “l’ennesima terrificante e straziante morte di un afroamericano”. Al coro di proteste si è unito il governatore del Minnesota Tim Walz: “La mancanza di umanità in questo video inquietante è nauseante. Otterremo risposte e cercheremo giustizia. Quando senti qualcuno che chiede aiuto, devi aiutarlo: questo ufficiale ha fallito il sentimento umano più elementare. Essere neri in America non dovrebbe essere una condanna a morte”.

Galleria fotografica
Ucciso dalla polizia durante un controllo - immagine 1
Ucciso dalla polizia durante un controllo - immagine 2
Ucciso dalla polizia durante un controllo - immagine 3
Ucciso dalla polizia durante un controllo - immagine 4
Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa