Ucciso il rapper Nipsey Hussle

| È stato freddato all’uscita del suo negozio di abbigliamento a Los Angeles. I messaggi increduli dei colleghi musicisti

+ Miei preferiti
Fra i primi a esprimere tristezza e incredulità sono stati Rihanna e Snoop Dog: la morte improvvisa di Nipsey Hussle, l’ennesimo rapper ucciso a colpi d’arma da fuoco, non fa che riaccendere i riflettori su una strage che prosegue da anni senza che niente e nessuno riesca a fermarla.

Nipsey Hussle, nome d’arte di Ermias Davidson Asghdom, è stato freddato a colpi di pistola a poca distanza dal suo negozio di abbigliamento di Los Angeles: è morto poco prima di arrivare in ospedale senza riprendere conoscenza, mentre due persone che si trovavano con lui sono state ricoverate con diverse ferite. Secondo quanto riportano i media locali, alcuni testimoni avrebbero visto una persona fuggire dal parcheggio dove è avvenuta la sparatoria, tra Slauson Avenue e Crenshaw Boulevard.

Nato e cresciuto nel difficile quartiere di Crenshaw, South Los Angeles nel 1985, Nipsey Hussle era stato membro della gang “Rollin 60’s Neighborhood Crips” prima di dedicarsi alla musica, attirando l’attenzione di artisti come Jay-Z. Lo scorso anno, il suo album d’esordio “Victory Lap” aveva ottenuto una nomination ai Grammy come miglior album hip hop.

Il suo ultimo tweet, diffuso appena un giorno fa, recitava: “Avere nemici forti è una vera benedizione”.

Stati Uniti
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
Steve Adler, primo cittadino della città texana, ha esortato i suoi concittadini a non uscire di casa mentre volava a Cabo San Lucas con un jet privato. E non è il solo….
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024