Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer

| È un vero colpo di scena nel caso di Amber Guyer, la poliziotta di Dallas che aveva ucciso un uomo credendo che fosse nel suo appartamento. Uno dei testimoni dell’accusa, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco

+ Miei preferiti
In tanti, in America, avevano gridato allo scandalo per la condanna a soli dieci anni di carcere per Amber Guyer, 31 anni, veterana della polizia di Dallas, in Texas, che il 6 settembre 2018, rientrando a casa dopo un turno di lavoro di 13 ore, aveva sparato a Botham Jean, un tranquillo contabile di 26 anni, uno sconosciuto trovato del suo appartamento al terzo piano tranquillamente seduto sul divano, davanti alla televisione e con in mano un gelato. La donna si spaventa, spiana la pistola gli urla più volte di andarsene, ma si sente minacciata e apre il fuoco: la perizia balistica accerta che il proiettile che l’ha centrato in pieno petto è stato sparato dall’alto verso il basso. Si scoprirà poco dopo che l’uomo era nel suo appartamento al quarto piano, esattamente sopra quello della donna che aveva sbagliato il tasto dell’ascensore.

Amber Guyer viene sospesa dal servizio, ma per giorni non riceve alcuna accusa formale, e i cittadini di Dallas iniziano a dare segni di irrequietezza. Per la comunità nera, è un altro capitolo dello stesso copione che si ripete all’infinito: una donna bianca armata che ha ucciso un uomo nero disarmato. Quasi quasi non è neanche un reato.

Amber Guyer viene accusata di omicidio e finisce sotto processo: l’avvocato della donna, Toby Shook, punta la linea difensiva sull’errore, che per quanto dal finale tragico, va comunque considerato un peccato di disattenzione. Per farlo, ricorda una consuetudine maniacale di alberghi e stabili americani, perfettamente identici fra loro fra un piano e l’altro.

In più, per colmo di sfortuna, l’agente afferma di essere tranquillamente entrata nell’appartamento utilizzando le proprie chiavi di casa, per via un difetto alla serratura di quella dell’uomo. Ma contro quella che sembra una terribile coincidenza di sfortune, arrivano però le testimonianze dei vicini – fra cui Joshua Brown - che affermano di non aver sentito urla provenire dall’appartamento, oltre a ricordare che lo zerbino davanti all’appartamento di Botham Jean era di un rosso molto vistoso, e decisamente diverso da quello davanti alla porta della donna: almeno quel dettaglio, avrebbe dovuto suggerirle che stava commettendo uno sbaglio.

I procuratori considerano le argomentazioni della difesa “spazzatura”: in base alle ricostruzioni, Botham Jean non aveva alcun atteggiamento aggressivo, anzi, “Si è comportato come avrebbe fatto chiunque vedendo qualcuno che fa irruzione in casa propria. Ma prima ancora di alzarsi è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco: un gesto inutile e irragionevole dall’inizio alla fine”. Il 1° ottobre scorso, arriva la sentenza: Amber Guyer è colpevole di omicidio e rischiava una condanna che poteva arrivare a 99 anni. Ma ne becca solo 10, lasciando nell’aria il solito dubbio dei pesi e delle misure diverse in base al colore della pelle. 

Al termine del processo, in un’immagine che ha fatto il giro del mondo, Amber Guyer si è alzata e ha chiesto perdono al fratello di Botham Jean con un lungo abbraccio.

Ma il caso, che sembrava ormai chiuso, si arricchisce di un altro capitolo, altrettanto inquietante. Joshua Brown, il vicino che aveva testimoniato in tribunale, è stato trovato morto nelle scorse ore, colpito da diversi colpi d’arma da fuoco al volto e al petto. Al momento, gli inquirenti non se la sentono di escludere che possa trattarsi di omicidio, e neanche di essere certi che la polizia sia del tutto estranea. 

Anche l’avvocato S. Lee Merritt sta cercando di capire se ci sia o meno un qualche coinvolgimento della polizia nell’omicidio: “Non ho altre prove se non la tempistica, ma non escludo nulla. L’unica certezza è che Joshua sia stato preso di mira dopo aver testimoniato. I killer l’hanno aspettato nel parcheggio sotto casa sua e sono fuggiti senza avergli rubato niente: è stata un’esecuzione in piena regola”. Diversi testimoni hanno raccontato di aver sentito numerosi colpi di pistola prima di vedere una berlina argentata che si allontanava a tutta velocità dalla scena del delitto.

Nel corso della sua testimonianza nel processo per omicidio, Brown aveva raccontato alla giuria di aver incontrato Botham Jean il giorno stesso in cui è stato ucciso: i due si conoscevano, lui viveva al fondo del corridoio.

Galleria fotografica
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer - immagine 1
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer - immagine 2
Ucciso uno dei testimoni contro la poliziotta killer - immagine 3
Stati Uniti
Il ritorno di Donald il rabbioso
Il ritorno di Donald il rabbioso
Settimane di silenzio non l’hanno cambiato: nessun accenno al disastro del Campidoglio, attacchi durissimi a Biden e a chi si è opposto o non l’ha appoggiato e la mezza promessa finale: ricandidarsi
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Il New York Times rivela che un’altra ex assistente accusa il governatore dello Stato di NY molestie sessuali. Mentre l’FBI indaga sul numero di morti falsato durante la prima ondata della pandemia
Ritrovati i cani di Lady Gaga
Ritrovati i cani di Lady Gaga
A riconsegnarli alla polizia, sani e salvi, sarebbe stata una donna estranea alla vicenda. Proseguono le indagini, mentre il dog-sitter è ancora grave in ospedale
Trump pianifica futuro e vendette
Trump pianifica futuro e vendette
Fra una partita a golf e un mandato di comparizione, l’ex presidente starebbe tramando per prendersi il partito repubblicano e lanciare se stesso e suo figlio Donald Jr alla conquista della politica americana
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Sommerso dalle denunce per violenze e abusi, e al centro di un’indagine, l’ex allenatore 63enne della nazionale americana di ginnastica femminile si è tolto la vita
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili