Ufficiale della Coast Guard
pronto alla strage

| Oltre a mettere insieme un vero arsenale con cui colpire politici e giornalisti, progettava attacchi biologici. Era un insospettabile ufficiale della Guardia Costiera americana in servizio attivo

+ Miei preferiti
“Sto sognando un modo per uccidere quante più persone possibili”: parole che suonano come una pesante minaccia, pronunciate da un nazionalista bianco che stava per pianificare un attacco terroristico di massa. Non un folle qualsiasi, un pazzo armato fino ai denti che un giorno si è svegliato capendo di odiare l’umanità, ma un tenente della Guardia Costiera statunitense, finito in galera dopo che i federali hanno scoperto nella sua casa del Maryland un nascondiglio dove custodiva un arsenale, armi e munizioni accumulate per lanciare un attacco terroristico di portata nazionale verso politici e giornalisti.

Christopher Paul Hasson, 49 anni, si è definito nazionalista, neonazista e filo-russo. Le autorità non hanno rivelato se esistesse una data già fissata per gli attentati, ammettendo invece di aver trovato sul computer dell’ufficiale numerose ricerche su internet: “Il miglior posto a Washington per vedere da vicino di Democratici”, o ancora “i sistemi di protezione dei giudici della Corte Suprema”. Fra gli obiettivi lo speaker della Camera Nancy Pelosi, il leader dell’opposizione Dem Chuck Schumer, la giovane deputata Alexandria Ocasio-Cortez, i giornalisti della “CNN” Don Leon e Chris Como e quelli della “MSNBC” Chris Hayes e Joe Scarborough.



“Aveva in mente di uccidere civili innocenti su una scala raramente vista in questo paese”, ha riferito una fonte del governo negli atti giudiziari depositati questa settimana, sostenendo che Hasson è un soggetto di alta pericolosità sociale che andrebbe rinchiuso in galera in attesa del processo. L’ufficiale della Coast Guard è stato arrestato venerdì scorso con l’accusa di possesso illegale di armi e sostanze stupefacenti, ma le accuse sono solo “la punta dell’iceberg: i funzionari dell’ufficio del procuratore degli Stati Uniti nel Maryland hanno ricostruito i piani di Hasson per innescare caos e distruzione, descrivendolo come un “uomo ossessionato da idee neofasciste e neonaziste”.

Fra le bozze della sua posta elettronica, sono state trovate diverse email in cui l’uomo chiedeva suggerimenti per individuare possibili soggetti che meritavano una punizione: “Vi prego di passarmi l’odio che nutrite affinché io possa scatenarlo verso chi non merita di vivere. Guidate il mio odio per dare una lezione indimenticabile a questo mondo”.

Christopher Paul Hasson è in forze presso la sede della Guardia Costiera americana a Washington dal 2016, ma ha anche prestato servizio nel Corpo dei Marine statunitensi dal 1988 al 1993 e nella Guardia Nazionale dell’Esercito per circa due anni, alla metà degli anni ‘90.

Gli atti giudiziari non spiegano ciò che ha spinto le forze dell’ordine federali ad avviare le indagini su Hasson, ma sostengono che l’uomo ha studiato con attenzione il manifesto di 1.500 pagine scritto dal terrorista di destra Anders Behring Breivik, autore di due attacchi nel 2011 in Norvegia, costati la vita a 77 persone. Il manifesto delinea come Breivik abbia pianificato e preparato gli attentati con l’idea di fornire una tabella di marcia a disposizione di altri che intendano mettere in atto operazioni terroristiche simili alle sue. L’attentatore norvegese, che riuscì a mietere buona parte delle sue vittime fra i giovani ospiti di un campus politico sull’isola di Utoya, ha raccontato di aver assunto steroidi e narcotici convinto di aumentare le sue capacità offensive.

Quando le forze dell’ordine hanno fatto irruzione nell'appartamento di Hasson, hanno rinvenuto più di 30 fiale di quello che sembrava essere l’ormone della crescita. L’uomo aveva anche ordinato oltre 4.200 pillole di “Tramadolo”, un potente narcotico. Nel suo appartamento, Hasson nascondeva un vero arsenale: 15 armi da fuoco tra pistole e fucili, con più di 1.000 proiettili. Negli ultimi due anni aveva acquistato quasi due dozzine di armi da fuoco, visitando migliaia di siti web che vendono armi e attrezzature tattiche.

“L’uomo arrestato è un terrorista nazionale intenzionato a commettere attentati con cui sperava di indurre il governo e la polizia a reagire in modo eccessivo, per alimentare la violenza”. In un messaggio di posta elettronica scritto nel giugno 2017, Hasson avrebbe anche contemplato attacchi biologici verso derrate alimentari, e nella lista della “cose da fare” menzionava le tattiche di ricerca utilizzate durante la guerra civile in Ucraina. In un’altra lettera, scritta dopo gli scontri fra suprematisti bianchi e neonazisti di Charlottesville, Hasson aveva redatto un testo in cui chiedeva una “patria bianca”. L’impegno dell’uomo per mettere in pratica i suoi piani è cresciuto nelle ultime settimane, mettendo in allarme le forze dell’ordine che lo tenevano sotto controllo da tempo: il 19 gennaio scorso, su un voglio di calcolo Excel ha creato una lista di “traditori” e di obiettivi.

Non è la prima volta che nelle file della Guardia Costiera, qualche ufficiale dia segno di insofferenza e inneggi alla supremazia bianca: “L’ufficiale è stato identificato e allontanato”, hanno commentato i vertici della US Coast Guard, consapevoli di non aver risolto il problema.

Galleria fotografica
Ufficiale della Coast Guard<br>pronto alla strage - immagine 1
Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare