Un altro rapper ucciso

| Tre’ da Kid è stato freddato a bordo della sua auto ad Annapolis, nel Maryland. La polizia ha lanciato un appello per invitare chi ha visto qualcosa a fornire indicazioni utili

+ Miei preferiti
Durante la notte di sabato, la polizia di Annapolis, nel Maryland, ha ricevuto una chiamata che denunciava colpi d’arma da fuoco esplosi all’indirizzo di un’auto. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un veicolo che si era schiantato nella zona di Forest Drive: a bordo il corpo ormai senza vita di un uomo, raggiunto da da diversi colpi di pistola.

La vittima è stata identificata poco dopo: si trattava di Edward Montre Seay, 32 anni, rapper conosciuto con il nome d’arte “Tre’ da Kid”, residente a Chester, a poca distanza dal luogo dell’omicidio.

Seay si era guadagnato l’attenzione nazionale nel 2016, quando con il brano di debutto “Run It” era riuscito a superare altri 8.000 concorrenti aggiudicandosi il concorso rap “#Freestyle50” organizzato dalla “Verizon”: in palio c’era un premio di 10.000 dollari e un contratto con la “300 Entertainment”, un’etichetta hip-hop.

L’omicidio coincide con la quinta edizione del “National Gun Violence Awareness Day”, la giornata nazionale sulla consapevolezza della violenza armata. La polizia ha lanciato un appello perché chiunque abbia visto qualcosa che può essere utile alle indagini, si presenti spontaneamente.

Galleria fotografica
Un altro rapper ucciso - immagine 1
Un altro rapper ucciso - immagine 2
Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere