Un altro rapper ucciso

| Tre’ da Kid è stato freddato a bordo della sua auto ad Annapolis, nel Maryland. La polizia ha lanciato un appello per invitare chi ha visto qualcosa a fornire indicazioni utili

+ Miei preferiti
Durante la notte di sabato, la polizia di Annapolis, nel Maryland, ha ricevuto una chiamata che denunciava colpi d’arma da fuoco esplosi all’indirizzo di un’auto. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un veicolo che si era schiantato nella zona di Forest Drive: a bordo il corpo ormai senza vita di un uomo, raggiunto da da diversi colpi di pistola.

La vittima è stata identificata poco dopo: si trattava di Edward Montre Seay, 32 anni, rapper conosciuto con il nome d’arte “Tre’ da Kid”, residente a Chester, a poca distanza dal luogo dell’omicidio.

Seay si era guadagnato l’attenzione nazionale nel 2016, quando con il brano di debutto “Run It” era riuscito a superare altri 8.000 concorrenti aggiudicandosi il concorso rap “#Freestyle50” organizzato dalla “Verizon”: in palio c’era un premio di 10.000 dollari e un contratto con la “300 Entertainment”, un’etichetta hip-hop.

L’omicidio coincide con la quinta edizione del “National Gun Violence Awareness Day”, la giornata nazionale sulla consapevolezza della violenza armata. La polizia ha lanciato un appello perché chiunque abbia visto qualcosa che può essere utile alle indagini, si presenti spontaneamente.

Galleria fotografica
Un altro rapper ucciso - immagine 1
Un altro rapper ucciso - immagine 2
Stati Uniti
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi