Un altro rapper ucciso

| Tre’ da Kid è stato freddato a bordo della sua auto ad Annapolis, nel Maryland. La polizia ha lanciato un appello per invitare chi ha visto qualcosa a fornire indicazioni utili

+ Miei preferiti
Durante la notte di sabato, la polizia di Annapolis, nel Maryland, ha ricevuto una chiamata che denunciava colpi d’arma da fuoco esplosi all’indirizzo di un’auto. Giunti sul posto, gli agenti hanno trovato un veicolo che si era schiantato nella zona di Forest Drive: a bordo il corpo ormai senza vita di un uomo, raggiunto da da diversi colpi di pistola.

La vittima è stata identificata poco dopo: si trattava di Edward Montre Seay, 32 anni, rapper conosciuto con il nome d’arte “Tre’ da Kid”, residente a Chester, a poca distanza dal luogo dell’omicidio.

Seay si era guadagnato l’attenzione nazionale nel 2016, quando con il brano di debutto “Run It” era riuscito a superare altri 8.000 concorrenti aggiudicandosi il concorso rap “#Freestyle50” organizzato dalla “Verizon”: in palio c’era un premio di 10.000 dollari e un contratto con la “300 Entertainment”, un’etichetta hip-hop.

L’omicidio coincide con la quinta edizione del “National Gun Violence Awareness Day”, la giornata nazionale sulla consapevolezza della violenza armata. La polizia ha lanciato un appello perché chiunque abbia visto qualcosa che può essere utile alle indagini, si presenti spontaneamente.

Galleria fotografica
Un altro rapper ucciso - immagine 1
Un altro rapper ucciso - immagine 2
Stati Uniti
Rimosso il comandante della Roosevelt
Rimosso il comandante della Roosevelt
Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono
Minacciato di morte il dottor Fauci
Minacciato di morte il dottor Fauci
Il massimo esperto americano a capo della task force contro la pandemia sarebbe finito sotto protezione perché minacciato da ambienti dell’estrema destra
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"