Una donna, quattro uomini e una neonata

| La surreale storia di Tory Ojeda, 20enne di Jacksonville, in Florida, che vive da anni con i suoi quattro giovani amanti e ora hanno deciso di fare da padri tutti insieme alla piccola che nascerà a breve

+ Miei preferiti
Secondo i media americani, la storia di Tory Ojeda, una 20enne di Jacksonville, in Florida, è così assurda da avere perfino un senso. Nel maggio di quest’anno, Tory è rimasta incinta, e per capire chi fosse il padre ha dovuto spulciare il suo diario e capire esattamente con chi era andata a letto nella data del concepimento. Il fortunato si chiama Christopher, ufficialmente il suo fidanzato in carica, che ha deciso di sposare a breve, in attesa di dare il benvenuto alla bimba, la cui nascita è prevista per il prossimo febbraio. Ma fino a qui, per quanto un po’ trafficata, la faccenda potrebbe anche starci.

Però questo è solo l’inizio, perché gli altri tre giovani con cui normalmente Tory si accompagna, Marc, Travis ed Ethan, hanno deciso di voler fare da padri alla bimba, visto che ormai da tempo vivono tutti insieme. Il primo è un ragazzo di 18 anni conosciuto al liceo, con cui Tory ha avuto un breve flirt, ma nel frattempo aveva già aumentato il traffico frequentando anche Travis, 23 anni. Ethan, di 22, è invece un vecchio amico con cui continuava ad amoreggiare anche dopo il fidanzamento con Christopher, anche lui 22 anni, l’ultimo arrivato e quello a cui probabilmente tocca il ruolo di cornuto più felice del millennio.

La curiosità è che, al contrario della disinvolta Tory, i quattro non hanno altre donne al loro fianco: vivono tutti insieme in stanze separate, organizzati in turni per pulire, fare la spesa, cucinare e infilarsi nell’ampio letto matrimoniale di Tory. Il gruppo ha affrontato e risolto brillantemente periodi di gelosia: per Marc e Travis è stato difficile accettare l’arrivo di Ethan e Christopher. Poi si sono chiariti e ora vivono d’amore e d’accordo.

“Chris è il padre biologico, l’abbiamo accertato risalendo in base alla data approssimativa di concepimento, durante una vacanza in cui eravamo solo noi due”, racconta Tory ai microfoni di diverse emittenti che sono piombate a Jacksonville per raccontare la storia di una famiglia slabbrata, più che allargata. “C’è molta complicità fra noi padri: scherziamo sempre sull’idea di rimanere bloccati in un ciclo infinito di 'Vai a chiedere a tuo padre'”.

Tory, a dire il vero, ha anche ammesso di iniziare ad essere un po’ stanca del traffico, e avrebbe piacere che i padri trovassero alle donne con cui sollazzarsi. Ma loro non ci pensano nemmeno: saranno padri, e soprattutto fedeli alla loro compagna in sharing.

Galleria fotografica
Una donna, quattro uomini e una neonata - immagine 1
Una donna, quattro uomini e una neonata - immagine 2
Una donna, quattro uomini e una neonata - immagine 3
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg