Una normale famiglia di mostri

| David e Louise Turpin sono stati condannati a 25 anni di carcere dopo che si sono dichiarati colpevoli di tortura e prigionia dei loro 13 figli

+ Miei preferiti
“I miei genitori mi hanno rubato tutta la vita”, ha detto una delle loro figlie, identificata come sconosciuta numero 4. Era una di due dei due bambini, entrambi ora al college, che è apparsa in tribunale venerdì per testimoniare su come hanno sofferto per mano dei loro genitori, in un processo che ha portato davanti agli occhi di tutto il mondo una storia allucinante.

David e Louise Turpin, genitori di 13 figli, sembravano una famiglia da pubblicità: tanti, sorridenti, uniti, erano l’orgoglio del quartiere. Ma quando le porte di casa si chiudevano, per i ragazzi iniziava l’inferno: incatenati, sporchi, a volte chiusi dentro gabbie, malnutriti, mai visitati da un medico in vita loro. Sono sopravvissuti e questo è il vero miracolo di quella che hanno ribattezzato “la casa degli orrori”.

Ad aprire il vaso di Pandora, nel gennaio del 2018, era stata la telefonata di una delle più grandi, una ragazzina di 17 anni, che al 911 ha raccontato tutto: “I miei genitori abusano di me e dei miei fratelli: in questo momento due delle mie sorelline sono incatenate”. Quando le chiedono l’indirizzo di casa fatica: “Esco pochissimo di casa, non lo ricordo bene”.

Le poche indicazioni sono bastate alla polizia per individuare l’indirizzo della famiglia Turpin, a Riverside, elegante cittadina californiana a poca distanza da Los Angeles. Lo spettacolo che si è presentato agli occhi degli agenti era impressionante: 13 ragazzi, fra i 2 ai 29 anni, malnutriti, sporchi, in stato di completo abbandono. 

Oggi, ha detto una delle figlia più grandi, che dopo l’arresto dei genitori ha scelto di vivere da sola, “La vita è fantastica”. L’ha detto subito dopo la condanna a 25 anni di carcere inflitta ai suoi genitori, Louise e David Turpin.

Uno dei loro figli, identificato come “John Doe Number 2”, ha detto alla corte: “Non posso descrivere a parole quello che abbiamo passato crescendo. A volte ho ancora incubi per cose che sono successe, come l’essere incatenati o essere picchiati senza ragione. Eppure voglio bene ai miei genitori, e dentro di me li ho perdonati per molte delle cose che ci hanno fatto, ma quella situazione doveva finire. È giusto così”.

Oggi lavorano, vanno all’università, raccontano di aver imparato a nuotare e a fare cose che gli sono sempre state negate, come andare in bicicletta. 



“Mi dispiace per tutto”, ha sussurrato Louise Turpin guardando i suoi figli fra le lacrime. Insieme, la coppia ha colto l’occasione per scusarsi con i loro figli e sperare che riescano a costruirsi un’esistenza degna di essere vissuta.

“Mi dispiace per tutte le sofferenze che ho procurato ai miei figli, sono convinta che Dio abbia un piano speciale per ognuno di loro: li amo più di quanto possano immaginare”.

“Faremo di tutto perché i vostri figli abbiano una vita normale, malgrado voi - ha commentato il giudice - il trattamento egoista, crudele e disumano li ha privati del di crescere in una famiglia normale”.

Il tribunale ha anche emesso dei particolari ordini protettivi per ciascuno dei bambini, compreso il divieto di David e Louise Turpin di avere contatti di qualsiasi tipo con loro.

Se non fosse stato per il coraggio di una ragazzina di 17 anni, probabilmente degli orrori della famiglia Turpin non si sarebbe mai saputo nulla. L’adolescente progettava la fuga da almeno due anni: ha trovato per caso un cellulare e ha chiamato la polizia.

Galleria fotografica
Una normale famiglia di mostri - immagine 1
Una normale famiglia di mostri - immagine 2
Una normale famiglia di mostri - immagine 3
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi