Una normale famiglia di mostri

| David e Louise Turpin sono stati condannati a 25 anni di carcere dopo che si sono dichiarati colpevoli di tortura e prigionia dei loro 13 figli

+ Miei preferiti
“I miei genitori mi hanno rubato tutta la vita”, ha detto una delle loro figlie, identificata come sconosciuta numero 4. Era una di due dei due bambini, entrambi ora al college, che è apparsa in tribunale venerdì per testimoniare su come hanno sofferto per mano dei loro genitori, in un processo che ha portato davanti agli occhi di tutto il mondo una storia allucinante.

David e Louise Turpin, genitori di 13 figli, sembravano una famiglia da pubblicità: tanti, sorridenti, uniti, erano l’orgoglio del quartiere. Ma quando le porte di casa si chiudevano, per i ragazzi iniziava l’inferno: incatenati, sporchi, a volte chiusi dentro gabbie, malnutriti, mai visitati da un medico in vita loro. Sono sopravvissuti e questo è il vero miracolo di quella che hanno ribattezzato “la casa degli orrori”.

Ad aprire il vaso di Pandora, nel gennaio del 2018, era stata la telefonata di una delle più grandi, una ragazzina di 17 anni, che al 911 ha raccontato tutto: “I miei genitori abusano di me e dei miei fratelli: in questo momento due delle mie sorelline sono incatenate”. Quando le chiedono l’indirizzo di casa fatica: “Esco pochissimo di casa, non lo ricordo bene”.

Le poche indicazioni sono bastate alla polizia per individuare l’indirizzo della famiglia Turpin, a Riverside, elegante cittadina californiana a poca distanza da Los Angeles. Lo spettacolo che si è presentato agli occhi degli agenti era impressionante: 13 ragazzi, fra i 2 ai 29 anni, malnutriti, sporchi, in stato di completo abbandono. 

Oggi, ha detto una delle figlia più grandi, che dopo l’arresto dei genitori ha scelto di vivere da sola, “La vita è fantastica”. L’ha detto subito dopo la condanna a 25 anni di carcere inflitta ai suoi genitori, Louise e David Turpin.

Uno dei loro figli, identificato come “John Doe Number 2”, ha detto alla corte: “Non posso descrivere a parole quello che abbiamo passato crescendo. A volte ho ancora incubi per cose che sono successe, come l’essere incatenati o essere picchiati senza ragione. Eppure voglio bene ai miei genitori, e dentro di me li ho perdonati per molte delle cose che ci hanno fatto, ma quella situazione doveva finire. È giusto così”.

Oggi lavorano, vanno all’università, raccontano di aver imparato a nuotare e a fare cose che gli sono sempre state negate, come andare in bicicletta. 



“Mi dispiace per tutto”, ha sussurrato Louise Turpin guardando i suoi figli fra le lacrime. Insieme, la coppia ha colto l’occasione per scusarsi con i loro figli e sperare che riescano a costruirsi un’esistenza degna di essere vissuta.

“Mi dispiace per tutte le sofferenze che ho procurato ai miei figli, sono convinta che Dio abbia un piano speciale per ognuno di loro: li amo più di quanto possano immaginare”.

“Faremo di tutto perché i vostri figli abbiano una vita normale, malgrado voi - ha commentato il giudice - il trattamento egoista, crudele e disumano li ha privati del di crescere in una famiglia normale”.

Il tribunale ha anche emesso dei particolari ordini protettivi per ciascuno dei bambini, compreso il divieto di David e Louise Turpin di avere contatti di qualsiasi tipo con loro.

Se non fosse stato per il coraggio di una ragazzina di 17 anni, probabilmente degli orrori della famiglia Turpin non si sarebbe mai saputo nulla. L’adolescente progettava la fuga da almeno due anni: ha trovato per caso un cellulare e ha chiamato la polizia.

Galleria fotografica
Una normale famiglia di mostri - immagine 1
Una normale famiglia di mostri - immagine 2
Una normale famiglia di mostri - immagine 3
Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia