Un’altra prof abusa di un allievo

| Una donna di 39 anni, insegnante di scienze della salute, denunciata da un suo alunno di 17 anni: la polizia ha trovato numerose tracce organiche

+ Miei preferiti
Si chiama Edna Mabel Longoria, ha 39 anni, ed è l’ennesima professoressa a finire nei guai per aver fatto sesso con un suo alunno. È successo ancora una volta negli Stati Uniti, alla “Veterans Memorial High School” di Mission, in Texas, dove la professoressa Longoria insegna scienze della salute.

È stato un suo alunno, un ragazzo di 17 anni, a denunciare degli incontri sessuali con la prof avvenuti a partire dal 22 febbraio di quest’anno, e tutti consumati all’interno del complesso scolastico. Seguendo le indicazioni fornite dal ragazzo sui luoghi dove sarebbero avvenuti gli incontri, la polizia ha rinvenuto “tracce biologiche” inviate ad un laboratorio per stabilire se realmente appartengano alla professoressa e al suo allievo.



L’insegnante è stata arrestata e rilasciata su cauzione, anche perché le indagini hanno già permesso di acquisire dai rispettivi smartphone alcune conversazioni definite “inappropriate e piene di riferimenti sessuali” scambiate su Snapchat. La prof rischia fino a 20 anni di reclusione o una multa di diverse migliaia di dollari.

Galleria fotografica
Un’altra prof abusa di un allievo - immagine 1
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia