Un’altra vittima della Columbine High School

| Austin Eubanks, 37 anni, nel 1999 era scampato per miracolo alla peggior strage scolastica americana: era caduto in depressione e vittima della droga, ma era riuscito a uscirne facendo in modo che la sua esperienza fosse da esempio

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sono passati poco più di vent’anni dalla maledetta mattina del 20 aprile 1999: quel giorno Eric Harris e Dylan Klebold entrano nell’istituto che frequentano, la “Columbine High School”, e fanno strage di compagni di scuola ed insegnanti. Quello che in America è ricordato come uno dei più sanguinosi episodi di “school shooting”, costa la vita a 15 persone, a cui aggiungere 24 feriti. Fra questi c’era Austin Eubanks, 18 anni, ferito ma fortunato di essere ancora vivo.

Quel giorno Austin era in biblioteca insieme ad altri suoi compagni: stavano decidendo se dopo la scuola fosse stato meglio andare a pesca o fare una partita a golf. Ma un insegnante era entrato di corsa urlando di trovare riparo sotto i banchi perché c’era gente armata che si aggirava dentro la scuola: dieci minuti dopo, Harris e Klebold entrano nella biblioteca e iniziano a sparare metodicamente a chiunque avesse cercato di trovare riparo. Corey DePooter, il suo miglior amico, muore sul colpo: i proiettili colpiscono anche Austin ad una mano e un ginocchio, ma per quegli strani disegni del destino, non lo uccidono.

Una fortuna che Austin paga a caro prezzo: i farmaci per combattere i dolori si trasformano presto in tossicodipendenza, “più per tenere a bada il dolore che provavo dentro di quello fisico”, aveva dichiarato tempo dopo.

Per dodici lunghi anni, Austin ha lottato contro le droghe e i fantasmi che da quel giorno gli toglievano il sonno: vincere non era stato facile, era entrato e uscito più volte da centri di recupero, fin quando ha trovato la forza giusta. A 25 anni si sposa, ma divorzia quattro anni e due figli dopo. Sapeva di dover essere un esempio per il suo Paese, e ha fatto di tutto per onorare la memoria degli amici che ha perso quel giorno e raccontare ogni volta da capo la sua esperienza terrificante sperando che servisse a salvare altre vite: girava senza sosta per le scuole degli Stati Uniti, raccontava delle armi, del suo amico, del sangue, della paura, della morte che i ragazzini dovrebbe lasciarli stare, per legge. Ma non è così.

Era stato un membro del consiglio di amministrazione di diverse organizzazioni senza scopo di lucro e il direttore operativo della “NorthStar Transitions”. Non si fermava mai, sapeva di non poterselo permettere: l’ultima volta aveva parlato il 2 maggio scorso alla “Connecticut Opioid and Prescription Drug Prevention Conference”.

Ha resistito come poteva per vent’anni, ma qualche ora fa ha scelto di consegnarsi nelle mani del destino che nel 1999 l’aveva graziato: Austin Eubanks è stato trovato morto nella sua abitazione di Styeamboat Springs, in Colorado. Aveva 37 anni.

Mentre la polizia ha annunciato l’apertura di un’inchiesta, anche se al momento l’ipotesi più probabile sembra essere quella del suicidio, la famiglia ha diffuso un breve commento: “Ha perso la battaglia della malattia che ha combattuto duramente, insegnando agli altri come affrontarla”.

Galleria fotografica
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 1
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 2
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 3
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 4
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 5
Stati Uniti
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto
L’ultima beffa di Mr. Untouchable
L’ultima beffa di Mr. Untouchable
Leroy Barnes, elegantissimo signore della droga newyorkese, è morto nel 2012, ma la notizia è stata rivelata soltanto a pochi giorni dalla scomparsa del suo rivale di sempre, Frank Lucas
Sgominata da banda degli iPhone
Sgominata da banda degli iPhone
In sette anni sono riusciti a rubare migliaia di smartphone Apple rivendendoli sul mercato nero: si parla di un bottino di circa 19 milioni di dollari