Un’altra vittima della Columbine High School

| Austin Eubanks, 37 anni, nel 1999 era scampato per miracolo alla peggior strage scolastica americana: era caduto in depressione e vittima della droga, ma era riuscito a uscirne facendo in modo che la sua esperienza fosse da esempio

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sono passati poco più di vent’anni dalla maledetta mattina del 20 aprile 1999: quel giorno Eric Harris e Dylan Klebold entrano nell’istituto che frequentano, la “Columbine High School”, e fanno strage di compagni di scuola ed insegnanti. Quello che in America è ricordato come uno dei più sanguinosi episodi di “school shooting”, costa la vita a 15 persone, a cui aggiungere 24 feriti. Fra questi c’era Austin Eubanks, 18 anni, ferito ma fortunato di essere ancora vivo.

Quel giorno Austin era in biblioteca insieme ad altri suoi compagni: stavano decidendo se dopo la scuola fosse stato meglio andare a pesca o fare una partita a golf. Ma un insegnante era entrato di corsa urlando di trovare riparo sotto i banchi perché c’era gente armata che si aggirava dentro la scuola: dieci minuti dopo, Harris e Klebold entrano nella biblioteca e iniziano a sparare metodicamente a chiunque avesse cercato di trovare riparo. Corey DePooter, il suo miglior amico, muore sul colpo: i proiettili colpiscono anche Austin ad una mano e un ginocchio, ma per quegli strani disegni del destino, non lo uccidono.

Una fortuna che Austin paga a caro prezzo: i farmaci per combattere i dolori si trasformano presto in tossicodipendenza, “più per tenere a bada il dolore che provavo dentro di quello fisico”, aveva dichiarato tempo dopo.

Per dodici lunghi anni, Austin ha lottato contro le droghe e i fantasmi che da quel giorno gli toglievano il sonno: vincere non era stato facile, era entrato e uscito più volte da centri di recupero, fin quando ha trovato la forza giusta. A 25 anni si sposa, ma divorzia quattro anni e due figli dopo. Sapeva di dover essere un esempio per il suo Paese, e ha fatto di tutto per onorare la memoria degli amici che ha perso quel giorno e raccontare ogni volta da capo la sua esperienza terrificante sperando che servisse a salvare altre vite: girava senza sosta per le scuole degli Stati Uniti, raccontava delle armi, del suo amico, del sangue, della paura, della morte che i ragazzini dovrebbe lasciarli stare, per legge. Ma non è così.

Era stato un membro del consiglio di amministrazione di diverse organizzazioni senza scopo di lucro e il direttore operativo della “NorthStar Transitions”. Non si fermava mai, sapeva di non poterselo permettere: l’ultima volta aveva parlato il 2 maggio scorso alla “Connecticut Opioid and Prescription Drug Prevention Conference”.

Ha resistito come poteva per vent’anni, ma qualche ora fa ha scelto di consegnarsi nelle mani del destino che nel 1999 l’aveva graziato: Austin Eubanks è stato trovato morto nella sua abitazione di Styeamboat Springs, in Colorado. Aveva 37 anni.

Mentre la polizia ha annunciato l’apertura di un’inchiesta, anche se al momento l’ipotesi più probabile sembra essere quella del suicidio, la famiglia ha diffuso un breve commento: “Ha perso la battaglia della malattia che ha combattuto duramente, insegnando agli altri come affrontarla”.

Galleria fotografica
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 1
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 2
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 3
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 4
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 5
Stati Uniti
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento