Un’altra vittima della Columbine High School

| Austin Eubanks, 37 anni, nel 1999 era scampato per miracolo alla peggior strage scolastica americana: era caduto in depressione e vittima della droga, ma era riuscito a uscirne facendo in modo che la sua esperienza fosse da esempio

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sono passati poco più di vent’anni dalla maledetta mattina del 20 aprile 1999: quel giorno Eric Harris e Dylan Klebold entrano nell’istituto che frequentano, la “Columbine High School”, e fanno strage di compagni di scuola ed insegnanti. Quello che in America è ricordato come uno dei più sanguinosi episodi di “school shooting”, costa la vita a 15 persone, a cui aggiungere 24 feriti. Fra questi c’era Austin Eubanks, 18 anni, ferito ma fortunato di essere ancora vivo.

Quel giorno Austin era in biblioteca insieme ad altri suoi compagni: stavano decidendo se dopo la scuola fosse stato meglio andare a pesca o fare una partita a golf. Ma un insegnante era entrato di corsa urlando di trovare riparo sotto i banchi perché c’era gente armata che si aggirava dentro la scuola: dieci minuti dopo, Harris e Klebold entrano nella biblioteca e iniziano a sparare metodicamente a chiunque avesse cercato di trovare riparo. Corey DePooter, il suo miglior amico, muore sul colpo: i proiettili colpiscono anche Austin ad una mano e un ginocchio, ma per quegli strani disegni del destino, non lo uccidono.

Una fortuna che Austin paga a caro prezzo: i farmaci per combattere i dolori si trasformano presto in tossicodipendenza, “più per tenere a bada il dolore che provavo dentro di quello fisico”, aveva dichiarato tempo dopo.

Per dodici lunghi anni, Austin ha lottato contro le droghe e i fantasmi che da quel giorno gli toglievano il sonno: vincere non era stato facile, era entrato e uscito più volte da centri di recupero, fin quando ha trovato la forza giusta. A 25 anni si sposa, ma divorzia quattro anni e due figli dopo. Sapeva di dover essere un esempio per il suo Paese, e ha fatto di tutto per onorare la memoria degli amici che ha perso quel giorno e raccontare ogni volta da capo la sua esperienza terrificante sperando che servisse a salvare altre vite: girava senza sosta per le scuole degli Stati Uniti, raccontava delle armi, del suo amico, del sangue, della paura, della morte che i ragazzini dovrebbe lasciarli stare, per legge. Ma non è così.

Era stato un membro del consiglio di amministrazione di diverse organizzazioni senza scopo di lucro e il direttore operativo della “NorthStar Transitions”. Non si fermava mai, sapeva di non poterselo permettere: l’ultima volta aveva parlato il 2 maggio scorso alla “Connecticut Opioid and Prescription Drug Prevention Conference”.

Ha resistito come poteva per vent’anni, ma qualche ora fa ha scelto di consegnarsi nelle mani del destino che nel 1999 l’aveva graziato: Austin Eubanks è stato trovato morto nella sua abitazione di Styeamboat Springs, in Colorado. Aveva 37 anni.

Mentre la polizia ha annunciato l’apertura di un’inchiesta, anche se al momento l’ipotesi più probabile sembra essere quella del suicidio, la famiglia ha diffuso un breve commento: “Ha perso la battaglia della malattia che ha combattuto duramente, insegnando agli altri come affrontarla”.

Galleria fotografica
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 1
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 2
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 3
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 4
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 5
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda