Un’altra vittima della Columbine High School

| Austin Eubanks, 37 anni, nel 1999 era scampato per miracolo alla peggior strage scolastica americana: era caduto in depressione e vittima della droga, ma era riuscito a uscirne facendo in modo che la sua esperienza fosse da esempio

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Sono passati poco più di vent’anni dalla maledetta mattina del 20 aprile 1999: quel giorno Eric Harris e Dylan Klebold entrano nell’istituto che frequentano, la “Columbine High School”, e fanno strage di compagni di scuola ed insegnanti. Quello che in America è ricordato come uno dei più sanguinosi episodi di “school shooting”, costa la vita a 15 persone, a cui aggiungere 24 feriti. Fra questi c’era Austin Eubanks, 18 anni, ferito ma fortunato di essere ancora vivo.

Quel giorno Austin era in biblioteca insieme ad altri suoi compagni: stavano decidendo se dopo la scuola fosse stato meglio andare a pesca o fare una partita a golf. Ma un insegnante era entrato di corsa urlando di trovare riparo sotto i banchi perché c’era gente armata che si aggirava dentro la scuola: dieci minuti dopo, Harris e Klebold entrano nella biblioteca e iniziano a sparare metodicamente a chiunque avesse cercato di trovare riparo. Corey DePooter, il suo miglior amico, muore sul colpo: i proiettili colpiscono anche Austin ad una mano e un ginocchio, ma per quegli strani disegni del destino, non lo uccidono.

Una fortuna che Austin paga a caro prezzo: i farmaci per combattere i dolori si trasformano presto in tossicodipendenza, “più per tenere a bada il dolore che provavo dentro di quello fisico”, aveva dichiarato tempo dopo.

Per dodici lunghi anni, Austin ha lottato contro le droghe e i fantasmi che da quel giorno gli toglievano il sonno: vincere non era stato facile, era entrato e uscito più volte da centri di recupero, fin quando ha trovato la forza giusta. A 25 anni si sposa, ma divorzia quattro anni e due figli dopo. Sapeva di dover essere un esempio per il suo Paese, e ha fatto di tutto per onorare la memoria degli amici che ha perso quel giorno e raccontare ogni volta da capo la sua esperienza terrificante sperando che servisse a salvare altre vite: girava senza sosta per le scuole degli Stati Uniti, raccontava delle armi, del suo amico, del sangue, della paura, della morte che i ragazzini dovrebbe lasciarli stare, per legge. Ma non è così.

Era stato un membro del consiglio di amministrazione di diverse organizzazioni senza scopo di lucro e il direttore operativo della “NorthStar Transitions”. Non si fermava mai, sapeva di non poterselo permettere: l’ultima volta aveva parlato il 2 maggio scorso alla “Connecticut Opioid and Prescription Drug Prevention Conference”.

Ha resistito come poteva per vent’anni, ma qualche ora fa ha scelto di consegnarsi nelle mani del destino che nel 1999 l’aveva graziato: Austin Eubanks è stato trovato morto nella sua abitazione di Styeamboat Springs, in Colorado. Aveva 37 anni.

Mentre la polizia ha annunciato l’apertura di un’inchiesta, anche se al momento l’ipotesi più probabile sembra essere quella del suicidio, la famiglia ha diffuso un breve commento: “Ha perso la battaglia della malattia che ha combattuto duramente, insegnando agli altri come affrontarla”.

Galleria fotografica
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 1
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 2
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 3
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 4
Un’altra vittima della Columbine High School - immagine 5
Stati Uniti
Sparatoria alla Casa Bianca
Sparatoria alla Casa Bianca
La sicurezza avrebbe aperto il fuoco contro un uomo armato che si avvicinava ai cancelli ignorando gli avvisi. Trump portato la sicuro dai servizi segreti
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Trump voleva un posto sul Mount Rushmore
Uno scoop del NYT svela le manovre del presidente e della Casa Bianca per aggiungere il volto di Trump a quelli dei padri della patria
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Sempre più americani rinunciano alla cittadinanza
Secondo uno studio demografico, un numero record di persone sta rinunciando alla cittadinanza statunitense. Fra i motivi le politiche di Trump e le tasse troppo elevate
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Le previsioni del professore: vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso