U.S. Marshall pronti al verdetto contro El Chapo

| Una fonte interna del tribunale racconta le esercitazioni dei militari americani che proteggono il processo al boss della droga. Si temono incursioni armate

+ Miei preferiti
Quando sarà emesso il verdetto contro El Chapo, l’ex sovrano del cartello di Sinaloa, le forze dell'ordine in tribunale saranno pronte per lo scenario peggiore. Lo rivelano alcune fonti interne del Tribunale di Brooklyn dove si celebra il processo che in settimana dovrebbe arrivare alla sentenza. Si teme che la probabile condanna all’ergastolo possa trasformarsi in disordini, proteste e tentativi di far evadere il narcotrafficante.

Gli U.S. Marshal impegnati nel difendere il processo si sarebbero sottoposti a esercitazioni in cui simulare possibili scenari: diversi dipendenti del tribunale sarebbero stati reclutati per fingersi ostaggi ed altri nel ruolo di possibili attentatori. Azioni cronometrate, per valutare il grado di reazione per annullare eventuali incursioni.

Le esercitazioni hanno colto di sorpresa il personale della corte. Una fonte, che da anni lavora in tribunale, assicura che non si era mai visto nulla d simile, malgrado decine di casi di alto profilo siano stati dibattuti negli anni. 

Anche giurati e testimoni sono stati parzialmente sequestrati durante il processo, protetti da una cortina invalicabile di sicurezza per proteggerne l’anonimato e l’incolumità.

Stati Uniti
Investe il figlio che non vuole andare a scuola
Investe il figlio che non vuole andare a scuola
A Belmont, in Michigan, una donna ha perso la pazienza verso il figlio travolgendolo con l’auto dopo una folle corsa. Il ragazzino avrà danni permanenti, ma la condanna per la donna è stata lieve
Manette & forchette
Manette & forchette
Souljia Boy, Bill Cosby, Suge Knight e Jared Fogle: quattro nomi noti di celebrità finite dietro le sbarre. Ecco cosa hanno ordinato per celebrare la Pasqua nelle loro celle
A 14 anni progettavano una strage
A 14 anni progettavano una strage
Grazie alla segnalazione di un’insegnante, due adolescenti della Florida sono state arrestate: curavano da tempo il “Progetto 9/11”
Una normale famiglia di mostri
Una normale famiglia di mostri
David e Louise Turpin sono stati condannati a 25 anni di carcere dopo che si sono dichiarati colpevoli di tortura e prigionia dei loro 13 figli
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Rapporto Mueller: Trump salvo a metà
Il presidente canta vittoria, ma l’indagine del superprocuratore è costruita in modo ambiguo, così da lasciare aperta al Congresso al possibilità di chiedere l’impeachment o di incriminarlo a fine mandato
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Stati Uniti: storia di una strage sfiorata
Sol Pays, una studentessa di 18 anni, voleva celebrare i 20 anni del massacro di Columbine aggiungendo altri morti. È stata individuata prima di riuscire a mettere in pratica la sua follia, e ha scelto di suicidarsi
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
New York: tenta di dare fuoco a St. Patrick
Un uomo, definito “disturbato mentalmente”, è stato fermato con due taniche di benzina all’interno della cattedrale affacciata sulla Quinta Strada
Morire a 22 anni per un selfie
Morire a 22 anni per un selfie
Una ragazza dell’Oregon prossima alla laurea è salita sulla torre dell’ateneo che frequentava ed è precipitata, morendo poco dopo. Non è ancora chiara la dinamica dell’incidente
Donald Trump, il signore del kitsch
Donald Trump, il signore del kitsch
Un’artista americano ha raccolto più di 1000 oggetti che riguardano l’attività imprenditoriale e la carriera del presidente
Chase e Jaimee, l’amore che fa discutere gli USA
Chase e Jaimee, l’amore che fa discutere gli USA
Lui ha 18 anni, lei 39, ed è la mamma del suo migliore amico. Fra i due è scoppiata la passione e ora lei attende il divorzio per sposarlo