USA: 130 morti al giorno per overdose

| Una strage quotidiana dovuta agli oppioidi, la nuova frontiera della tossicodipendenza, che sta iniziando a mietere vittime anche in Europa. Alla Scozia il primato peggiore dell’UE

+ Miei preferiti
Ogni 15 minuti, negli Stati Uniti nasce un bambino che presenta sintomi di astinenza da oppioidi. Quella raccontata dal “National Institute on Drug abuse” americano è l’immagine di una strage che si consuma ogni giorno nei 50 stati: 130 morti al giorno, 47.600 dal 2017 ad oggi. “Molti più morti per overdose che per armi da fuoco e incidenti stradali messi insieme”. Tutti vittime di eroina e metadone, ma soprattutto di oppioidi sintetici il cui nome è entrato nel linguaggio comune per aver fatto anche vittime illustri: Fentanyl, OxyContin, Norco, Vicodin.

Gli Stati Uniti sono la punta dell’iceberg, ma il resto del mondo non se la passa meglio: l’aumento del consumo di oppioidi è cresciuto del 56% in un solo anno, fra il 2016 ed il 2017. Lo dice un preoccupante report delle Nazioni Unite, che parla di 53,4 milioni di persone al mondo che ogni giorno fanno uso di oppioidi. Un mercato che ingrassa soprattutto la famiglia Sackler, proprietaria della “Purdue Pharma”, il colosso farmaceutico che ha ideato l’OxyContin a base di morfina, facendo una fortuna.

Le cause legali hanno ridotto Purdue Pharma sull’orlo della bancarotta, ed è solo l’inizio di una battaglia che annuncia class action e una valanga di processi con pene risarcitorie enormi. Lo stato dell’Oklahoma ha citato in giudizio la “Johnson & Johnson”, chiedendo un risqrcimento di 17 milioni di dollari per quella che ha definito la peggior crisi di salute pubblica creata dall’uomo nella storia. Nell’occhio delle autorità sanitarie c’è anche l’israeliana “Teva Pharmaceuticals”, che insieme alle altre due avrebbe fatto pressioni sui medici perché i farmaci a base di oppioidi fossero diffusi a tappeto, secondo diverse accuse minimizzando i rischi di dipendenza e le conseguenze letali.

In Europa, dove gli oppioidi stanno iniziando a invadere i mercati dello spaccio, la situazione peggiore si registra in Scozia, in assoluto il paese con il più alto tasso di morti per droga di tutto il vecchio continente, e perfino superiore alla media britannica. La causa principale, secondo le autorità sanitarie, è il metadone, il sostituto dell’eroina prescritto dai medici che lo scorso anno ha causato 1.187 morti, con un aumento del 27% rispetto al 2017. Seguono a ruota eroina, morfina e ansiolitici, venduti per strada a prezzi stracciati e assunti insieme agli oppiacei con effetti devastanti.

In Italia, se può essere di consolazione, le statistiche raccontano che si muore per overdose meno di un tempo: nel 1995 c’erano stati 1.200 morti, oggi il numero di decessi è sceso a 200.

Articoli correlati
Galleria fotografica
USA: 130 morti al giorno per overdose - immagine 1
USA: 130 morti al giorno per overdose - immagine 2
USA: 130 morti al giorno per overdose - immagine 3
Stati Uniti
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali