USA 2020, arriva Bloomberg

| L’ex sindaco di New York sarebbe pronto a scendere in campo, mentre il capo dello staff presidenziale dovrà deporre al Congresso e nelle librerie arriva un libro shock

+ Miei preferiti
La politica americana sta diventando una battaglia fra ex sindaci di New York: da una parte Rudy Giuliani, impegnato a difendere Trump fino all’ultimo, dall’altra Michael Bloomberg, che potrebbe avere il compito di suonargliele alle presidenziali del prossimo anno.

È il “Financial Times” a rivelare la mossa a sorpresa dei Dem, alle prese con 16 candidati considerati troppo deboli per poter pensare di farcela. I tre più accreditati segnano il passo: Biden, anche se di sponda, è finito nel tritacarne dell’Ucrainagate, Elizabeth Warren è quella che va meglio, ma alla fine le sue proposte su tasse e sanità potrebbero pesare sulle urne, e Bernie Sanders questa volta non sembra decollare. L’allarme arriva anche perché secondo recenti sondaggi, malgrado la pioggia di accuse, Trump potrebbe strappare il secondo mandato, anche se con margini che si fanno via via più risicati.

Bloomberg, 77 anni, miliardario bostoniano a capo della multinazionale che porta il suo nome, dal 2001 sindaco di New York per tre mandati, starebbe seriamente meditando la mossa, e in gran segreto preparerebbe la documentazione necessaria per presentarsi come candidato in Alabama, dove il voto è previsto il 3 marzo prossimo.

Sul fronte dell’impeachment, l’aria inizia a farsi bollente: la Camera ha spiccato un mandato di comparizione ufficiale nei confronti di Mick Mulvaney, capo dello staff presidenziale. E a corredo di una situazione sempre più infuocata, arriva nelle librerie “A Warning”, un libro scritto da un anonimo funzionario della Casa Bianca che racconta le vicende di un presidente “crudele, inetto e pericoloso” al punto che lo scorso anno un gruppo di alti funzionari della White House aveva progettato un licenziamento di massa per aprire gli occhi al paese su quello che Trump stava facendo. Dopo lunghe riunioni e con il timore di destabilizzare la più grande potenza mondiale e il resto del pianeta, si convinsero uno dopo l’altro a desistere.

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi