USA 2020, arriva Bloomberg

| L’ex sindaco di New York sarebbe pronto a scendere in campo, mentre il capo dello staff presidenziale dovrà deporre al Congresso e nelle librerie arriva un libro shock

+ Miei preferiti
La politica americana sta diventando una battaglia fra ex sindaci di New York: da una parte Rudy Giuliani, impegnato a difendere Trump fino all’ultimo, dall’altra Michael Bloomberg, che potrebbe avere il compito di suonargliele alle presidenziali del prossimo anno.

È il “Financial Times” a rivelare la mossa a sorpresa dei Dem, alle prese con 16 candidati considerati troppo deboli per poter pensare di farcela. I tre più accreditati segnano il passo: Biden, anche se di sponda, è finito nel tritacarne dell’Ucrainagate, Elizabeth Warren è quella che va meglio, ma alla fine le sue proposte su tasse e sanità potrebbero pesare sulle urne, e Bernie Sanders questa volta non sembra decollare. L’allarme arriva anche perché secondo recenti sondaggi, malgrado la pioggia di accuse, Trump potrebbe strappare il secondo mandato, anche se con margini che si fanno via via più risicati.

Bloomberg, 77 anni, miliardario bostoniano a capo della multinazionale che porta il suo nome, dal 2001 sindaco di New York per tre mandati, starebbe seriamente meditando la mossa, e in gran segreto preparerebbe la documentazione necessaria per presentarsi come candidato in Alabama, dove il voto è previsto il 3 marzo prossimo.

Sul fronte dell’impeachment, l’aria inizia a farsi bollente: la Camera ha spiccato un mandato di comparizione ufficiale nei confronti di Mick Mulvaney, capo dello staff presidenziale. E a corredo di una situazione sempre più infuocata, arriva nelle librerie “A Warning”, un libro scritto da un anonimo funzionario della Casa Bianca che racconta le vicende di un presidente “crudele, inetto e pericoloso” al punto che lo scorso anno un gruppo di alti funzionari della White House aveva progettato un licenziamento di massa per aprire gli occhi al paese su quello che Trump stava facendo. Dopo lunghe riunioni e con il timore di destabilizzare la più grande potenza mondiale e il resto del pianeta, si convinsero uno dopo l’altro a desistere.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa