USA 2020, arriva Bloomberg

| Il prossimo inquilino della Casa Bianca sarà probabilmente decretato dalla battaglia fra due uomini ai primi posti delle classifiche di ricchezza: Michael Bloomberg e Donald Trump

+ Miei preferiti
“Correrò per la presidenza, per sconfiggere Trump e ricostruire l’America. Non possiamo permetterci altri quattro anni di politica scellerata”: sono le poche parole con cui Michael Bloomberg ha ufficializzato la sua decisione di candidarsi nelle file dei Democratici lanciando la sfida a Donald Trump. Dovrà vedersela con una frotta di candidati che non hanno alcuna voglia di mollare, fra cui Joe Biden, Elizabeth Warren e Pete Buttigieg, ma secondo le prime analisi potrebbe non avere rivali.

È la prima volta, nella storia degli Stati Uniti d’America, che due uomini inseriti nella classifica “Forbes” riservata ai più ricchi del pianeta, si scontrano per occupare la poltrona presidenziale. Una sfida epocale, con montagne di soldi destinati a supportare le rispettive campagne, da poter risollevare il debito pubblico di qualsiasi paese al mondo.

Una decisione che era nell’aria, malgrado lo stesso Bloomberg all’inizio di quest’anno avesse negato ogni pensiero verso una propria candidatura. Pare che a fargli cambiare idea sia stata la consapevolezza che nessuno dei candidati attuali avesse la forza di battere davvero Donald. Così, Michael ha rotto gli indugi e il salvadanaio, tirando fuori 37 milioni di dollari destinati a finanziare pubblicità televisive su 100 canali, soltanto per coprire le prossime due settimane, il resto arriverà a breve. Più di quanto l’intero parterre dei candidati Dem abbia speso finora.

Imprenditore e filantropo, 77 anni, figlio di un contabile di Boston, piccolo genio dei numeri fin dai tempi della scuola, Michael Bloomberg ha fatto fortuna creando una tecnologia che i banchieri e finanziari utilizzano per accedere ai dati di mercato. Dopo aver costruito un’attività di informazione finanziaria di successo, si è rivolto alla politica. Nel 2001 ha lanciato ufficialmente la propria candidatura per diventare sindaco di New York nelle file dei repubblicani, spuntandola malgrado la Grande Mela abbia una tradizione prevalentemente democratica. Poi ha scelto di cambiare schieramento diventando indipendente, passaggio che ha anticipato l’ingresso nei Dem lo scorso anno.

A causa del suo ingresso a scoppio ritardato nella corsa alle presidenziali, lo staff ha comunicato che Bloomberg non parteciperà alle prime quattro consultazioni previste in Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina. Preferisce puntare su una strategia non convenzionale che si concentra soprattutto sugli stati delle primarie del 3 marzo, quelli del “Super Martedì”. È una strategia che non ha mai avuto successo nella politica presidenziale democratica, ma c’è sempre una prima volta.

Il suo programma, semplice e lineare, include le voci che stanno più a cuore all’elettorato Democratico, come la difesa delle industrie e del lavoro, la lotta al cambiamento climatico e la drastica riduzione delle armi da fuoco. Ha speso più di 100 milioni di dollari per aiutare il partito ad assumere il controllo della Camera durante le elezioni di medio termine del 2018 e, più recentemente, ha contribuito a importanti tornate elettorali in Virginia. Ma adesso si trova di fronte a diverse sfide, compreso contrastare la semina già in corso di candidati progressisti come Bernie Sanders del Vermont ed Elizabeth Warren del Massachusetts, ambedue lesti a fargli capire l’aria che tira: “I miliardari non dovrebbero essere in grado di comprarsi le elezioni”. 

Stati Uniti
Lo scandalo dei bagni
per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni<br>per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere
L’America si prepara alla guerra
L’America si prepara alla guerra
L’FBI teme ‘proteste armate’ in tutte le 50 capitali dello stato. Le forze dell’ordine blindano Washington temendo nuovi attacchi da parte dei sostenitori di Trump, che minacciano la guerra civile se fosse dimesso con il 25esimo emendamento
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Trump potrebbe salvarsi, ancora una volta
Il 25esimo emendamento sembra difficile che arrivi, al contrario dell’impeachment. Fra i contrario lo stesso Biden, che non vuole passare i primi giorni di presidenza a cercare una condanna per Trump invece di pensare ai problemi del Paese
La resa dei conti di Capitol Hill
La resa dei conti di Capitol Hill
Uno dopo l’altro, i protagonisti della protesta stanno finendo in manette: fra loro emergono numerosi agenti e militari fuori servizio. Contro Trump, sempre più isolato, si compatta il fronte di chi chiede il 25esimo emendamento
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill
Gli esperti in sicurezza informatica da giorni notavano sui siti di estrema destra un crescendo di minacce e inviti alla violenza per bloccare i lavori del Campidoglio. E crescono le preoccupazioni per il giorno del giuramento di Biden
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Capitol Hill: la compiacenza della polizia sotto accusa
Gli agenti “arrendevoli” di fronte alla folla di bianchi che prendeva d’assalto il Campidoglio, messa a confronto con le proteste della scorsa estate per la morte di George Floyd
L’era Trump si chiude nel peggiore dei modi
L’era Trump si chiude nel peggiore dei modi
Il ricorso al 25esimo emendamento, oppure un impeachment lampo: secondo il “Wall Street Journal” dovrebbe dimettersi e allontanarsi in silenzio. In qualsiasi modo, la sua presidenza si chiuderà molto male