USA 2020, arriva Bloomberg

| Il prossimo inquilino della Casa Bianca sarà probabilmente decretato dalla battaglia fra due uomini ai primi posti delle classifiche di ricchezza: Michael Bloomberg e Donald Trump

+ Miei preferiti
“Correrò per la presidenza, per sconfiggere Trump e ricostruire l’America. Non possiamo permetterci altri quattro anni di politica scellerata”: sono le poche parole con cui Michael Bloomberg ha ufficializzato la sua decisione di candidarsi nelle file dei Democratici lanciando la sfida a Donald Trump. Dovrà vedersela con una frotta di candidati che non hanno alcuna voglia di mollare, fra cui Joe Biden, Elizabeth Warren e Pete Buttigieg, ma secondo le prime analisi potrebbe non avere rivali.

È la prima volta, nella storia degli Stati Uniti d’America, che due uomini inseriti nella classifica “Forbes” riservata ai più ricchi del pianeta, si scontrano per occupare la poltrona presidenziale. Una sfida epocale, con montagne di soldi destinati a supportare le rispettive campagne, da poter risollevare il debito pubblico di qualsiasi paese al mondo.

Una decisione che era nell’aria, malgrado lo stesso Bloomberg all’inizio di quest’anno avesse negato ogni pensiero verso una propria candidatura. Pare che a fargli cambiare idea sia stata la consapevolezza che nessuno dei candidati attuali avesse la forza di battere davvero Donald. Così, Michael ha rotto gli indugi e il salvadanaio, tirando fuori 37 milioni di dollari destinati a finanziare pubblicità televisive su 100 canali, soltanto per coprire le prossime due settimane, il resto arriverà a breve. Più di quanto l’intero parterre dei candidati Dem abbia speso finora.

Imprenditore e filantropo, 77 anni, figlio di un contabile di Boston, piccolo genio dei numeri fin dai tempi della scuola, Michael Bloomberg ha fatto fortuna creando una tecnologia che i banchieri e finanziari utilizzano per accedere ai dati di mercato. Dopo aver costruito un’attività di informazione finanziaria di successo, si è rivolto alla politica. Nel 2001 ha lanciato ufficialmente la propria candidatura per diventare sindaco di New York nelle file dei repubblicani, spuntandola malgrado la Grande Mela abbia una tradizione prevalentemente democratica. Poi ha scelto di cambiare schieramento diventando indipendente, passaggio che ha anticipato l’ingresso nei Dem lo scorso anno.

A causa del suo ingresso a scoppio ritardato nella corsa alle presidenziali, lo staff ha comunicato che Bloomberg non parteciperà alle prime quattro consultazioni previste in Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina. Preferisce puntare su una strategia non convenzionale che si concentra soprattutto sugli stati delle primarie del 3 marzo, quelli del “Super Martedì”. È una strategia che non ha mai avuto successo nella politica presidenziale democratica, ma c’è sempre una prima volta.

Il suo programma, semplice e lineare, include le voci che stanno più a cuore all’elettorato Democratico, come la difesa delle industrie e del lavoro, la lotta al cambiamento climatico e la drastica riduzione delle armi da fuoco. Ha speso più di 100 milioni di dollari per aiutare il partito ad assumere il controllo della Camera durante le elezioni di medio termine del 2018 e, più recentemente, ha contribuito a importanti tornate elettorali in Virginia. Ma adesso si trova di fronte a diverse sfide, compreso contrastare la semina già in corso di candidati progressisti come Bernie Sanders del Vermont ed Elizabeth Warren del Massachusetts, ambedue lesti a fargli capire l’aria che tira: “I miliardari non dovrebbero essere in grado di comprarsi le elezioni”. 

Stati Uniti
Una donna, quattro uomini e una neonata
Una donna, quattro uomini e una neonata
La surreale storia di Tory Ojeda, 20enne di Jacksonville, in Florida, che vive da anni con i suoi quattro giovani amanti e ora hanno deciso di fare da padri tutti insieme alla piccola che nascerà a breve
Uber, il rapporto shock
Uber, il rapporto shock
Oltre 6.000 aggressioni a scopi sessuali nel biennio 2017-2018, con 235 stupri 107 morti. Numeri su cui l’azienda tenta di porre rimedio
USA, 7 morti in due sparatorie in Florida
USA, 7 morti in due sparatorie in Florida
Quattro persone uccise è il bilancio di una rapina sventata dalla polizia a Coral Glabes, mentre poche ore un uomo ha aperto il fuoco nella base della marina di Pensacola, uccidendo tre persone e ferendone altre 11
Paura a Pearl Harbour: un militare apre il fuoco
Paura a Pearl Harbour: un militare apre il fuoco
Per motivi ancora del tutto sconosciuti, un marinaio avrebbe ucciso due persone ferendone un’altra, prima di spararsi alla testa. La base navale statunitense in lockdown
Nancy Pelosi: “procediamo con l’impeachment”
Nancy Pelosi: “procediamo con l’impeachment”
La speaker della Camera chiede in diretta televisiva alle commissioni di procedere con la stesura degli articoli che saranno votati, prima dalla Camera e poi dal Senato. La rabbia incontenibile di Trump
USA: la sindrome del furgone bianco
USA: la sindrome del furgone bianco
Decine di post su Facebook avvisano di fare attenzione alla presenza di furgoni bianchi, perché girerebbero per far sparire donne e bambini. La maggior parte dei casi segnalati a Baltimora, ma la paura ha contagiato tutta l’America
USA: accuse di pedofilia contro i salesiani
USA: accuse di pedofilia contro i salesiani
Un’inchiesta della CNN ha portato alla luce diversi casi di pedofilia avvenuti in un istituto dell’ordine religioso creato da Don Bosco
USA: per 10 anni nasconde il corpo del marito in freezer
USA: per 10 anni nasconde il corpo del marito in freezer
La polizia, avvisata dai vicini, entra nell’appartamento di una donna e la trova senza vita, ma nel freezer gli agenti scoprono il corpo del marito, morto diversi anni prima
California sotto shock per la strage di una famiglia
California sotto shock per la strage di una famiglia
Shankar Hangud ha ucciso la moglie e due dei suoi figli, poi ha percorso centinaia di km per uccidere il terzo, caricarlo nel bagagliaio e presentarsi alla polizia
Le ultime speranze dei genitori di Aaron Anderson
Le ultime speranze dei genitori di Aaron Anderson
Aveva 22 mesi quando 30 anni fa è spartito dal giardino di casa, in Minnesota. Nessuna pista ha mai portato a nulla, e nessun corpo è mai stato ritrovato: è proprio questa la condanna dei genitori