USA 2020, arriva Bloomberg

| Il prossimo inquilino della Casa Bianca sarà probabilmente decretato dalla battaglia fra due uomini ai primi posti delle classifiche di ricchezza: Michael Bloomberg e Donald Trump

+ Miei preferiti
“Correrò per la presidenza, per sconfiggere Trump e ricostruire l’America. Non possiamo permetterci altri quattro anni di politica scellerata”: sono le poche parole con cui Michael Bloomberg ha ufficializzato la sua decisione di candidarsi nelle file dei Democratici lanciando la sfida a Donald Trump. Dovrà vedersela con una frotta di candidati che non hanno alcuna voglia di mollare, fra cui Joe Biden, Elizabeth Warren e Pete Buttigieg, ma secondo le prime analisi potrebbe non avere rivali.

È la prima volta, nella storia degli Stati Uniti d’America, che due uomini inseriti nella classifica “Forbes” riservata ai più ricchi del pianeta, si scontrano per occupare la poltrona presidenziale. Una sfida epocale, con montagne di soldi destinati a supportare le rispettive campagne, da poter risollevare il debito pubblico di qualsiasi paese al mondo.

Una decisione che era nell’aria, malgrado lo stesso Bloomberg all’inizio di quest’anno avesse negato ogni pensiero verso una propria candidatura. Pare che a fargli cambiare idea sia stata la consapevolezza che nessuno dei candidati attuali avesse la forza di battere davvero Donald. Così, Michael ha rotto gli indugi e il salvadanaio, tirando fuori 37 milioni di dollari destinati a finanziare pubblicità televisive su 100 canali, soltanto per coprire le prossime due settimane, il resto arriverà a breve. Più di quanto l’intero parterre dei candidati Dem abbia speso finora.

Imprenditore e filantropo, 77 anni, figlio di un contabile di Boston, piccolo genio dei numeri fin dai tempi della scuola, Michael Bloomberg ha fatto fortuna creando una tecnologia che i banchieri e finanziari utilizzano per accedere ai dati di mercato. Dopo aver costruito un’attività di informazione finanziaria di successo, si è rivolto alla politica. Nel 2001 ha lanciato ufficialmente la propria candidatura per diventare sindaco di New York nelle file dei repubblicani, spuntandola malgrado la Grande Mela abbia una tradizione prevalentemente democratica. Poi ha scelto di cambiare schieramento diventando indipendente, passaggio che ha anticipato l’ingresso nei Dem lo scorso anno.

A causa del suo ingresso a scoppio ritardato nella corsa alle presidenziali, lo staff ha comunicato che Bloomberg non parteciperà alle prime quattro consultazioni previste in Iowa, New Hampshire, Nevada e South Carolina. Preferisce puntare su una strategia non convenzionale che si concentra soprattutto sugli stati delle primarie del 3 marzo, quelli del “Super Martedì”. È una strategia che non ha mai avuto successo nella politica presidenziale democratica, ma c’è sempre una prima volta.

Il suo programma, semplice e lineare, include le voci che stanno più a cuore all’elettorato Democratico, come la difesa delle industrie e del lavoro, la lotta al cambiamento climatico e la drastica riduzione delle armi da fuoco. Ha speso più di 100 milioni di dollari per aiutare il partito ad assumere il controllo della Camera durante le elezioni di medio termine del 2018 e, più recentemente, ha contribuito a importanti tornate elettorali in Virginia. Ma adesso si trova di fronte a diverse sfide, compreso contrastare la semina già in corso di candidati progressisti come Bernie Sanders del Vermont ed Elizabeth Warren del Massachusetts, ambedue lesti a fargli capire l’aria che tira: “I miliardari non dovrebbero essere in grado di comprarsi le elezioni”. 

Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato