USA, giustiziato Nicholas Sutton

| Era stato condannato a morte per l’omicidio di un altro detenuto, mentre era in galera per scontare la pena per altri tre omicidi. Eppure, perfino i parenti delle sue vittime si sono battute per salvargli la vita

+ Miei preferiti
Nicholas Sutton, 58 anni, è morto giovedì alle 19:26, secondo il “Tennessee Department of Correction”: è la quinta esecuzione avvenuta nello Stato dal 2018. Gli è stato servito l’ultimo pasto: braciole di maiale fritte, purè di patate con sugo e torta di pesche con gelato alla vaniglia. 

Poi, prima di sedersi sulla sedia elettrica, ha ringraziato Dio e la sua famiglia. Pare fosse tranquillo, rilassato, sicuro. È stato lui a scegliere di morire sulla sedia elettrica, opzione che il Tennessee concede ai detenuti i cui crimini sono stati commessi prima del 1999.

Il governatore del Tennessee Bill Lee ha rifiutato di concedergli la grazia, malgrado gli agenti di polizia penitenziaria e perfino la figlia della vittima si erano detti favorevoli alla clemenza. Era stato condannato a morte nel 1986 per aver ucciso il compagno di cella Carl Estep al culmine di un litigio per questioni di droga: il terzo omicidio dopo quello di Dorothy Sutton, sua nonna, un ex compagno di scuola e un conoscente, John Large e Charles Amon.

“Mi sono fatto molti amici lungo la strada e molte persone hanno arricchito la mia vita. Ho avuto il privilegio di essere sposato con la donna più bella che avessi mai incontrato. Senza di lei non avrei fatto i progressi che ho fatto. Nella prossima vita spero di poter essere migliore”.

Nel 1985, mentre scontava la pena per i tre omicidi nel penitenziario della contea di Morgan, approfittando di un cambio turno del personale di sorveglianza, Sutton e un altro detenuto erano entrati nella cella di Carl Estep uccidendolo con 38 coltellate al petto e al collo: era il “pusher” più fornito del penitenziario ma a loro aveva venduto “merce scadente” e si era rifiutato di restituire i soldi.

Nel 1986, il tribunale penale della contea di Morgan ha condannato Sutton a morte per omicidio di primo grado, mentre il suo complice se l’è cavata con l’ergastolo. Da quando il governatore Lee è entrato in carica, sono state eseguite tre condanne a morte: “Dopo un’attenta analisi della richiesta di clemenza di Nicholas Sutton e un’approfondita revisione del caso, confermando la sentenza dello Stato del Tennessee e non interverrò”.

Nella richiesta di clemenza, amici e conoscenti di Sutton avevano parlato di un’infanzia segnata da abbandoni, abusi e ignoranza: una spirale inevitabilmente sfociata nell’abuso di droghe e nella violenza. Amy Large Cook, la sorella di una delle sue vittime, John Large, ha giurato che non l’avrebbe mai perdonato, ma ha espresso il sollievo per un capitolo doloroso che finalmente si sarebbe chiuso. Ma la sorpresa è arrivata quando la figlia maggiore di Estep ha detto che Sutton aveva fatto un favore alla sua famiglia quando ha ucciso suo padre, che lei descrive come un “uomo malvagio”: era in carcere per aver violentato la sorellastra, dato fuoco alla loro casa e deliberatamente causato un incidente stradale che ha ucciso la sorellina. Ha descritto la morte del genitore come una benedizione: “Dire che è stato il giorno più bello della mia vita è un eufemismo”.

Del tutto insolito anche il parere dell’ex tenente della polizia penitenziaria Tony Eden, secondo cui “Nick Sutton è il prigioniero più riabilitato che abbia mai incontrato lavorando nelle carceri di massima sicurezza nel corso di 30 anni. Se fosse scarcerato gli darei il benvenuto in casa mia e sarei ben felice di averlo come vicino”. L’ex agente afferma che Sutton gli avesse salvato la vita durante una rivolta scoppiata all’interno della prigione nel 1985: si era contrapposto ad un gruppo di detenuti che volevano ucciderlo. La madre di Paul House, un ex detenuto del braccio della morte che è stato poi liberato quando un giudice ha annullato la condanna sulla base di nuove prove, ha detto la scorsa settimana che stava facendo tutto il possibile per difendere Sutton: si era preso cura di suo figlio quando aveva sviluppato la sclerosi multipla in prigione. Anche i parenti di un’altra delle vittime di Sutton, Charles Almon, erano tra coloro che hanno chiesto clemenza. Ma non c’è stato niente da fare.

Galleria fotografica
USA, giustiziato Nicholas Sutton - immagine 1
USA, giustiziato Nicholas Sutton - immagine 2
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg