USA: i numeri reali della pandemia? Un buco nero

| Più di 589.000 casi negli Stati Uniti, ma gli esperti temono che il numero reale sia molto più alto, e il timore di una seconda ondata quanto mai prevedibile

+ Miei preferiti
Donald Trump punta dritto verso il 1° maggio, come data utile per riaprire il Paese, e come lui, i governatori di entrambe le coste - alcune delle zone finora più colpite – pianificano come  per far ripartire l'economia. Ma la grande domanda è quando e come farlo in modo sicuro.

Mentre i dati sull’appiattimento della curva, il superamento del picco e la stabilizzazione dei contagi hanno generato un certo ottimismo, i professionisti della sanità pubblica temono che un fattore chiave per comprendere la pandemia sia stato dimenticato: i dati mancanti.

Ci sono almeno 671mila casi confermati di Covid-19 negli Stati Uniti, secondo i dati compilati dal “Center for Systems Science and Engineering” della Johns Hopkins University. Tuttavia, secondo gli esperti il numero è probabilmente molto più alto perché i test finora sono stati scarsi.

“Negli Stati Uniti abbiamo un enorme buco nero - ha avvisato il dottor John Brownstein, epidemiologo del Boston Children’s Hospital - non è stato ancora possibile ottenere una profonda comprensione della quantità di contagi reali. Senza saperlo si crea il limite di non essere in grado di modellare e proiettare lo sviluppo dell’epidemia”.

Brownstein ritiene che il probabile numero di casi sia valutabile in qualche milione: attraverso il sito web che ha contribuito a creare, che permette a tutti i cittadini di autodenunciare qualsiasi sintomo, circa 400 persone (sui 400mila che l’hanno usato) hanno detto di essere risultate positive al Covid, mentre altre 4.000 mostravano tutti i sintomi della malattia. I casi più gravi possono includere febbre, tosse secca e problemi respiratori, mentre si ritiene che nell’80% dei casi i sintomi siano lievi o del tutto assenti.

Secondo i dati della Johns Hopkins, su 329 milioni di abitanti, solo 3,2 milioni sono stati sottoposti a test, e anche se gli sforzi si sono intensificati con centri drive-thru, circolano liberamente molte persone con sintomi che non sono mai state testate. A New York, lo stato con il maggior numero di casi, i test sono stati riservati principalmente a chi è gravemente malato e ricoverato in ospedale. Nello stato di Washington, uno dei primi focolai negli Stati Uniti, il personale sanitario è autorizzato a testare solo chi presenta sintomi conclamati di Covid-19. I dati mancanti rendono inoltre difficile capire come il virus stia colpendo fasce di età, razza e sesso diversi. Anche gli stati che hanno analizzato i dati di contagio per razza solo di recente hanno iniziato a fornirli e alcuni appaiono fortemente incompleti.

Di fronte a informazioni fondamentali mancanti, secondo Brownstein difficile sentirsi ottimisti sulla possibilità di appiattire la curva dei contagi, ma soprattutto migliorare l’assistenza e prepararsi ad un’eventuale seconda ondata. “L’unico dato positivo è che realmente il numero reale fosse di qualche milione, è evidente che la maggior parte degli infetti non ha avuto conseguenze gravi”. Ma anche questo sembra incerto: i dati iniziali provenienti dalla Cina indicano che l’80% dei casi ha avuto sintomi lievi, ma è difficile conoscere il vero tasso di ospedalizzazione o il tasso di mortalità senza prima sapere il numero totale di casi.

“Non credo sia possibile dare per scontato che il solo fatto di avere gli anticorpi significhi che è possibile tornare alla normalità. Per poter riaprire il Paese in modo sicuro nel mezzo di una pandemia per la quale non esistono un vaccino o una cura, dovrebbero esserci piani chiari in termini di sorveglianza e test. Se c’è una percentuale della popolazione infetta che non si riesce a identificare, questo porta al punto di partenza, ma capirlo richiede una tonnellata di dati che al momento non abbiamo”.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti