USA: i numeri reali della pandemia? Un buco nero

| Più di 589.000 casi negli Stati Uniti, ma gli esperti temono che il numero reale sia molto più alto, e il timore di una seconda ondata quanto mai prevedibile

+ Miei preferiti
Donald Trump punta dritto verso il 1° maggio, come data utile per riaprire il Paese, e come lui, i governatori di entrambe le coste - alcune delle zone finora più colpite – pianificano come  per far ripartire l'economia. Ma la grande domanda è quando e come farlo in modo sicuro.

Mentre i dati sull’appiattimento della curva, il superamento del picco e la stabilizzazione dei contagi hanno generato un certo ottimismo, i professionisti della sanità pubblica temono che un fattore chiave per comprendere la pandemia sia stato dimenticato: i dati mancanti.

Ci sono almeno 671mila casi confermati di Covid-19 negli Stati Uniti, secondo i dati compilati dal “Center for Systems Science and Engineering” della Johns Hopkins University. Tuttavia, secondo gli esperti il numero è probabilmente molto più alto perché i test finora sono stati scarsi.

“Negli Stati Uniti abbiamo un enorme buco nero - ha avvisato il dottor John Brownstein, epidemiologo del Boston Children’s Hospital - non è stato ancora possibile ottenere una profonda comprensione della quantità di contagi reali. Senza saperlo si crea il limite di non essere in grado di modellare e proiettare lo sviluppo dell’epidemia”.

Brownstein ritiene che il probabile numero di casi sia valutabile in qualche milione: attraverso il sito web che ha contribuito a creare, che permette a tutti i cittadini di autodenunciare qualsiasi sintomo, circa 400 persone (sui 400mila che l’hanno usato) hanno detto di essere risultate positive al Covid, mentre altre 4.000 mostravano tutti i sintomi della malattia. I casi più gravi possono includere febbre, tosse secca e problemi respiratori, mentre si ritiene che nell’80% dei casi i sintomi siano lievi o del tutto assenti.

Secondo i dati della Johns Hopkins, su 329 milioni di abitanti, solo 3,2 milioni sono stati sottoposti a test, e anche se gli sforzi si sono intensificati con centri drive-thru, circolano liberamente molte persone con sintomi che non sono mai state testate. A New York, lo stato con il maggior numero di casi, i test sono stati riservati principalmente a chi è gravemente malato e ricoverato in ospedale. Nello stato di Washington, uno dei primi focolai negli Stati Uniti, il personale sanitario è autorizzato a testare solo chi presenta sintomi conclamati di Covid-19. I dati mancanti rendono inoltre difficile capire come il virus stia colpendo fasce di età, razza e sesso diversi. Anche gli stati che hanno analizzato i dati di contagio per razza solo di recente hanno iniziato a fornirli e alcuni appaiono fortemente incompleti.

Di fronte a informazioni fondamentali mancanti, secondo Brownstein difficile sentirsi ottimisti sulla possibilità di appiattire la curva dei contagi, ma soprattutto migliorare l’assistenza e prepararsi ad un’eventuale seconda ondata. “L’unico dato positivo è che realmente il numero reale fosse di qualche milione, è evidente che la maggior parte degli infetti non ha avuto conseguenze gravi”. Ma anche questo sembra incerto: i dati iniziali provenienti dalla Cina indicano che l’80% dei casi ha avuto sintomi lievi, ma è difficile conoscere il vero tasso di ospedalizzazione o il tasso di mortalità senza prima sapere il numero totale di casi.

“Non credo sia possibile dare per scontato che il solo fatto di avere gli anticorpi significhi che è possibile tornare alla normalità. Per poter riaprire il Paese in modo sicuro nel mezzo di una pandemia per la quale non esistono un vaccino o una cura, dovrebbero esserci piani chiari in termini di sorveglianza e test. Se c’è una percentuale della popolazione infetta che non si riesce a identificare, questo porta al punto di partenza, ma capirlo richiede una tonnellata di dati che al momento non abbiamo”.

Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”