USA: i numeri reali della pandemia? Un buco nero

| Più di 589.000 casi negli Stati Uniti, ma gli esperti temono che il numero reale sia molto più alto, e il timore di una seconda ondata quanto mai prevedibile

+ Miei preferiti
Donald Trump punta dritto verso il 1° maggio, come data utile per riaprire il Paese, e come lui, i governatori di entrambe le coste - alcune delle zone finora più colpite – pianificano come  per far ripartire l'economia. Ma la grande domanda è quando e come farlo in modo sicuro.

Mentre i dati sull’appiattimento della curva, il superamento del picco e la stabilizzazione dei contagi hanno generato un certo ottimismo, i professionisti della sanità pubblica temono che un fattore chiave per comprendere la pandemia sia stato dimenticato: i dati mancanti.

Ci sono almeno 671mila casi confermati di Covid-19 negli Stati Uniti, secondo i dati compilati dal “Center for Systems Science and Engineering” della Johns Hopkins University. Tuttavia, secondo gli esperti il numero è probabilmente molto più alto perché i test finora sono stati scarsi.

“Negli Stati Uniti abbiamo un enorme buco nero - ha avvisato il dottor John Brownstein, epidemiologo del Boston Children’s Hospital - non è stato ancora possibile ottenere una profonda comprensione della quantità di contagi reali. Senza saperlo si crea il limite di non essere in grado di modellare e proiettare lo sviluppo dell’epidemia”.

Brownstein ritiene che il probabile numero di casi sia valutabile in qualche milione: attraverso il sito web che ha contribuito a creare, che permette a tutti i cittadini di autodenunciare qualsiasi sintomo, circa 400 persone (sui 400mila che l’hanno usato) hanno detto di essere risultate positive al Covid, mentre altre 4.000 mostravano tutti i sintomi della malattia. I casi più gravi possono includere febbre, tosse secca e problemi respiratori, mentre si ritiene che nell’80% dei casi i sintomi siano lievi o del tutto assenti.

Secondo i dati della Johns Hopkins, su 329 milioni di abitanti, solo 3,2 milioni sono stati sottoposti a test, e anche se gli sforzi si sono intensificati con centri drive-thru, circolano liberamente molte persone con sintomi che non sono mai state testate. A New York, lo stato con il maggior numero di casi, i test sono stati riservati principalmente a chi è gravemente malato e ricoverato in ospedale. Nello stato di Washington, uno dei primi focolai negli Stati Uniti, il personale sanitario è autorizzato a testare solo chi presenta sintomi conclamati di Covid-19. I dati mancanti rendono inoltre difficile capire come il virus stia colpendo fasce di età, razza e sesso diversi. Anche gli stati che hanno analizzato i dati di contagio per razza solo di recente hanno iniziato a fornirli e alcuni appaiono fortemente incompleti.

Di fronte a informazioni fondamentali mancanti, secondo Brownstein difficile sentirsi ottimisti sulla possibilità di appiattire la curva dei contagi, ma soprattutto migliorare l’assistenza e prepararsi ad un’eventuale seconda ondata. “L’unico dato positivo è che realmente il numero reale fosse di qualche milione, è evidente che la maggior parte degli infetti non ha avuto conseguenze gravi”. Ma anche questo sembra incerto: i dati iniziali provenienti dalla Cina indicano che l’80% dei casi ha avuto sintomi lievi, ma è difficile conoscere il vero tasso di ospedalizzazione o il tasso di mortalità senza prima sapere il numero totale di casi.

“Non credo sia possibile dare per scontato che il solo fatto di avere gli anticorpi significhi che è possibile tornare alla normalità. Per poter riaprire il Paese in modo sicuro nel mezzo di una pandemia per la quale non esistono un vaccino o una cura, dovrebbero esserci piani chiari in termini di sorveglianza e test. Se c’è una percentuale della popolazione infetta che non si riesce a identificare, questo porta al punto di partenza, ma capirlo richiede una tonnellata di dati che al momento non abbiamo”.

Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi