USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale

| Il movimento “March for Our Lives” ha preparato un piano con norme stringenti per il controllo delle armi. Potrebbero fare da baricentro sul voto dei giovani americani

+ Miei preferiti
Quattro giorni dopo il massacro della “Majority Stoneman Douglas High School” di Parkland, in Florida, costato la vita a 17 persone, un gruppo di giovani sopravvissuti organizza “Never Again”, una manifestazione per chiedere al governo politiche più restrittive sul controllo delle armi. Ma quella che sembra l’idea di un gruppo di ragazzini spaventati, diventa in breve tempo una delle più massicce marce di protesta della storia degli Stati Uniti, pari soltanto a quelle degli anni Settanta contro la guerra in Vietnam: 800mila persone sfilano sul National Mall di Washington trasformandosi in una spina nel fianco per la “NRA”, la potente lobby della armi che tutto può. Subito dopo, la “March for Our Lives”, la marcia per le nostre vite, si trasforma in un movimento che può contare sull’appoggio di voci illustri come Oprah Winfrey, Steven Spielberg, Justin Bieber, Harry Styles, Paul McCartney, Kanye West, Kim Kardashian, John Legend e Taylor Swift, che oltre a lodare l’iniziativa donano denaro per finanziare le proteste.

Ora, ad una manciata di mesi dalla nuova tornata elettorale americana, “March for Our Lives” torna a tuonare, alla faccia di quelli che pensavano fosse la solita manifestazione nata sull’onda dell’emozione e destinata a sciogliersi come un gelato al sole. Il primo passo, rivendicando un peso specifico che sarà difficile evitare per i candidati e un forte ascendente nel voto dei giovani, è di scavalcare i politici che fanno finta di non sentire, presentando un piano per il controllo delle armi pronto da applicare. Il documento contiene passaggi precisi, come la creazione di un registro nazionale delle armi e di chi le possiede, la messa al bando di quelle d’assalto e da guerra, l’innalzamento a 21 anni l’età minima per poterle acquistare, l’introduzione di una licenza annuale che preveda analisi, colloqui e nulla osta prima di poter mettere mano su una pistola o un fucile e, passo ancora più importante, un’imponente campagna governativa di acquisto delle armi detenute da cittadini americani che non hanno i requisiti per averle. In aggiunta, aumento dei servizi di assistenza e controllo per i soggetti affetti da disturbi mentali, depressioni o è vittima di violenze e bullismo.

David Hogg, ex studente di Parkland fra i primi a scendere in piazza, è chiarissimo: “Per troppo tempo abbiamo aspettato che i politici risolvessero la situazione, ma uno dopo l’altro hanno ceduto di fronte alla lobby delle armi. I loro fallimenti sono costate troppe vite umane, ma ora basta, non è più accettabile che 40mila americani muoiano ogni anno a causa delle armi. La violenza sta distruggendo la nostra generazione e il nostro Paese: non possiamo più stare a guardare”.

Galleria fotografica
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 1
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 2
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 3
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 4
Stati Uniti
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Processo Floyd: l’America si blinda in attesa del verdetto
Si alza l’allarme per possibili disordini sociali nel caso il processo per l'omicidio dell'afroamericano si concluda con una sentenza favorevole all’ex agente Chauvin. Ovunque, la polizia annuncia misure di sicurezza straordinarie
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo