USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale

| Il movimento “March for Our Lives” ha preparato un piano con norme stringenti per il controllo delle armi. Potrebbero fare da baricentro sul voto dei giovani americani

+ Miei preferiti
Quattro giorni dopo il massacro della “Majority Stoneman Douglas High School” di Parkland, in Florida, costato la vita a 17 persone, un gruppo di giovani sopravvissuti organizza “Never Again”, una manifestazione per chiedere al governo politiche più restrittive sul controllo delle armi. Ma quella che sembra l’idea di un gruppo di ragazzini spaventati, diventa in breve tempo una delle più massicce marce di protesta della storia degli Stati Uniti, pari soltanto a quelle degli anni Settanta contro la guerra in Vietnam: 800mila persone sfilano sul National Mall di Washington trasformandosi in una spina nel fianco per la “NRA”, la potente lobby della armi che tutto può. Subito dopo, la “March for Our Lives”, la marcia per le nostre vite, si trasforma in un movimento che può contare sull’appoggio di voci illustri come Oprah Winfrey, Steven Spielberg, Justin Bieber, Harry Styles, Paul McCartney, Kanye West, Kim Kardashian, John Legend e Taylor Swift, che oltre a lodare l’iniziativa donano denaro per finanziare le proteste.

Ora, ad una manciata di mesi dalla nuova tornata elettorale americana, “March for Our Lives” torna a tuonare, alla faccia di quelli che pensavano fosse la solita manifestazione nata sull’onda dell’emozione e destinata a sciogliersi come un gelato al sole. Il primo passo, rivendicando un peso specifico che sarà difficile evitare per i candidati e un forte ascendente nel voto dei giovani, è di scavalcare i politici che fanno finta di non sentire, presentando un piano per il controllo delle armi pronto da applicare. Il documento contiene passaggi precisi, come la creazione di un registro nazionale delle armi e di chi le possiede, la messa al bando di quelle d’assalto e da guerra, l’innalzamento a 21 anni l’età minima per poterle acquistare, l’introduzione di una licenza annuale che preveda analisi, colloqui e nulla osta prima di poter mettere mano su una pistola o un fucile e, passo ancora più importante, un’imponente campagna governativa di acquisto delle armi detenute da cittadini americani che non hanno i requisiti per averle. In aggiunta, aumento dei servizi di assistenza e controllo per i soggetti affetti da disturbi mentali, depressioni o è vittima di violenze e bullismo.

David Hogg, ex studente di Parkland fra i primi a scendere in piazza, è chiarissimo: “Per troppo tempo abbiamo aspettato che i politici risolvessero la situazione, ma uno dopo l’altro hanno ceduto di fronte alla lobby delle armi. I loro fallimenti sono costate troppe vite umane, ma ora basta, non è più accettabile che 40mila americani muoiano ogni anno a causa delle armi. La violenza sta distruggendo la nostra generazione e il nostro Paese: non possiamo più stare a guardare”.

Galleria fotografica
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 1
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 2
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 3
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 4
Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere