USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale

| Il movimento “March for Our Lives” ha preparato un piano con norme stringenti per il controllo delle armi. Potrebbero fare da baricentro sul voto dei giovani americani

+ Miei preferiti
Quattro giorni dopo il massacro della “Majority Stoneman Douglas High School” di Parkland, in Florida, costato la vita a 17 persone, un gruppo di giovani sopravvissuti organizza “Never Again”, una manifestazione per chiedere al governo politiche più restrittive sul controllo delle armi. Ma quella che sembra l’idea di un gruppo di ragazzini spaventati, diventa in breve tempo una delle più massicce marce di protesta della storia degli Stati Uniti, pari soltanto a quelle degli anni Settanta contro la guerra in Vietnam: 800mila persone sfilano sul National Mall di Washington trasformandosi in una spina nel fianco per la “NRA”, la potente lobby della armi che tutto può. Subito dopo, la “March for Our Lives”, la marcia per le nostre vite, si trasforma in un movimento che può contare sull’appoggio di voci illustri come Oprah Winfrey, Steven Spielberg, Justin Bieber, Harry Styles, Paul McCartney, Kanye West, Kim Kardashian, John Legend e Taylor Swift, che oltre a lodare l’iniziativa donano denaro per finanziare le proteste.

Ora, ad una manciata di mesi dalla nuova tornata elettorale americana, “March for Our Lives” torna a tuonare, alla faccia di quelli che pensavano fosse la solita manifestazione nata sull’onda dell’emozione e destinata a sciogliersi come un gelato al sole. Il primo passo, rivendicando un peso specifico che sarà difficile evitare per i candidati e un forte ascendente nel voto dei giovani, è di scavalcare i politici che fanno finta di non sentire, presentando un piano per il controllo delle armi pronto da applicare. Il documento contiene passaggi precisi, come la creazione di un registro nazionale delle armi e di chi le possiede, la messa al bando di quelle d’assalto e da guerra, l’innalzamento a 21 anni l’età minima per poterle acquistare, l’introduzione di una licenza annuale che preveda analisi, colloqui e nulla osta prima di poter mettere mano su una pistola o un fucile e, passo ancora più importante, un’imponente campagna governativa di acquisto delle armi detenute da cittadini americani che non hanno i requisiti per averle. In aggiunta, aumento dei servizi di assistenza e controllo per i soggetti affetti da disturbi mentali, depressioni o è vittima di violenze e bullismo.

David Hogg, ex studente di Parkland fra i primi a scendere in piazza, è chiarissimo: “Per troppo tempo abbiamo aspettato che i politici risolvessero la situazione, ma uno dopo l’altro hanno ceduto di fronte alla lobby delle armi. I loro fallimenti sono costate troppe vite umane, ma ora basta, non è più accettabile che 40mila americani muoiano ogni anno a causa delle armi. La violenza sta distruggendo la nostra generazione e il nostro Paese: non possiamo più stare a guardare”.

Galleria fotografica
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 1
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 2
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 3
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale - immagine 4
Stati Uniti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva