USA: il linciaggio diventa un reato federale

| Dopo più di un secolo, se due o più persone se la prendono con qualcuno per motivi religiosi, razziali o sessuali rischiano l’ergastolo. La legge intitolata alla memoria di un ragazzino torturato e ucciso perché di colore

+ Miei preferiti
Emmett Till aveva solo 14 anni quando fu rapito, seviziato e ferito a colpi di pistola: per finirlo, i suoi aguzzini gli legarono un peso intorno al collo e lo gettarono nel Tallahatchie, in Mississippi. Era il 28 agosto del 1955, e l’omicidio di quel ragazzino avrebbe rafforzato ancora di più il movimento afroamericano per i diritti civili.

È intitolata a lui, la legge che sta trasformare in reato federale il linciaggio, una delle più atroci forme di violenza diffusa negli stati del sud, quelli con una forte tradizione razzista cavalcata a piene mani da accolite di fanatici del Ku Klux Klan. Secondo alcune stime, fra il 1882 ed il 1968 quasi 5mila persone furono sottoposte a linciaggio, e nessuno degli autori pagò mai le proprie colpe davanti alla legge.

La “Emmett Till Anti Lynching Act” arriva con 140 anni di ritardo, dopo aver subito 200 bocciature nel tempo, la prima nel 1882, riproposta dall’ex candidata dem Kamala Harris e altri due politici afroamericani, Cory Booker e Tim Scott. Il provvedimento, che chiede la messa al bando della pratica del linciaggio, ha già ottenuto il via libera dal Senato e dalla Camera, e ora è atterrato sulla scrivania di Donald Trump per una firma che appare scontata.

La nuova legge prevede pene fino all’ergastolo per le violenze e gli omicidi compiuti da due o più individui per motivi razziali, sessuali e religiosi.

Galleria fotografica
USA: il linciaggio diventa un reato federale - immagine 1
USA: il linciaggio diventa un reato federale - immagine 2
Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”