USA: il linciaggio diventa un reato federale

| Dopo più di un secolo, se due o più persone se la prendono con qualcuno per motivi religiosi, razziali o sessuali rischiano l’ergastolo. La legge intitolata alla memoria di un ragazzino torturato e ucciso perché di colore

+ Miei preferiti
Emmett Till aveva solo 14 anni quando fu rapito, seviziato e ferito a colpi di pistola: per finirlo, i suoi aguzzini gli legarono un peso intorno al collo e lo gettarono nel Tallahatchie, in Mississippi. Era il 28 agosto del 1955, e l’omicidio di quel ragazzino avrebbe rafforzato ancora di più il movimento afroamericano per i diritti civili.

È intitolata a lui, la legge che sta trasformare in reato federale il linciaggio, una delle più atroci forme di violenza diffusa negli stati del sud, quelli con una forte tradizione razzista cavalcata a piene mani da accolite di fanatici del Ku Klux Klan. Secondo alcune stime, fra il 1882 ed il 1968 quasi 5mila persone furono sottoposte a linciaggio, e nessuno degli autori pagò mai le proprie colpe davanti alla legge.

La “Emmett Till Anti Lynching Act” arriva con 140 anni di ritardo, dopo aver subito 200 bocciature nel tempo, la prima nel 1882, riproposta dall’ex candidata dem Kamala Harris e altri due politici afroamericani, Cory Booker e Tim Scott. Il provvedimento, che chiede la messa al bando della pratica del linciaggio, ha già ottenuto il via libera dal Senato e dalla Camera, e ora è atterrato sulla scrivania di Donald Trump per una firma che appare scontata.

La nuova legge prevede pene fino all’ergastolo per le violenze e gli omicidi compiuti da due o più individui per motivi razziali, sessuali e religiosi.

Galleria fotografica
USA: il linciaggio diventa un reato federale - immagine 1
USA: il linciaggio diventa un reato federale - immagine 2
Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa