USA: la mattanza delle spie

| Una strana scia di alti funzionari russi morti in circostanze strane e mai del tutto chiarite

+ Miei preferiti
Secondo una stima della CNN, dopo le presidenziali del 2016, il numero di cittadini di origine russa presenti in America sospettati di spionaggio ammontava a 150. Un numero addirittura ridotto da Barack Obama con l’espulsione di 35 diplomatici.

Eppure c’è un aspetto di cui le cronache internazionali si occupano poco, e riguarda una strana moria di dignitari russi sul suolo americano. Difficile, con i pochi dati diffusi, capire se si tratti di una purga interna, messa in pratica dalla stessa potenza russa, o dai servizi segreti americani.

Ma è comunque una storia inquietante che idealmente può iniziare dal nome di Mikhail Lesin, 59 anni, fondatore di “Russia Today” e capo della sicurezza del consolato, ritrovato morto al “Dupont Circle Hotel” di Washington nell’ottobre del 2015. Una morte liquidata come “incidentale” malgrado il referto medico parlasse di lividi e colpi rinvenuti su tutto il corpo. Lesin, che nel 2012 era finito in disgrazia al Cremlino, muore un giorno prima di un colloqui fissato con le autorità a Washington. Le indagini dell’FBI, a tre anni di distanza, hanno appurato che Mikhail Lesin fu probabilmente strangolato.

Curiosa e tempestivamente precisa anche la morte di Sergei Krivov, 63 anni, che l’8 novembre 2016 - giorno dell’elezione di Trump - è vittima di una rovinosa caduta dal tetto del consolato russo di New York. Secondo i servizi segreti americani, Krivov sarebbe stato il passpartout per capire la rete spionistica negli States. Resta il dubbio di cosa ci facesse sul tetto un alto funzionario come lui.

Per finire con Vitali Tchourkine, 64 anni, ambasciatore russo all’Onu, ritrovato in coma all’interno del suo ufficio: portato d’urgenza all’ospedale, è morto per una crisi cardiaca.

Galleria fotografica
USA: la mattanza delle spie - immagine 1
USA: la mattanza delle spie - immagine 2
USA: la mattanza delle spie - immagine 3
Stati Uniti
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica