USA: la mattanza delle spie

| Una strana scia di alti funzionari russi morti in circostanze strane e mai del tutto chiarite

+ Miei preferiti
Secondo una stima della CNN, dopo le presidenziali del 2016, il numero di cittadini di origine russa presenti in America sospettati di spionaggio ammontava a 150. Un numero addirittura ridotto da Barack Obama con l’espulsione di 35 diplomatici.

Eppure c’è un aspetto di cui le cronache internazionali si occupano poco, e riguarda una strana moria di dignitari russi sul suolo americano. Difficile, con i pochi dati diffusi, capire se si tratti di una purga interna, messa in pratica dalla stessa potenza russa, o dai servizi segreti americani.

Ma è comunque una storia inquietante che idealmente può iniziare dal nome di Mikhail Lesin, 59 anni, fondatore di “Russia Today” e capo della sicurezza del consolato, ritrovato morto al “Dupont Circle Hotel” di Washington nell’ottobre del 2015. Una morte liquidata come “incidentale” malgrado il referto medico parlasse di lividi e colpi rinvenuti su tutto il corpo. Lesin, che nel 2012 era finito in disgrazia al Cremlino, muore un giorno prima di un colloqui fissato con le autorità a Washington. Le indagini dell’FBI, a tre anni di distanza, hanno appurato che Mikhail Lesin fu probabilmente strangolato.

Curiosa e tempestivamente precisa anche la morte di Sergei Krivov, 63 anni, che l’8 novembre 2016 - giorno dell’elezione di Trump - è vittima di una rovinosa caduta dal tetto del consolato russo di New York. Secondo i servizi segreti americani, Krivov sarebbe stato il passpartout per capire la rete spionistica negli States. Resta il dubbio di cosa ci facesse sul tetto un alto funzionario come lui.

Per finire con Vitali Tchourkine, 64 anni, ambasciatore russo all’Onu, ritrovato in coma all’interno del suo ufficio: portato d’urgenza all’ospedale, è morto per una crisi cardiaca.

Galleria fotografica
USA: la mattanza delle spie - immagine 1
USA: la mattanza delle spie - immagine 2
USA: la mattanza delle spie - immagine 3
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda