USA: la sindrome del furgone bianco

| Decine di post su Facebook avvisano di fare attenzione alla presenza di furgoni bianchi, perché girerebbero per far sparire donne e bambini. La maggior parte dei casi segnalati a Baltimora, ma la paura ha contagiato tutta l’America

+ Miei preferiti
C’è un timore che sta serpeggiando da qualche tempo in tutti gli Stati Uniti, così insistente da obbligare le autorità a prendere posizione: la paura dei furgoni bianchi. Una bufala in piena regola e una leggenda metropolitana, così sembra, che da Facebook è diventata virale attraversando tutti i 50 Stati. Secondo la notizia, circolerebbe indisturbata una massiccia flotta di furgoni bianchi che hanno come obiettivo rapire donne per avviarle al traffico sessuale o bambini da fare a pezzi per il mercato clandestino degli organi. Da più parti è stato specificato: non esistono prove che tutto questo stia accadendo davvero, e tantomeno su scala nazionale e addirittura coordinata, ma l’effetto domino ha portato alcuni amministratori locali a lanciare appelli che hanno ulteriormente amplificato l’ondata di panico. “Non parcheggiare vicino ad un furgone bianco - ha avvisato in un’intervista Bernard Young, il sindaco di Baltimora - e assicuratevi di avere sempre a portata di mano il cellulare nel caso qualcuno tentasse di avvicinarsi troppo a voi”. Ma non è il solo: in Georgia, la polizia indaga su alcune segnalazioni di sospetti furgoni bianchi e ha avvisato la popolazione di chiamare immediatamente il 911, senza perdere tempo a scattare foto da postare sui social media.

Per contro, Matthew Jablow, portavoce della polizia di Baltimora ha assicurato che il dipartimento è a conoscenza dei messaggi sui social media, ma anche che non è stata ricevuta “nessuna segnalazione di incidenti reali”. Una rassicurazione che non basta: le segnalazioni di furgoni bianchi sospetti a Baltimora e in altre città degli Stati Uniti continuano ad essere condivise centinaia di migliaia di volte su Facebook, e di conseguenza viste da milioni di persone. L’unico ad essersi rivolto alla polizia finora è stato un povero fattorino, che a causa del suo furgone bianco ha riferito di essere stato insultato e minacciato da diversi passanti.

Secondo Kristerfer Burnett, co-presidente della “Baltimore City Human Trafficking Collaborative”, l’ondata di panico potrebbe distrarre dal più ampio problema della tratta degli esseri umani: “Dobbiamo assicurarci che circolino informazioni accurate, soprattutto perché Baltimora è uno degli epicentri della tratta di esseri umani negli Stati Uniti. Ma penso che quello del furgone bianco sia una sorta di racconto di fantasia, confortato dall’incapacità di Facebook di controllare la diffusione di informazioni inesatte che circolano sulla loro piattaforma”.

A onor del vero, avvistamenti di furgoni bianchi “sospetti” a Baltimora sono segnalati da anni: la CNN ha ritrovato un post del 2016 lanciato da una donna che avvertiva della presenza di un furgone bianco che si aggirava nella sua zona, e sul cui conto aveva sentito dire che la persona alla guida “era in cerca di bambini”. Contattata dall’emittente di Atlanta, la donna ha detto di non avere prove per sostenere la sua tesi, che aveva semplicemente sentito ripetere “un sacco di volte” da altra gente.

Il 13 novembre scorso Saundra Murray, una donna di Baltimora, ha postato su Instagram le foto di un furgone bianco davanti a un distributore di benzina: sosteneva che i due uomini all’interno non le avevano tolto gli occhi di dosso dopo averla incrociata all’interno del negozio. Poi ha aggiunto di non aver segnalato l’episodio alla polizia “perché non avevo molte informazioni, ma volevo far sapere alla gente cosa sta succedendo”. Il suo post ha raccolto più di 3.200 like nel giro di poche ore.

Qualche giorno dopo, il 18 novembre, su Facebook compare un altro post che ancora una volta mostrava l’immagine di un furgone bianco, accompagnato da un avvertimento: “Quando uscite nel parcheggio di un centro commerciale e vedete un furgone come questo parcheggiato accanto alla vostra auto, allontanatevi il velocemente possibile”. Ma le segnalazioni non riguardano solo Baltimora: il 15 novembre, il post di un uomo della Carolina del Sud mostrava la foto di un furgone bianco con due grosse serrature esterne e un avviso: “Se vedete furgoni bianchi con la doppia chiusura avvisate il 911, sono veicoli utilizzati per far sparire le persone”.

Per tentare di affrontare il problema, Facebook ha contattato alcuni esperti che hanno dato spiegazioni ben diverse: non è il caso di allarmarsi quando si vedono furgoni con robuste serrature esterne perché sono comunemente usate dai piccoli artigiani per proteggere le attrezzature più costose custodite sui loro furgoni. Ma la psicosi continua.

Galleria fotografica
USA: la sindrome del furgone bianco - immagine 1
Stati Uniti
L’era Trump si chiude
con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude<br>con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden