USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa

| Una donna, responsabile amministrativa della St. Paul’s Baptist Church, nel New Jersey, i cinque anni ha rubato più di mezzo milioni di dollari

+ Miei preferiti
Taisha D. Smith DeJoseph, 43 anni, di Willingboro, New Jersey, era conosciuta per essere una donna pia e caritatevole, che aveva scelto di dedicare il suo tempo libero tenendo in ordine la finanze della “St. Paul’s Baptist Church”, la chiesa che frequentava da quando era bambina. Ce ne fossero di persone come lei, dicevano i vicini.

Ma qualcosa, nei conti della chiesa, non tornavano da un pezzo. “L’indagine ha preso il via quando i funzionari della St. Paul’s Baptist Church hanno presentato una denuncia contro ignoti sospettando un furto - ha commentato il procuratore della contea di Burlingont, Scott Coffina - da lì, è bastato molto poco perché si arrivasse alla verità: per cinque anni, Taisha Smith-DeJoseph, responsabile della supervisione delle finanze della chiesa, ha aperto conti bancari e usato i fondi della chiesa per scopi personali, falsificando i rendiconti finanziari per nascondere le tracce degli ammanchi”. Non contenta, la donna ha anche evitato di presentare le dichiarazioni dei redditi per il 2014, 2015, 2016 e 2018, ancora una volta nel tentativo di nascondere al governo denaro che non avrebbe saputo giustificare.

Si parla di 2.718 acquisti pagati attraverso “PayPal” e 805 su “Amazon”, più 181 assegni emessi, per un totale di 561.777 dollari. Per cinque anni, Taisha non si è fatta mancare nulla: auto, televisioni, bollette del cellulare, abiti, ristoranti, centri benessere e persino il suo matrimonio.

Taisha Smith-DeJoseph è stata accusata di furto, attività criminale informatica e uso improprio di beni affidati, più altre quattro accuse per mancato pagamento dell’imposta sul reddito personale, mancato pagamento e dichiarazione dei redditi fraudolenta.

Quando gli è stato chiesto come tutto questo sia potuto accadere, Fred Jackson, pastore della chiesa battista di St. Paul, ha allargato le braccia: “Riponiamo piena fiducia nelle persone e a volte è sbagliato. È un episodio molto doloroso per l’intera congregazione”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa