Usa, obiettivo stop totale all'aborto

| Dopo l'Alabama, altri stati si apprestano o hanno già varate norme sempre più restrittive. Attesa per la decisione della Corte Suprema, a maggioranza conservatrice, sulla legittimità delle misure proibizioniste

+ Miei preferiti

MICHAEL O'BRIEN

In Italia, quanto sta avvenendo negli Usa sul tema dell'aborto, viene visto visto con un certo distacco o stupore. Certe conquiste sociali sembravano ormai una realtà acquisità. Ma il ritorno del suprematismo bianco, venato da un cristianesimo vicino alle origini, si potrebbe dire radicale, ha cambiato di botto il quadro. Trump si è schierato apertamente dalla parte più conservatrice, se non l'estrema destra. In Europa le prossime elezioni europee potrebbero celebrare un'avanzata di una destra simile se non uguale e segmenti della Lega, in Italia, hanno posizioni molto vicine sul tema famiglia e aborto, a quelle dell'estrema destra americana.

I legislatori del Missouri hanno approvato una legge che vieta l'aborto dopo otto settimane di gravidanza, ultimo stato a porre severe restrizion e il governatore repubblicano del Missouri, Mike Parson, anti-abortista dichiarato, la firmerà senza esitazioni.

Come in Alabama, la legge prevede un'eccezione per le emergenze mediche che minacciano la salute di una donna, ma non per i casi di stupro o incesto. I medici del Missouri rischiano da 5 a 15 anni di carcere per aver praticato un aborto dopo otto settimane, mentre in Alabama fino a 99 anni, ma al contrario, le donne non dovrebbero affrontare sanzioni penali per l'interruzione della gravidanza. I senatori statali repubblicani, tutti i bianchi, hanno votato contro una proposta di esenzione per lo stupro e l'incesto.

Altri stati - Kentucky, Mississippi, Ohio e Georgia - hanno approvato leggi per vietare l'aborto dopo sei settimane, il punto in cui l'attività cardiaca può essere rilevata, un tema centrale per le forze conservatrici, "anche se a sei settimane un embrione non è né un feto né ha un cuore riconoscibile". I divieti, riconoscono i sostenitori, violano le attuali sentenze dei tribunali che hanno legalizzato l'aborto a livello nazionale. Ma il loro obiettivo è quello di arrivare alla Corte Suprema e persuadere i giudici a rovesciare la "Roe vs Wade, la storica sentenza che garantisce il diritto all'aborto", osserva il Guardian.

La legge del Missouri prevede un comma e se il Roe venisse anullato, tutti gli aborti diventerebbero illegali. Prevede anche che se il divieto di otto settimane viene ribaltato dai tribunali, il Missouri proibirà gli aborti a 14, 18 o 20 settimane di gravidanza, qualunque sia il limite consentito. La disposizione tipica in altri stati è di consentire l'aborto fino a 24 settimane o spesso più tardi.

La sezione del Missouri dell'American College of Obstetricians and Gynecologists ha rilasciato una dichiarazione che definisce la legge "medicalmente ingiustificata e pericolosa". Notando che il Missouri ha uno dei più alti tassi di mortalità e morbilità materna nella nazione, classificandosi 41° su 50. Il gruppo ha affermato che la legge "servirà solo ad aumentare in negativo le statistiche nel Missouri e a sottoporre i nostri pazienti ad un rischio maggiore".

Molti candidati presidenziali democratici hanno condannato l'ultima ondata di legislazione anti-abortista, fra cui Elizabeth Warren, che venerdì scorso ha pubblicato un piano per proteggere i diritti all'aborto approvando leggi federali che sanciscono quanto previsto dal Roe vs Wade. Tali leggi impedirebbero agli stati di emanare il tipo di regolamenti rigorosi che sono stati approvati dagli stati controllati dai repubblicani. Inoltre si assicurerebbe che l'aborto sia coperto da "Medicaid" e dall'assicurazione sanitaria privata.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”