USA, record di richieste di disoccupazione

| 3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione

+ Miei preferiti
È proprio questo, l’effetto della pandemia che Donald Trump teme di più: l’ondata di disoccupazione dilagante che metta la parola fine all’economia galoppante promessa ai suoi elettori. Nel giro di una sola settimana dall’esplodere della pandemia su tutto il territorio degli Stati Uniti, centinaia di aziende sono state costrette alla chiusura, licenziando o mettendo in aspettativa i dipendenti, e le richieste di indennità di disoccupazione hanno raggiunto la cifra record di 3,3 milioni.

È il numero più alto da quando il Dipartimento del Lavoro ha iniziato a tracciare i dati, nel 1967: il record precedente era fermo a 695mila richieste presentate il 2 ottobre 1982. “La maggior parte dei confronti storici di questa scala sono inadeguati: i più vicini sarebbero i disastri naturali come i grandi uragani. Tuttavia, come dimostra il rapporto di oggi, l’epidemia di coronavirus è economicamente simile a un uragano di grandi dimensioni che blocchi il paese per settimane e settimane”, ha commentato Daniel Zhao, economista senior di “Glassdoor”.



Il balzo della scorsa settimana ha segnato un enorme aumento rispetto alle 282mila richieste di quella precedente, che prima della pandemia si aggiravano intorno a 200mila ogni settimana. Questa è la differenza fondamentale tra lo shock del coronavirus rispetto ai periodi di crisi economica del passato: è improvviso e ha un impatto devastante praticamente su ogni settore e modello di business in circolazione, facendo predire agli economisti il rischio di milioni di posti di lavoro andati persi nelle prossime settimane.

Heidi Shierholz, ex capo economista del Dipartimento del Lavoro degli Stati Uniti che ora lavora per l’Economic Policy Institute, ha definito l’aumento della disoccupazione come la punta dell’iceberg: “Stimiamo che entro l’estate, 14 milioni di lavoratori perderanno il lavoro a causa dello shock del coronavirus”. Inevitabile, per gli esperti, l’avvio verso una fase di grave e velocissima recessione nel secondo trimestre dell’anno, prima di assistere ad una lenta salita dei dati nel corso dell’anno, ma comunque soltanto dopo il rallentamento della diffusione del virus. Al momento, i dipartimenti del lavoro di tutto il paese faticano ad affrontare l’improvviso afflusso di richieste di sussidi di disoccupazione. Il Dipartimento del lavoro di New York, ad esempio, è stato costretto a potenziare i server e ad assumere più di 65 persone per gestire il fiume di richieste, mentre la scorsa settimana, il Dipartimento per le pari opportunità della Florida ha annunciato l’assunzione di 100 dipendenti per rispondere alle chiamate e accompagnare i richiedenti nell’iter delle richieste.

Il Segretario del Tesoro Steven Mnuchin ha minimizzato l’aumento, definendo i numeri “non rilevanti” perché hanno preceduto un progetto di legge sul sollievo economico approvato dal Congresso mercoledì che include un forte sostegno ai lavoratori, compresi gli assegni del governo e l’estensione dei sussidi di disoccupazione. Ma ha aggiunto sibillino: “Speriamo però che presto o tardi, possano riassumere molte di queste persone”.

Galleria fotografica
USA, record di richieste di disoccupazione - immagine 1
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti