USA, ripristinata la pena di morte

| Dopo 16 anni di moratoria, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto di fissare le esecuzioni di cinque detenuti: la prima il prossimo dicembre

+ Miei preferiti
Dopo 16 anni di moratoria, un comunicato del Dipartimento della Giustizia americano ha annunciato la ripresa delle esecuzioni capitali. William Barr, il ministro della giustizia dell’amministrazione Trump, ha chiesto di programmare l’esecuzione di cinque detenuti condannati a morte per omicidio, detenuti in una prigione federale dell’Indiana e ormai impossibilitati a ricorrere in appello. “Il Congresso ha espressamente autorizzato la pena di morte attraverso la legislazione adottata dai rappresentanti del popolo in entrambe le camere del Congresso e firmata dal presidente - ha commentato Barr - dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie l’esecuzione delle sentenze imposte dal nostro sistema giudiziario”. Per la difficoltà di numerosi Stati di reperire i farmaci, il dipartimento ha anche reso noto di aver adottato un nuovo protocollo di iniezione letale: dal mix di tre farmaci all’uso del solo “Pentobarbital”.

Una decisione che spiazza l’opinione pubblica americana, secondo un recente sondaggio ormai per massima parte contraria alla pena di morte: nel 1994 i favorevoli erano l’84%, oggi sono scesi al 56. In più, sono ormai 21 gli Stati americani che hanno scelto l’abolizione della pena di morte, l’ultimo il New Hampshire, mentre diversi candidati alle primarie Dem per le presidenziali del 2020 hanno nei loro programmi l’abolizione su scala nazionale della pena capitale. Trump stesso non ha mai nascosto critiche ai governatori che sospendevano le esecuzioni capitali: era successo con la California di Gavin Newsom, e anche con aspre critiche verso la decisione di sospendere la pena di morte a Sayfullo Saipov, colpevole di un attentato a New York.

Attualmente, sono 62 i condannati rinchiusi nelle galere americani: la prima è fissata per il prossimo 9 dicembre. L’ultima era stata eseguita nel 2003.

Stati Uniti
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
Afroamericani uccisi: una lunga scia di ingiustizie
La morte di George Floyd ha riacceso i riflettori sui modi violenti delle forze di polizia americane. Nella quasi totalità dei casi, nessuno è mai stato accusato e processato
Proteste: ucciso un agente in pensione
Proteste: ucciso un agente in pensione
David Dorn aveva 77 anni, e voleva aiutare un amico a difendere il banco dei pegni. La morte documentata sui social
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Trump pretende pugno duro contro i manifestanti
Il presidente americano bacchetta pubblicamente sindaci e governatori, annunciando di essere pronto a invocare l’Insurrection Act, una legge che consente di sopprimere con la forza i disordini civili
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
La seconda autopsia conferma: George è morto per asfissia
Voluto dalla famiglia di Floyd, il secondo esame autoptico rafforza l’ipotesi dell’omicidio: il peso dell’agente, la posizione e le manette hanno compromesso il diaframma
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti