USA, ripristinata la pena di morte

| Dopo 16 anni di moratoria, il Dipartimento di Giustizia ha chiesto di fissare le esecuzioni di cinque detenuti: la prima il prossimo dicembre

+ Miei preferiti
Dopo 16 anni di moratoria, un comunicato del Dipartimento della Giustizia americano ha annunciato la ripresa delle esecuzioni capitali. William Barr, il ministro della giustizia dell’amministrazione Trump, ha chiesto di programmare l’esecuzione di cinque detenuti condannati a morte per omicidio, detenuti in una prigione federale dell’Indiana e ormai impossibilitati a ricorrere in appello. “Il Congresso ha espressamente autorizzato la pena di morte attraverso la legislazione adottata dai rappresentanti del popolo in entrambe le camere del Congresso e firmata dal presidente - ha commentato Barr - dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie l’esecuzione delle sentenze imposte dal nostro sistema giudiziario”. Per la difficoltà di numerosi Stati di reperire i farmaci, il dipartimento ha anche reso noto di aver adottato un nuovo protocollo di iniezione letale: dal mix di tre farmaci all’uso del solo “Pentobarbital”.

Una decisione che spiazza l’opinione pubblica americana, secondo un recente sondaggio ormai per massima parte contraria alla pena di morte: nel 1994 i favorevoli erano l’84%, oggi sono scesi al 56. In più, sono ormai 21 gli Stati americani che hanno scelto l’abolizione della pena di morte, l’ultimo il New Hampshire, mentre diversi candidati alle primarie Dem per le presidenziali del 2020 hanno nei loro programmi l’abolizione su scala nazionale della pena capitale. Trump stesso non ha mai nascosto critiche ai governatori che sospendevano le esecuzioni capitali: era successo con la California di Gavin Newsom, e anche con aspre critiche verso la decisione di sospendere la pena di morte a Sayfullo Saipov, colpevole di un attentato a New York.

Attualmente, sono 62 i condannati rinchiusi nelle galere americani: la prima è fissata per il prossimo 9 dicembre. L’ultima era stata eseguita nel 2003.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo