USA: scagionato dopo 25 anni di galera

| Rafael Ruiz ha scontato un quarto di secolo dietro le sbarre per uno stupro che non ha mai commesso. Le nuove tecniche forensi e la testardaggine di un avvocato hanno riscritto un clamoroso errore giudiziario

+ Miei preferiti
Le nuove e sempre più sofisticate tecniche di indagine forense hanno permesso di identificare decine di killer che a qualche decennio dai loro reati pensavano ormai di averla fatta franca. Ma si stanno dimostrando utili anche per riportare giustizia dove la legge ha fallito.

Il caso più recente è quello di Rafael Ruiz, un tranquillo uomo del Bronx, New York, che nel 1985 è finito con le manette ai polsi. Era il 18 maggio 1984, quando, all’età di 24 anni, Ruiz fu accusato di aver partecipato allo stupro di gruppo di una diciottenne. La giovane aveva raccontato alla polizia che un uomo di nome “Ronnie” quella sera l’aveva portata in un appartamento e poi sul tetto di un palazzo di East Harlem: lì era stata violentata e picchiata da almeno tre uomini.

Due settimane dopo l’aggressione, la vittima guida i detective nell’appartamento in cui ricorda di essere passata poco prima dello stupro: all’interno, la polizia trova Rafael Ruiz, che vive lì insieme al fratello. L’uomo viene convocato per un interrogatorio, e poco dopo la vittima lo identifica come uno dei responsabili dell’aggressione, malgrado la prima descrizione rilasciata agli agenti parlava di un gruppo di uomini di colore, e Ruiz non lo è.

Ma Rafael Ruiz sa di essere con le spalle al muro. Non ha i soldi sufficienti per assicurarsi avvocati di grido ed è costretto a rassegnarsi all’ingiustizia, passando 25 anni in prigione, pur sapendo di essere totalmente colpevole. L’ha ripetuto spesso, a chiunque gli abbia rivolto la parola, ma non c’è detenuto che si dichiari colpevole, questo lo sanno tutti.

Ruiz è uscito di galera nel 2009 con la condizionale, dopo aver scontato per intero la pena, e da quel momento ha deciso di battersi lo stesso perché si arrivasse alla verità, anche se la giustizia americana si era ormai presa una fetta consistente della sua vita. Il suo caso è finito sui tavoli del tribunale per la revisione della East Coast, che ha riesaminato le prove e i reperti con le nuove tecniche, arrivando alla conclusione più drammatica: Rafael Ruiz è innocente, non ha mai commesso lo stupro che l’ha tenuto in galera fino a 60 anni di età.

La svolta era arrivata nel  2003, 15 anni dopo la condanna, quando la famiglia di Ruiz aveva assunto un avvocato, William M. Tendy, con il compito di riesaminare il caso. Un anno dopo, l’avvocato fa una scoperta sorprendente: il fratello di Ruiz viveva nell’appartamento 16B al 2400 di Second Avenue. Più o meno nello stesso periodo, una donna che viveva dall’altra parte del corridoio aveva un fidanzato di nome Ronnie. Si fa strada l’ipotesi che la vittima abbia confuso gli appartamenti.

Ci sono voluti più di dieci anni per localizzare la vittima, ma alla fine l’avvocato è riuscito a rintracciarla. “Il verbale della vittima differisce dalle dichiarazioni iniziali agli investigatori, dalle prove mediche e dalla sua testimonianza al processo. La donna ha affermato che un detective la spingeva a identificare Ruiz, secondo lui conosciuto per essere violento con le donne”. 

Dal 1958, secondo il National Registry of Exonerations (Registro nazionale delle esenzioni), negli Stati Uniti sono state ribaltate più di 2.548 condanne ingiuste. Delle migliaia di casi, 735 si basano su un’errata identificazione dei testimoni. A Ruiz, ai tempi, era stato offerto un patteggiamento: se si fosse dichiarato colpevole, avrebbe avuto uno sconto della pena. Ma almeno quello, l’uomo l’ha rifiutato: nel corso del processo, Ruiz ha solo potuto invocare in tutti i modi la propria innocenza.

Il caso di Ruiz evidenzia una stortura della legge che definita la “pena del processo”: sono i casi in cui gli imputati sono condannati a pene molto più lunghe di quelle che avrebbero ricevuto se si fossero dichiarati colpevoli. È capitato spesso che innocenti si siano accollati colpe capendo che non avevano altra scelta davanti e che la sentenza era già stata scritta.

Il “Manhattan District Attorney’s Conviction Integrity Program” è nato nel 2010 ed è il primo del suo genere sulla East Coast a “riesaminare le dichiarazioni di innocenza e, cosa altrettanto importante, a migliorare le pratiche della procura per prevenire le condanne ingiuste”. Ad oggi, il CIP ha ribaltato 10 condanne, mentre altri 30 casi sono attualmente all’esame.

Per quattro volte, Ruiz ha rifiutato le offerte dei procuratori di New York di dichiararsi colpevole e ammettere di aver partecipato allo stupro, anche se ciò avrebbe significato scontare molto meno tempo: “Gli ripetevo semplicemente: io non ho fatto niente di male”.

Dopo tanto tempo, martedì un giudice della Corte Suprema di Manhattan, ha scagionato formalmente Rafael Ruiz dal reato. “Ora cercherò di trovare una moglie, sposarmi e avere dei figli”.

Galleria fotografica
USA: scagionato dopo 25 anni di galera - immagine 1
Stati Uniti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo