USA, sempre più giovani fra gli homeless

| Un fenomeno crescente che preoccupa le autorità: milioni di studenti finiscono per strada per mancanza di aiuti e sostegni, fra l’indifferenza generale

+ Miei preferiti
In diverse metropoli americane, il fenomeno degli “homeless” ha ormai raggiunto livelli di guardia per il pericolo di infezioni e sporcizia. E nell’immaginario collettivo, il senzatetto è un alcolista e drogato finito ai margini della società dopo aver collezionato sfilze di condanne.

Ma non è così, o meglio, non sempre: secondo alcuni nuovi dati federali, fra i senza fissa dimora si registra un numero sempre crescente di studenti, finiti sulle panchine perché – semplicemente – non hanno denaro sufficiente per pagarsi uno straccio di alloggio.

Il rapporto appena diffuso dal “National Center for Homeless Education” riassume i dati forniti dai distretti scolastici di due bienni: 2015-16 e 2017-18, in cui si evidenzia che gli studenti senza fissa sono aumentati del 15%, passando da 1,3 milioni a poco più di 1,5.

Ben sedici stati hanno registrato una crescita di almeno il 10% e otto di questi registrano un picco del 20%, a parte il Texas, dove il numero è letteralmente raddoppiato del 100%.

Barbara Duffield, direttore esecutivo della “SchoolHouse Connection”, un’associazione no-profit che si occupa di giovani senza fissa dimora, ha definito i numeri allarmanti: “Per molti di questi giovani, le scuole pubbliche sono l’unica fonte di sostegno. Le scuole esistono in tutte le comunità, indipendentemente dal fatto che ci siano o meno abbastanza posti letto: sono tenute a identificare, iscrivere e aiutare chi è per la strada”.

I dati hanno però dei limiti, e non riflettono la totalità dei giovani che si trovano costretti a incrementare il fenomeno degli homeless: non tengono conto di ragazzi e bambini che hanno abbandonato gli studi e i non iscritti a scuola, quindi, anche se i dati indicano 1,5 milioni di studenti, il numero potrebbe essere di gran lunga maggiore.

“Le scuole e le comunità hanno bisogno di sapere chi è senza fissa dimora per dare un aiuto, e la classe politica ha l’obbligo di dare priorità alle azioni a sostegno di questo preoccupante mare di invisibili senza voce”.

Galleria fotografica
USA, sempre più giovani fra gli homeless - immagine 1
USA, sempre più giovani fra gli homeless - immagine 2
USA, sempre più giovani fra gli homeless - immagine 3
Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo