Utah, ragazzino fa strage della sua famiglia

| Uccisi la madre e tre fratelli, il padre è l’unico sopravvissuto. Il giovane si rifiuta di spiegare i motivi del gesto, e l’intera comunità è sotto shock

+ Miei preferiti
La prima strage dell’anno nuovo negli Stati Uniti ha anche un altro primato: è il primo omicidio commesso nella tranquilla Grantsville, Utah, da oltre vent’anni.

Una strage in piena regola, con quattro vittime, tutte appartenenti alla stessa famiglia, così come l’omicida, un ragazzino di cui la polizia non ha ancora diffuso il nome.

L’ufficiale di polizia Rhonda Fields ha invece svelato l’identità delle quattro vittime: Consuelo Alejandra Haynie, 52 anni, madre del presunto assassino, Alexis, 15 anni, Matthew, 14, e Maylan di 12, sono stati trovati morti intorno alle 19 di venerdì al numero 93 di Eastmoor East. Il padre, il cinquantenne Colin Haynie, ha riportato diverse ferite durante la sparatoria, ma è sopravvissuto. Il sospetto è stato preso in custodia dagli agenti e finora si è rifiutato di spiegare i motivi della strage.

“La domanda che tutti si fanno è perché - ha commentato l’ufficiale di polizia – questa è una piccola comunità in cui si conoscono quasi tutti”. Sono state lanciate due raccolte fondi per “aiutare e dare sollievo economico alla famiglia per i funerali e le spese mediche”. Nel giro di poche ore, sono stati raccolti 88mila dollari a fronte dei 90mila dichiarati come obiettivo.

In città qualcuno commenta che il giovane accusato della strage diceva da tempo di “Sentirsi solo: aveva bisogno di un amico e di sentirsi amato. Questa tragedia può diventare un’esperienza da cui tutti noi possiamo imparare ed essere un po’ più gentili con il prossimo”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa