ASSASSINI, ARMI, VITTIME, SCENARI
dal '96 oltre 8mila morti innocenti

| L'analisi del Washington Post sul tragico fenomeno delle sparatorie di massa. Chi sono i killer, le loro vittime, le armi preferite, i moventi, i luoghi. Un bilancio che dovrebbe finalmente far riflettere la potente lobby delle armi

+ Miei preferiti

(A CURA DI ALBERTO C. FERRO)

“I luoghi cambiano, i numeri cambiano, ma la scelta dell'arma rimane la stessa. Negli Stati Uniti, le persone che vogliono uccidere molte altre persone lo fanno più spesso con le pistole”. L’analisi del Washington Post spiega in parte la realtà tragica delle “uccisioni casuali”, una piaga alimentata anche dal mercato legale delle armi, troppo facili da trovare. Il numero di sparatorie di massa negli Stati Uniti dipende da come si conta

Le sparatorie pubbliche di massa rappresentano una piccola frazione delle morti per armi da fuoco del paese, ma sono uniche e terrificanti perché avvengono senza preavviso nei luoghi più frequentati. La maggior parte delle vittime sono scelte non per quello che hanno fatto, ma semplicemente per dove si trovano. 

NEL 2019 GIA’ 42 MORTI

Non esiste una definizione universalmente accettata di sparatoria pubblica di massa. In 164 sparatorie in cui quattro o più persone sono state uccise da un tiratore solitario (due tiratori in pochi casi). Non include le sparatorie legate a dispute tra bande o rapine e le sparatorie domestiche che hanno avuto luogo esclusivamente in case private. Una definizione più ampia produrrebbe numeri molto più alti.Le sparatorie pubbliche di massa sono una piccola fetta di morti per armi da fuoco.

Sono 42 morti nel 2019 i morti in sparatorie di massa e 8,697 dal ’96.

Questo conteggio inizia il 1° agosto 1966, quando uno studente-cecchino ha sparato sui passanti dalla piattaforma di osservazione di una torre dell'orologio dell'Università del Texas. Quando la polizia lo ha ucciso, altre 17 persone erano morte o morivano. Come scrisse Pamela Colloff del Texas Monthly, la sparatoria "ha introdotto l'idea che qualsiasi gruppo di persone, ovunque - anche camminando in un campus universitario in un giorno d'estate - potrebbe essere ucciso a caso da uno sconosciuto”. Le persone uccise provenivano da quasi tutte le razze, religioni e contesti socioeconomici immaginabili. Le loro età vanno dal nascituro agli anziani; 189 erano bambini e adolescenti. Inoltre, migliaia di sopravvissuti sono rimasti con ferite devastanti, famiglie distrutte e cicatrici psicologiche.

VITTIME, LA PIU’ ANZIANA E LA PIU’ GIOVANE

La più anziana vittime è Louise De Kler, 98 anni, colpita a morte nel 2009 da un uomo che era venuto a Cartagine, N.C., per vendicare un torto subito da sua moglie. Il bambino di otto mesi Carlos Reyes fu sepolto in una bara con sua madre, Jackie, che aveva cercato di proteggerlo quando un uomo, nel 1984 aveva aperto il fuoco in un affollato McDonald's a San Ysidro, in California. Tre bambini non ancora nati sono inclusi negli elenchi  ufficiali delle vittime delle sparatorie di Austin, Wilkinsburg, Pa. e Sutherland Springs, Texas. I tiratori spesso portavano più di un'arma; uno è stata trovato con 24. Almeno 175 delle armi dei tiratori di massa sono state ottenute legalmente e 59 sono state ottenute illegalmente. Non è chiaro come sono state acquistate 80 armi. I fucili semiautomatici sono stati utilizzati in alcune delle sparatorie più letali del paese, come quelle di Newtown, Orlando, San Bernardino e Las Vegas. L'AR-15, una versione leggera e personalizzabile dell'M16 dell'esercito, è salito in popolarità dopo la scadenza del divieto federale decennale sulle armi d'assalto nel 2004. Alcune delle armi del tiratore di Las Vegas erano state dotate di dispositivi legali chiamati "bump-fire stock", che permettono ai fucili semiautomatici di sparare velocemente come quelli automatici. Il tipo di arma da fuoco più popolare, sono le pistole semiautomatiche da 9 mm, utilizzate da molti agenti delle forze dell'ordine. Sono generalmente leggere e poco costose, facili da nascondere e controllare, e sparano con la stessa velocità con cui una persona può premere il grilletto. L'uomo armato che ha ucciso 32 studenti e insegnanti alla Virginia Tech nel 2007 ha usato una Glock 19 semiautomatica da 9 mm (e un calibro .22 Walther P22, un altro calibro popolare). In questi dati, le pistole semiautomatiche da 9 mm appaiono più di qualsiasi altra arma.

168 ASSASSINI SERIALI

Tra 168 mass murder, alcuni erano noti per avere tendenze violente o un passato criminale. Altri sembravano in gran parte per bene fino a quando non hanno attaccato innocenti. Tutti, tranne 3, erano maschi. La stragrande maggioranza era di età compresa tra i 20 e i 49 anni. Più della metà - 94 di loro - sono morti sul luogo della sparatoria o nelle vicinanze, spesso uccidendosi.

LE DONNE KILLER

L'ultima donna che ha sparato è stata una madre pakistana che nel 2015 ha aiutato a uccidere 14 frequentatori di feste sul posto di lavoro del marito a San Bernardino, in California. Gli altri sono ex impiegata postale che ha ucciso un ex vicino di casa e sei dipendenti di un impianto di lavorazione della posta a Goleta, in California, nel 2006.

 
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti