Vogliono espugnare l’Area 51

| Per scherzo, un runner australiano ha dato appuntamento il 20 settembre prossimo davanti ai cancelli dell’area segreta nel deserto del Nevada

+ Miei preferiti
Jackson Barnes lo ammette: questa storia è iniziata quasi per scherzo, e ora è diventata un’operazione di proporzioni enormi. La sua idea, rimbalzata su Facebook attraverso i continenti, è stata di dare appuntamento a più gente possibile il 20 settembre nel deserto del Nevada, per marciare compatti verso l’Area 51, nome italiano del “Nevada Test Site 51”, la base militare sperimentale da sempre sospettata di conservare reperti alieni, astronavi e perfino cadaveri di esseri provenienti da altri pianeti.

Al momento, ma il calcolo è solo parziale, 600mila persone da tutto il mondo hanno dato conferma della propria presenza, affascinati dal piano d’azione di Barnes, il runner australiano che ha studiato una strategia per distrarre la sorveglianza e permettere ad un’altra falange di incursori di correre fino al cuore della base, la zona più protetta e inaccessibile ai più.

In realtà conscio dei rischi dell’operazione, Barnes ha voluto tranquillizzare l’America: “Buongiorno governo degli Stati Uniti, questo è uno scherzo, e in realtà non ho intenzione di portare avanti il mio piano. Ho pensato che fosse divertente ricavandone molti ‘like’, ma voglio sappiate che non sarò io il responsabile se quel giorno qualcuno deciderà realmente di assaltare l’Area 51”.

Stati Uniti
Trump lancia un nuovo canale social
Trump lancia un nuovo canale social
Non è ancora quello che aveva in mente, ma più un sito canale diretto fra l’ex presidente e i suoi sostenitori. Nelle stesse ore, Facebook si riunisce per decidere se togliere l’embargo
Bill e Melinda si dicono addio
Bill e Melinda si dicono addio
I Gates, la coppia di miliardari filantropi, si è rotta: l’ha annunciato Bill con poche parole su Twitter. Ignoti i motivi della rottura, anche se si mormora sia stata lei a volere la separazione
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
John Christopher Smith, schiavo di un uomo bianco
Affetto da disturbi mentali, per anni è stato costretto a lavorare senza paga, picchiato e maltrattato dal titolare di una caffetteria. Ora la giustizia impone che gli venga restituito più di quanto avrebbe guadagnato
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
Il cerchio magico di Trump teme guai in arrivo
L’improvvisa perquisizione da parte dell’FBI dell’appartamento e degli uffici di Rudy Giuliani ha messo in allarme la rete dei collaboratori dell’ex presidente. Secondo molti, è iniziata la resa dei conti
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
USA: birre e popcorn per chi si vaccina
Diverse grandi aziende offrono premi in denaro per i propri dipendenti, mentre stati come il West Virginia regala buoni in denaro. L’obiettivo è convincere milioni di no-vax e recalcitranti
I primi 100 giorni di Joe
I primi 100 giorni di Joe
Il presidente Biden parla al Paese promettendo di risollevare gli americani “abbandonati e dimenticati”: getta le basi per un’ambiziosa agenda economica e chiede la riforma della polizia e più divieti sulle armi
Altre due vittime della polizia americana
Altre due vittime della polizia americana
Mario Gonzalez soffocato come George Floyd, Andrew Brown Jr crivellato di colpi mentre tentava di sfuggire all’arresto. Si temono nuove ondate di proteste
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
Tre mesi all’inizio del processo contro Ghislaine Maxwell
L’ex socialite britannica è apparsa in tribunale per una nuova accusa, mentre i suoi legali querelano la casa editrice che ha pubblicato un nuovo libro sulla vicenda, e i media riaccendono le luci sull’amicizia con Bill Clinton
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Caitlyn Jenner si candida a governatore della California
Il transgender più famoso del mondo, padre delle sorelle Jenner e patrigno delle Kardashian, scende in campo come repubblicano moderato per restituire al “Golden State” quanto lei stessa ha avuto
Derek Chauvin rischia fino a 75 anni di galera
Derek Chauvin rischia fino a 75 anni di galera
Sarebbe il massimo della pena per ognuno dei tre reati legati alla morte di George Floyd, ma si tratta di un soggetto senza precedenti penali, per cui il giudice potrebbe essere più clemente