Vogliono espugnare l’Area 51

| Per scherzo, un runner australiano ha dato appuntamento il 20 settembre prossimo davanti ai cancelli dell’area segreta nel deserto del Nevada

+ Miei preferiti
Jackson Barnes lo ammette: questa storia è iniziata quasi per scherzo, e ora è diventata un’operazione di proporzioni enormi. La sua idea, rimbalzata su Facebook attraverso i continenti, è stata di dare appuntamento a più gente possibile il 20 settembre nel deserto del Nevada, per marciare compatti verso l’Area 51, nome italiano del “Nevada Test Site 51”, la base militare sperimentale da sempre sospettata di conservare reperti alieni, astronavi e perfino cadaveri di esseri provenienti da altri pianeti.

Al momento, ma il calcolo è solo parziale, 600mila persone da tutto il mondo hanno dato conferma della propria presenza, affascinati dal piano d’azione di Barnes, il runner australiano che ha studiato una strategia per distrarre la sorveglianza e permettere ad un’altra falange di incursori di correre fino al cuore della base, la zona più protetta e inaccessibile ai più.

In realtà conscio dei rischi dell’operazione, Barnes ha voluto tranquillizzare l’America: “Buongiorno governo degli Stati Uniti, questo è uno scherzo, e in realtà non ho intenzione di portare avanti il mio piano. Ho pensato che fosse divertente ricavandone molti ‘like’, ma voglio sappiate che non sarò io il responsabile se quel giorno qualcuno deciderà realmente di assaltare l’Area 51”.

Stati Uniti
USA: processo shock
contro le catene alberghiere
USA: processo shock<br>contro le catene alberghiere
È iniziato in questi giorni nell’Ohio: alla sbarra numerosi colossi alberghieri, accusati da 13 donne di aver favorito lo sfruttamento della prostituzione e il traffico di esseri umani
New York: uccisa da due adolescenti per rapina
New York: uccisa da due adolescenti per rapina
Tessa Majors, 18 anni, è stata accoltellata a morte in un parco pubblico per portarle via uno zainetto. Gli autori, ripresi dalle telecamere di sorveglianza, hanno 13 e 14 anni
Un uomo afferma di essere il bimbo scomparso 25 anni prima
Un uomo afferma di essere il bimbo scomparso 25 anni prima
Si chiama Mike Cash, ha 29 anni, ma nutre il sospetto che potrebbe essere D’Wan Sims, un bimbo di quattro anni scomparso nel nulla a Detroit nel dicembre 1994
L.A., agente sotto accusa per vilipendio di cadavere
L.A., agente sotto accusa per vilipendio di cadavere
Un agente della polizia di Los Angeles ripreso dalla videocamera corporale mentre palpeggia ripetutamente il seno di una giovane donna morta qualche ora prima. Rischia fino a tre anni di carcere
Siri lo salva da un lago ghiacciato
Siri lo salva da un lago ghiacciato
Un giovane finito nelle acque del lago Winnebago ha chiesto all’assistente vocale di avvisare i soccorsi. È stato salvato dai vigili del fuoco, cavandosela con un grande spavento
I whistleblower che inchiodano la Boeing
I whistleblower che inchiodano la Boeing
L’azienda era stata avvisata più volte della pericolosità dei 737 MAX per difetti di fabbricazione, problemi nell’assemblaggio e malfunzionamenti del nuovo stabilizzatore. Ma sono stati ignorati
Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra
Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra
In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan
Il giorno dell’impeachment
Il giorno dell’impeachment
Formulati ufficialmente gli atti d’accusa contro il presidente Trump, ritenuto colpevole di abuso di potere e ostruzione alle indagini della Camera. La Casa Bianca respinge ogni cosa
Addio a Pete Frates, l’inventore dell’Ice Bucket Challenge
Addio a Pete Frates, l’inventore dell’Ice Bucket Challenge
Malato di SLA, aveva ideato la sfida del secchio d’acqua ghiacciata per raccogliere fondi destinati alla ricerca. Si è spento in queste ore, dopo otto anni in cui ha lottato con tutte le forze per dare coraggio a se stesso e agli altri
Una donna, quattro uomini e una neonata
Una donna, quattro uomini e una neonata
La surreale storia di Tory Ojeda, 20enne di Jacksonville, in Florida, che vive da anni con i suoi quattro giovani amanti e ora hanno deciso di fare da padri tutti insieme alla piccola che nascerà a breve