Altro che “noioso miliardo” precambriano!

| Sembrava che sulla Terra, tra 1.800 e 800 milioni di anni fa, non fosse successo molto. Moderni studi ritengono invece che nelle acque stagnanti dell’epoca potrebbero esserci state forme di vita che riscriverebbero la storia del pianeta

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Secondo recenti calcoli basati sull’osservazione di una galassia (MACS1149-JD1) che dista da noi circa 13,28 miliardi di anni luce, un gruppo internazionale di astronomi – coordinati dallo University College di Londra e dall’università Sangyo di Osaka – ha stabilito che quella, più o meno, dovrebbe essere l’età dell’universo. In realtà, il big bang dovrebbe essere avvenuto circa 500 milioni di anni prima, ma forse non è il caso di badare a queste sottigliezze. Quello che sembra certo è che lo spazio appena nato non era vuoto, ma esistevano già galassie e soprattutto erano presenti fonti di ossigeno.

Il fatto che già all’epoca esistessero sistemi stellari non è sorprendente. È invece molto più singolare la scoperta, all'interno di MACS1149-JD1, di tracce di ossigeno, elemento rilasciato nelle nubi di gas intergalattico quando le stelle muoiono. 

Siccome osservare oggi l’ammasso di stelle MACS1149-JD1 equivale viaggiare indietro nel tempo fino a quando l’universo aveva appena 500 milioni di anni di vita, è possibile affermare che a quell’epoca una generazione di stelle si era precedentemente formata ed era già anche morta. La luminosità rilevata della MACS1149-JD1 fa ritenere agli astronomi che sia esistito un gruppo di astri formati quando l’universo aveva circa 250 milioni di anni.

Nella teoria cosmologica del big bang esiste un momento in cui l’enorme massa di idrogeno neutro, che permea l’universo primordiale nei suoi primi milioni di anni di vita, svanisce permettendo alla luce di filtrare attraverso questa sorta di nebbia e permette di osservare i corpi celesti, in un fenomeno chiamato reionizzazione che, secondo gli scienziati, avvenne per il raffreddamento dell’universo tra 250 e 379 milioni di anni dopo il big bang. Lo spazio opaco divenne sempre più trasparente mentre elettroni e protoni si univano per formare atomi neutri di idrogeno. Ciò spinge gli astronomi a ritenere in futuro sarà possibile dimostrare l’esistenza di galassie in epoche ancora precedenti a quelle che riusciamo a osservare direttamente.

Gli astronomi ritengono che la Via Lattea – pur avendo al suo interno stelle (come HD 140283) con un’età stimata di circa 13,6 miliardi di anni, non molto diversa da quella dell’universo stesso –dovrebbe avere un’età compresa tra 6,5 e 10,1 miliardi di anni. E prima che nella nostra galassia nascesse il Sole sono passati almeno un altro paio di miliardi di anni. Infatti, la nostra stella dovrebbe essersi formata circa 4,57 miliardi di anni fa e roteando nello spazio attirò polveri e gas che assunsero la forma di un disco appiattito. L’aumento della pressione e delle temperature scatenarono violente reazioni nucleari che portarono alla nascita del Sole, al centro di un sistema formato di polveri, gas e materiale che galleggiava nello spazio e che nell’arco di centinaia di milioni di anni – sotto l’effetto del vento solare e della forza di gravità – continuò a roteare intorno alla nuova stella fino a formare i planetesimi che iniziarono a loro volta a esercitare una forza di gravità dando vita a pianeti, asteroidi e comete.

Più o meno 4,54 miliardi di anni fa si formò così la Terra che abbastanza rapidamente – ovviamente considerando la scala dei tempi astronomici – si trasformò da aggregazione di elementi a vero pianeta. Nella sua vita, la Terra si è sempre costantemente evoluta e trasformata, ma alcuni anni fa i geologi identificarono un periodo lungo circa un miliardo di anni in cui sul nostro pianeta poco o nulla di interessante è successo per quanto riguarda l’evoluzione biologica, il cambiamento climatico, le variazioni chimiche di oceani e atmosfera. A un primo esame, la Terra sembrava essere rimasta bloccata in una sorta di stasi per tutti quegli anni e gli scienziati soprannominarono questo periodo il “noioso miliardo”. Lo scienziato Roger Buick nel 1995 affermò che “mai nel corso della storia della Terra è successo così tanto poco per così tanto tempo”. Il miliardo noioso è posizionato tra 1.800 e 800 milioni di anni fa, nel precambriano, ma nuove prove stanno facendo cambiare opinione agli studiosi, che iniziano a ritenerlo un periodo molto più dinamico di quanto finora ipotizzato.

Simon Poulton – docente di biogeochimica e storie della Terra all’università di Leeds – ha descritto quegli anni in un lungo articolo su The Conversation, la rivista on line che diffonde articoli redatti da docenti delle più importanti università mondiali.

La Terra, afferma Poulton, era probabilmente un po’ più calda di oggi ma nelle rocce dell’epoca non ci sono prove di cambiamenti climatici significativi. Nell’atmosfera c’era molto meno ossigeno così come nell’unico oceano terrestre: le acque pertanto erano stagnanti e inospitali, ricche di ferro o di tossico e puzzolente idrogeno solforato. Erano già diffuse le prime cellule viventi con un nucleo (i procarioti) ma nulla faceva presagire un’evoluzione biologica significativa. 

Don Canfield docente dell’università della Danimarca meridionale iniziò a descrivere con immagini evocative quell’epoca lontana nel tempo, attirando l’attenzione di molti giovani scienziati, come lo stesso Poulton. I due studiosi hanno iniziato a lavorare insieme analizzando alcune rocce di 1,8 miliardi di anni d’età nei pressi del lago Superiore e già da subito è emerso che i livelli di ossigeno non erano affatto statici durante il “noioso miliardo”, anzi erano presenti chiare prove di fasi con aumento della sua quantità. Questi periodi coincidevano con momenti in cui aumentavano le dimensioni delle alghe, fornendo elementi importanti per comprendere l’evoluzione biologica sulla Terra, milioni di anni prima del Cambriano e della sua ricca fauna acquatica, fatta di brachiopodi, meduse, onicofori, spugne e trilobiti da cui finora si pensava fosse originata la vita attuale.

Le attività di ricerca e di studio sono appena iniziate ma agli studiosi sembra chiaro che le rocce dell’epoca nascondono ancora molti segreti da scoprire e analizzare. Probabilmente tra una decina di anni non si parlerà più di noioso miliardo ma, forse, dell’era in cui la vita è effettivamente iniziata sulla Terra.

Storia
Le due facce del movimento hippy
Le due facce del movimento hippy
Da un lato la “family” di Manson che sfruttò l’ingenuità dei giovani nel dare vita a una comune, dall’altro l’entusiasmo di centinaia di migliaia di ragazzi che alla quattro giorni di Woodstock credettero di poter cambiare il mondo
La Luna ha 50 anni
La Luna ha 50 anni
Mezzo secolo fa, Neil Armstrong e Buzz Aldrin camminavano sul satellite più amato e temuto. Un traguardo enorme, pazzesco e inimmaginabile dell’intelligenza umana, che ancora oggi qualcuno ritiene una bufala storica
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
Esattamente 341 anni fa si laureava la prima donna al mondo, in filosofia all’università di Padova. Ottenne questo risultato grazie al ricco e nobile padre che l’appoggiò contro il mondo accademico e clericale assolutamente contrari
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Attraverso l'esame di piccoli frammenti di tessuto prelevati dai cadaveri di donne assassinate dai nazisti, è stato possibile dare un nome a persone usate come cavie. Commovente cerimonia a Berlino
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
I resti umani di bambini, donne e anziani erano stati sepolti dopo le esecuzioni di massa in grandi fosse comuni scoperte in Bielorussia. Li uccisero le Ss tedesche anche con l'aiuto di collaborazionisti locali tra il '40 e il '42
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Aveva 108 anni, con lui altri partigiani italiani ed europei aiutarono l'esodo dei profughi ebrei sopravvissuti alla Shoah in Palestina su navi mercantili partite anche dai porti di Marsiglia, Nizza, Savona e Genova
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Dopo 200 anni i medici legali effettueranno l'analisi del capello per individuare eventuali tracce di veleno. L'esame dei resti ritrovati nel Duomo di Sassari
Lucusta, la killer dell’impero romano
Lucusta, la killer dell’impero romano
Arrivata giovane dalla Gallia dove aveva imparato dai sacerdoti druidi le proprietà delle erbe, nella Roma del I secolo dopo Cristo uccise con il veleno decine di persone. Nerone e sua madre Agrippina furono i suoi migliori clienti
Donne di carattere, tra Medioevo e Rinascimento
Donne di carattere, tra Medioevo e Rinascimento
Chiara, Iolanda, Margherita, Anna Maria e Carlotta hanno in comune tra loro l’11 agosto e in periodi difficili per il sesso femminile hanno dimostrato di avere coraggio per difendere (anche davanti ai potenti) interessi, figli, idee
Popolo di beate, anarchici e ingegneri…
Popolo di beate, anarchici e ingegneri…
L’8 agosto nel nome di chi aiuta le persone in difficoltà: da un istituto religioso alla legge Bacchelli, attraverso la tentata rivolta di un rivoluzionario russo. Sullo sfondo un mulino su un fiume e quello su un canale