I troppi misteri dell’11 settembre

| Un argomento ghiotto come gli attentati al World Trade Center non può certo sfuggire a chi crede nelle cospirazioni: dalle bombe nei grattacieli alle cabale sataniche sui numeri 9 e 11. Senza dimenticare il solito Nostradamus

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Da ormai 18 anni – da quel tragico 11 settembre 2001 quando due aerei di linea si schiantarono sulle torri gemelle di New York – gli attentati al World Trade Center sono oggetto di saggi, articoli e documentari che sostengono la teoria del complotto, cioè che gli attacchi non siano da imputare al terrorismo islamico.

Una prima tesi prevede il coinvolgimento di Israele: sostenuta da persone dal riconosciuto antisionismo, è stata smentita e dimostrata falsa. Prevedeva che alcuni israeliani che lavoravano all’interno del World Trade Center fossero stati preventivamente avvertiti degli attentati, riuscendo così a mettersi in salvo, confermando la teoria che a far crollare i grattacieli siano stati componenti del Mossad, i servizi segreti israeliani.

La principale ipotesi complottista sostiene invece che il crollo delle torri non sarebbe stato causato dallo schianto degli aerei né dagli incendi provocati dai velivoli, bensì da cariche esplosive piazzate nei due edifici prima dell’11 settembre che ne avrebbero causato il crollo, come avviene per una demolizione controllata.

Chi è convinto di questa tesi afferma che, nei video dei crolli, si notano sbuffate di polvere che ricorderebbero quelle visibili nelle demolizioni controllate. Ma a “demolire” questa teoria sono gli stessi esperti degli smantellamenti dei grandi edifici, i quali affermano che si tratta della violenta fuoriuscita di aria, compressa dal crollo dei piani superiori che si sfoga verso i piani più bassi.

E poi – ribadiscono quelli che ritengono questa teoria non credibile – per quale motivo gli attentatori avrebbero dovuto piazzare, di nascosto e senza lasciare tracce, decine di cariche esplosive in differenti piani di entrambi i grattacieli, attivandole tutte allo stesso momento? Sembra davvero un piano inutilmente complesso e arzigogolato, solo per ottenere lo stesso risultato raggiunto con l’impatto degli aerei.

E allora i complottisti tralasciano il modo con cui sono state fatte crollare le due torri, ma spiegano che la temperatura raggiunta dalla completa fusione delle travi portanti in acciaio non sarebbe stata sufficiente a far collassare gli edifici. I dettagliati rapporti ufficiali del NIST (il National Institute of Standards and Technology, l’agenzia del governo degli Stati Uniti che si occupa della gestione delle tecnologie) parlano di 800 gradi Celsius, mentre chi crede nel complotto afferma che ne sono necessari quasi il doppio per la fusione dell’acciaio. In realtà gli esperti del NIST non parlano di fusione delle travi portanti ma di “indebolimento della struttura” che provoca l’impossibilità di reggere il carico statico sovrastante. Gli esperti affermano che questo indebolimento si verifica a temperature molto inferiori, tra i 250 e i 500 gradi. Gli 800° raggiunti rendono inevitabile il collasso della struttura poiché la tenuta meccanica di carico dell’acciaio risulta ridotta fino al 90 per cento.

E ancora, chi crede nella cospirazione ritiene poco plausibili le modalità dei crolli, sostenendo che avrebbero dovuto cedere per primi i lati più caldi e quindi gli edifici avrebbero dovuto piegarsi lateralmente. Gli esperti replicano che il carico statico delle due torri era verticale e nessuna forza incideva sui suoi lati, pertanto non esisteva motivo fisico per cui le Twin Towers sarebbero dovute crollare in un modo diverso da come è effettivamente avvenuto.

Quando le opinioni di ingegneri e architetti non bastano a spiegare i motivi del complotto e dei crolli che hanno causato migliaia di morti, entra in gioco la superstizione, e la fantasia ha libero sfogo con la creazione di leggende metropolitane e di false logiche cabalistiche basate sui numeri dell’attentato.

La data 9/11 (cioè 11 settembre scritto nello stile anglosassone, con il mese che precede il giorno) è stata analizzata in ogni modo possibile, ricercando sempre un unico filo rosso che portasse sulla pista dell’attentato: una vera e propria cabala terroristica.

Del resto, già dalla mattina successiva all’attentato fu recuperata la sestina di Nostradamus che recitava “Nella città di Dio ci sarà un gran tuono, due fratelli fatti a pezzi dal caos, mentre la fortezza resiste, il grande leader soccomberà” che opportunamente interpretata avrebbe potuto essere in qualche modo collegata al crollo delle due torri.

Invece, a proposito di numeri, siccome i due grattacieli vicini formavano una sorta di enorme numero 11, ecco che 9/11 diventa 9+1+1=11, come è stato il volo 11 dell’American Airlines il primo a schiantarsi con 92 persone a bordo (9+2=11). E che dire del fatto che l’11 settembre è il 254esimo giorno dell’anno (2+5+4=11) e che ci sono 11 lettere nelle parole Afghanistan, New York City, “the Pentagon” e George W Bush?

Mentre alle teorie su schianti e crolli che chiamano in causa leggi fisiche e matematiche è facile replicare con le stesse armi e con spiegazioni logiche e inoppugnabili, nel caso di superstizioni e credenze popolari serve a poco obiettare che Osama Bin Laden è composto da 14 lettere, World Trade Center da 16 e Al Qaeda da 7… la maggior parte dei complottisti “satanici” continuerebbe a essere convinta delle proprie teorie.

In ogni caso, complottisti a parte, ci sono alcuni fatti legati agli attentati che sembra non abbiano una spiegazione immediatamente comprensibile. Per esempio, nella settimana che ha preceduto gli attentati si è verificata una improvvisa e massiccia vendita di titoli assicurativi e di compagnie aeree. Questi sconosciuti personaggi che – per usare termini da spy story – ordivano nell’ombra, ricevettero informazioni dal governo degli Stati Uniti o dagli stessi terroristi? O forse, sono stati proprio i jihadisti a utilizzare questo sistema per auto-finanziarsi? Magari cedendo i titoli prima degli attentati e ricomprarli immediatamente dopo a valori molto più bassi.

Chi realmente sapeva che cosa stava per succedere? Al momento non è ancora chiaro.

Storia
Le due facce del movimento hippy
Le due facce del movimento hippy
Da un lato la “family” di Manson che sfruttò l’ingenuità dei giovani nel dare vita a una comune, dall’altro l’entusiasmo di centinaia di migliaia di ragazzi che alla quattro giorni di Woodstock credettero di poter cambiare il mondo
La Luna ha 50 anni
La Luna ha 50 anni
Mezzo secolo fa, Neil Armstrong e Buzz Aldrin camminavano sul satellite più amato e temuto. Un traguardo enorme, pazzesco e inimmaginabile dell’intelligenza umana, che ancora oggi qualcuno ritiene una bufala storica
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
Esattamente 341 anni fa si laureava la prima donna al mondo, in filosofia all’università di Padova. Ottenne questo risultato grazie al ricco e nobile padre che l’appoggiò contro il mondo accademico e clericale assolutamente contrari
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Attraverso l'esame di piccoli frammenti di tessuto prelevati dai cadaveri di donne assassinate dai nazisti, è stato possibile dare un nome a persone usate come cavie. Commovente cerimonia a Berlino
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
I resti umani di bambini, donne e anziani erano stati sepolti dopo le esecuzioni di massa in grandi fosse comuni scoperte in Bielorussia. Li uccisero le Ss tedesche anche con l'aiuto di collaborazionisti locali tra il '40 e il '42
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Aveva 108 anni, con lui altri partigiani italiani ed europei aiutarono l'esodo dei profughi ebrei sopravvissuti alla Shoah in Palestina su navi mercantili partite anche dai porti di Marsiglia, Nizza, Savona e Genova
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Dopo 200 anni i medici legali effettueranno l'analisi del capello per individuare eventuali tracce di veleno. L'esame dei resti ritrovati nel Duomo di Sassari
Lucusta, la killer dell’impero romano
Lucusta, la killer dell’impero romano
Arrivata giovane dalla Gallia dove aveva imparato dai sacerdoti druidi le proprietà delle erbe, nella Roma del I secolo dopo Cristo uccise con il veleno decine di persone. Nerone e sua madre Agrippina furono i suoi migliori clienti
Donne di carattere, tra Medioevo e Rinascimento
Donne di carattere, tra Medioevo e Rinascimento
Chiara, Iolanda, Margherita, Anna Maria e Carlotta hanno in comune tra loro l’11 agosto e in periodi difficili per il sesso femminile hanno dimostrato di avere coraggio per difendere (anche davanti ai potenti) interessi, figli, idee
Popolo di beate, anarchici e ingegneri…
Popolo di beate, anarchici e ingegneri…
L’8 agosto nel nome di chi aiuta le persone in difficoltà: da un istituto religioso alla legge Bacchelli, attraverso la tentata rivolta di un rivoluzionario russo. Sullo sfondo un mulino su un fiume e quello su un canale