Il golpe sul monte Titano

| L’ultimo giorno del settembre 1957 la più antica repubblica del mondo fu scossa da un colpo di stato. I democristiani di San Marino rovesciarono il governo a guida socialista e comunista con l’appoggio dei servizi segreti di Italia e USA

+ Miei preferiti
Di Marco Belletti
Quando nel cuore degli anni Cinquanta (in piena guerra fredda) la Democrazia Cristiana vinceva le elezioni con maggioranze “imbarazzanti” – che lasciavano poco spazio sia alla sinistra comunista, spauracchio di tutti i cattolici, sia alla destra ex fascista, ancora completamente da riorganizzare – esisteva in Italia una piccola “repubblica rossa”.

Si trattava di una vera repubblica, non dell’Emilia Romagna raccontata da Guareschi nella populistica contrapposizione tra sinistra e destra rappresentate dalle iconiche figure di Peppone e Don Camillo: certamente piccola (61 chilometri quadrati per 12 mila abitanti nel 1947) ma era uno stato dalla storia prestigiosa: San Marino.

Indipendente dal 300 dopo Cristo, San Marino è la repubblica più antica del mondo in quanto questo tipo di governo regge la nazione dal 900, oltre mille anni fa. Alle elezioni del 1945 la coalizione formata dal Partito Comunista Sammarinese (PCS) e dal Partito Socialista Sammarinese (PSS) vinse con il 65 per cento dei voti contro gli avversari democristiani. Socialisti e comunisti insieme proseguirono a governare la piccola repubblica, una vera e propria anomalia nel contesto della guerra fredda, tollerata dalle nazioni europee soltanto a causa dello scarso peso politico di San Marino nello scenario internazionale.

Il governo sanmarinese si distingueva per le moderne politiche sociali attuate, per le fitte relazioni diplomatiche e di cooperazione instaurate con l’Unione Sovietica e per i numerosi momenti di tensione di politica internazionale, soprattutto con l’Italia. Per esempio, tra il 1954 e il 1955 – nell’anno e mezzo di governo del democristiano Mario Scelba, marcatamente conservatore – la nostra nazione impose controlli di polizia e doganali ai confini con San Marino, in modo da forzare la chiusura del casinò del Titano per bloccare economicamente la piccola enclave, troppo spiccatamente di sinistra.

La pressione nei confronti del governo sammarinese raggiunse l’apice quando il Partito Comunista locale propose una netta virata verso una struttura socio-economica più “sovietica” della piccola nazione che fino ad allora, pur essendo guidata da un governo socialista-comunista, aveva mantenuto una struttura da Paese capitalista. Nel 1956 il programma di trasformazione radicale della società proposto dal Partito Comunista comprendeva la stesura di una Costituzione (San Marino ancora oggi ne è priva), il rinnovamento degli organi statali, uno sviluppo dell’economia in senso collettivistico e rapporti sempre più stretti con l’Unione Sovietica.

Risalgono ad allora le sempre più evidenti pressioni dei Paesi occidentali che si trasformarono in vere e proprie ingerenze nel governo della repubblica sanmarinese, tanto da far nascere nel 1957 il nuovo Partito Socialista Indipendente Sammarinese (PSIS), una fazione contraria all’alleanza dei socialisti tradizionali con il Partito Comunista.

La repubblica parlamentare di San Marino era guidata – allora come oggi – da un parlamento chiamato Consiglio Grande e Generale, composto da 60 persone, mentre a capo dello Stato vi era la Reggenza, formata da due Capitani eletti dal parlamento, che presiedevano governo e Consiglio.

Nel 1956 socialisti e comunisti governavano con una maggioranza di 35 consiglieri su 60, ma la scissione pilotata dal capitalismo occidentale e che portò alla nascita del PSIS con 5 consiglieri, ristabilì una totale parità (30 a 30) tra i due schieramenti in Consiglio.

Il 18 settembre 1957 – il giorno prima della scelta della nuova Reggenza – il consigliere Attilio Giannini, indipendente nella lista comunista, fu corrotto e divenne l’ago della bilancia della crisi di governo, trentunesimo consigliere per la maggioranza democristiana. All’evidente caso di corruzione di Giannini, i consiglieri del blocco socialista e comunista si dimisero in massa e così la Reggenza fu costretta a sciogliere il Consiglio, fissando il 3 novembre come data per le elezioni.

I democristiani rivendicarono immediatamente la guida del Paese e la sera del 30 settembre tutti i 31 consiglieri occuparono uno stabilimento industriale in disuso a Rovereta, frazione al confine con l’Italia: con un vero e proprio colpo di stato autoproclamarono un governo provvisorio, infrangendo così la legalità costituzionale della nazione. I Carabinieri italiani circondarono lo stabilimento per proteggere gli occupanti e il nostro governo democristiano riconobbe immediatamente la legittimità del sedicente governo provvisorio sammarinese.

Entrambi i governi (quello legittimo del “palazzo” e quello provvisorio dello “stabilimento”) organizzarono delle milizie: da un lato nacque un gruppo di volontari per difendere il governo legittimo, dall’altro si fece appello a tutti i vari corpi militari e della gendarmeria per ribellarsi alla Reggenza. Per senza arrivare a un vero scontro armato, il 14 ottobre il governo del Palazzo dichiarò di cedere alla sopraffazione e il governo provvisorio – con l’esplicito appoggio di Stati Uniti e Italia – lasciò Rovereta e s’insediò nel palazzo diventando il nuovo governo ufficiale di San Marino, da allora strettamente legato al blocco occidentale.

Un ruolo sicuramente importante in questo poco conosciuto colpo di stato nel cuore dell’Italia, fu interpretato dalla CIA ma ancora di più dal Servizio Informazioni Forze Armate (SIFAR), come si chiamava allora l’ente di servizio segreto del nostro Paese. In quegli anni in Italia circolava la voce – non si sa quanto in modo ingannevole messa in circolazione – dell’incombente minaccia di intervento militare straniero con un sempre più fitto substrato clandestino di organizzazioni come Gladio, pronte a dare vita a un colpo di stato reazionario se fosse salito al potere il Partito Comunista. E la presenza del potenziale nemico al governo di San Marino – benché nazione piccola e dal poco peso politico internazionale – sembrava essere una minaccia imminente.

Il caso del golpe consumato all’ombra del monte Titano è la dimostrazione che una società capitalista come quella statunitense di allora non voleva neppure tollerare che una nazione nell’orbita NATO potesse liberamente seguire la via del socialismo, anche non estremista e anche di dimensioni ridotte come quelle di San Marino. E che l’Italia di allora era quanto mai legata e succube delle decisioni e delle interferenze degli USA in Europa.

Dopo essere stato quasi del tutto dimenticato, il colpo di stato a San Marino del 1957 fu chiamato in causa nell’ambito della cultura di sinistra nella seconda metà degli anni Settanta, quando fu paragonato – pur con le dovute proporzioni – al sanguinoso golpe in Cile di Pinochet che nel 1973, apertamente sostenuto dalla CIA e dagli Stati Uniti, rovesciò il governo di Salvador Allende. E se il colpo di stato “romagnolo” non divenne cruento come quello sudamericano fu probabilmente dovuto solo alla infinitamente minore rilevanza degli interessi in gioco.

Storia
Norimberga, il nazismo alla sbarra
Norimberga, il nazismo alla sbarra
Esattamente 75 anni fa iniziava "il più grande processo della storia" contro i criminali di guerra del Terzo Reich. La città bavarese fu scelta come sede delle udienze a causa della sua emblematica importanza per il nazismo
Era solo un muro di mattoni e cemento…
Era solo un muro di mattoni e cemento…
È il 9 novembre 1989 quando inizia a essere abbattuto il muro più famoso del mondo, quello che oltre a dividere a Berlino separa due ideologie, e ha portato alla guerra fredda tra USA e URSS
I troppi misteri dell’11 settembre
I troppi misteri dell’11 settembre
Un argomento ghiotto come gli attentati al World Trade Center non può certo sfuggire a chi crede nelle cospirazioni: dalle bombe nei grattacieli alle cabale sataniche sui numeri 9 e 11. Senza dimenticare il solito Nostradamus
Le due facce del movimento hippy
Le due facce del movimento hippy
Da un lato la “family” di Manson che sfruttò l’ingenuità dei giovani nel dare vita a una comune, dall’altro l’entusiasmo di centinaia di migliaia di ragazzi che alla quattro giorni di Woodstock credettero di poter cambiare il mondo
La Luna ha 50 anni
La Luna ha 50 anni
Mezzo secolo fa, Neil Armstrong e Buzz Aldrin camminavano sul satellite più amato e temuto. Un traguardo enorme, pazzesco e inimmaginabile dell’intelligenza umana, che ancora oggi qualcuno ritiene una bufala storica
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
25 giugno 1678, la laurea si fa donna
Esattamente 341 anni fa si laureava la prima donna al mondo, in filosofia all’università di Padova. Ottenne questo risultato grazie al ricco e nobile padre che l’appoggiò contro il mondo accademico e clericale assolutamente contrari
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Pace eterna per le cavie umane del doktor Stieve
Attraverso l'esame di piccoli frammenti di tessuto prelevati dai cadaveri di donne assassinate dai nazisti, è stato possibile dare un nome a persone usate come cavie. Commovente cerimonia a Berlino
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
Brest, 750 corpi di ebrei nelle fosse comuni
I resti umani di bambini, donne e anziani erano stati sepolti dopo le esecuzioni di massa in grandi fosse comuni scoperte in Bielorussia. Li uccisero le Ss tedesche anche con l'aiuto di collaborazionisti locali tra il '40 e il '42
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Morto Loinger, il partigiano di Exodus
Aveva 108 anni, con lui altri partigiani italiani ed europei aiutarono l'esodo dei profughi ebrei sopravvissuti alla Shoah in Palestina su navi mercantili partite anche dai porti di Marsiglia, Nizza, Savona e Genova
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Il conte di Moriana morì avvelenato?
Dopo 200 anni i medici legali effettueranno l'analisi del capello per individuare eventuali tracce di veleno. L'esame dei resti ritrovati nel Duomo di Sassari