Addio a Jacqui, la donna senza volto

| Vittima di un incidente stradale nel 1999, a 20 anni, era diventata uno dei simboli del pericolo della guida in stato di ebbrezza

+ Miei preferiti
Jacqui Saburido non c’è più: portata via da un cancro, che ha soltanto finito quello che il destino aveva in mente per lei dal 1999. Quell’anno, la giovane venezuelana era riuscita a coronare un sogno: andare negli Stati Uniti per migliorare il suo inglese. Era arrivata in Texas a 20 anni, è bella, simpatica, intelligente: fa amicizia in fretta, e il 19 settembre la invitano ad una festa di compleanno. Ma c’era un’altra festa, poco lontano dalla sua: Reginald Stephey, 18 anni, quella sera beve tanto, troppo per mettersi alla guida. Lo fa lo stesso, finendo con la sua auto su quella di Jacqui e dei suoi amici, che stavano tornando a casa. Muoiono in due, lei deve vedersela con le fiamme che avvolgono l’auto. Bastano 45 secondi per cambiare per sempre la vita di Jacqui Saburido: ha ustioni profonde sul 60% del corpo. Il fuoco le devasta il viso, le spalle e le braccia: i medici disperano di salvarla, ma riescono a darle una seconda possibilità, anche se il costo umano è altissimo. La operano più volte, tentano di ricostruirle il viso, ma la colonna vertebrale fatica a sostenerla, le dita delle mani le sono state amputate ed è praticamente cieca.

Nella sua seconda vita, Jacqui diventa il simbolo vivente delle conseguenze di bravate che possono costare care. Insieme ai genitori fonda un’associazione che da allora si batte per sensibilizzare i giovani sul non bere alcolici prima di mettersi alla guida. Jacqui ci mette la faccia, anche se sa di essere diventata uno mostro difficile da guardare: tiene incontri e conferenze nelle scuole americane e finisce più volte nei salotti televisivi che contano, come quello di Oprah Winfrey: “Sedersi davanti ad una macchina fotografica senza orecchie, naso, sopracciglia e capelli è difficile, ma lo farò mille volte, se questo potrà aiutare qualcuno a non finire così”.

Reginald Stephey, il giovane che l'ha ridotta così, se la cava con qualche graffio. Sarà condannato a sette anni di reclusione e al pagamento di una multa ridicola: 20mila dollari.

Galleria fotografica
Addio a Jacqui, la donna senza volto - immagine 1
Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare