Argentina, condannati due preti pedofili

| Il sacerdote italiano Nicola Corradi e l’argentino Horacio Corbacho condannati a oltre 40 di galera per aver abusato di bambini audiolesi all’interno di un istituto con sede a Verona. Condannato anche il giardiniere dell’istituto

+ Miei preferiti
Un lungo applauso ha accompagnato la lettura della sentenza che condanna a 40 oltre anni di carcere Nicola Corradi e Horacio Corbacho, due preti argentini accusati di aver abusato di bambini sordi ospiti di un istituto. Una storia squallida di perversione che era venuta fuori nel 2016, quando un ex allievo dell’Istituto Provolo di Verona aveva rivelato, oltre a quello di cui era stato vittima lui stesso, diversi casi di pedofilia a cui avrebbe assistito all’interno della sede centrale della Compagnia di Maria per l’educazione dei sordomuti. “Sono stato sodomizzato e costretto ad avere rapporti sessuali con almeno 15 fra preti e fratelli. Sono privo dell’udito da quando avevo 8 anni, ero entrato al Provolo l’anno successivo sperando di trovare aiuto e conforto, e sono uscito da quell’inferno a 15 anni, dopo essere stato abusato in ogni modo”, aveva raccontato l’uomo, oggi 63enne.

Fra i principali accusati, con 28 capi d’imputazione fra cui abusi sessuali e corruzione di minori, finiscono Nicola Corradi, 83 anni, un prete italiano, e Horacio Corbacho, di 59, accusati di aver abusato fra il 2005 ed il 2015 di diversi bambini sordi o ipoacustici di età compresa fra i 4 ed i 17 anni, ospiti delle due sedi dell’istituto Provolo di La Plata e Mendoza. Corradi dovrà scontare 42 anni dietro le sbarre, Corbacho 45: insieme a loro condannato a 18 anni di reclusione anche il giardiniere Armando Gomez. Nella sentenza, i giudici hanno previsto anche il supporto psicologico gratuito a carico dello Stato per le vittime, fino al reinserimento nella società.

Galleria fotografica
Argentina, condannati due preti pedofili - immagine 1
Argentina, condannati due preti pedofili - immagine 2
Argentina, condannati due preti pedofili - immagine 3
Argentina, condannati due preti pedofili - immagine 4
Sudamerica
Il mistero della morte de “La Mimo”
Il mistero della morte de “La Mimo”
Secondo l’autopsia, Daniela Carrasco, 36 anni, artista di strada simbolo delle proteste cilene, sarebbe morta suicida. Ma il paese è convinto sia stato un omicidio di stato
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo
Messico: strage di Mormoni
Messico: strage di Mormoni
Tre donne e sei bambini crivellati di colpi e bruciati all’interno delle auto su cui viaggiavano al confine con gli Stati Uniti: erano diretti ad un matrimonio
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Un vagone della popolare Quimera è deragliato: l’attrazione del più noto parco di divertimenti di Città del Messico è stata messa sotto sequestro in attesa dei rilievi tecnici
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
La piccola, 8 anni, è stata colpita da un proiettile esploso dalla polizia: centinaia di persone in piazza per protestare contro i provvedimenti sulla sicurezza voluti da governatore
Le vedove nere dei cartelli messicani
Le vedove nere dei cartelli messicani
Come il celebre ragno predatore sono belle, spietate, crudeli e assetate di sangue. C’è una nuova generazione di donne giovani che spinte dalla povertà, guidano organizzazioni criminali con polso fermo, in un mix di sesso, sangue e violenza
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale