Argentina, suicida un prete pedofilo

| Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale

+ Miei preferiti
Quando padre Eduardo Lorenzo ha capito che per lui si sarebbero spalancate le porte della galera, ha preferito farla finita. Si chiude con un colpo di pistola alla tempia, esploso nella parrocchia di Plata, a 60 km da Buenos Aires, la squallida vicenda del sacerdote 59enne, accusato di violenza carnale da cinque suoi ex allievi delle parrocchie in cui aveva servito. Anche se il sospetto è che siano molti di più.

Le testimonianze, nelle fasi del processo, non lasciavano dubbi sulla colpevolezza del sacerdote: una delle vittime ha raccontato di essere stato costretto con la forza da padre Eduardo. “Mi diceva sei di colore, quindi devi obbedire. Mi ha spinto, trascinato in una stanza e costretto a subire la violenza. Quando sono riuscito a uscire da quell’inferno ero alcolizzato e completamente sottomesso a livello sessuale”.

Ex cappellano del penitenziario di Buenos Aires, padre Eduardo era stato pastore di diversa parrocchie, da cui quasi sempre era stato allontanato per via di proteste e accuse. Nel 2008 la prima denuncia per abusi, presentata da un ex ufficiale di polizia per le violenze subite dal nipote, finita in un nulla di fatto per la lentezza della legge argentina. Di recente, un nuovo avvocato che difendeva il giovane abusato ha chiesto la riapertura del caso, a cui si sono aggiunti altri ex frequentatori degli oratori gestiti da padre Eduardo. E questa volta, il finale era stato diverso: la giudice Marcela Garmedia aveva appena respinto l’istanza di esenzione dal carcere presentata dai difensori del sacerdote, firmando invece il mandato di arresto a cui padre Eduardo non ha retto.

Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga