Argentina, suicida un prete pedofilo

| Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale

+ Miei preferiti
Quando padre Eduardo Lorenzo ha capito che per lui si sarebbero spalancate le porte della galera, ha preferito farla finita. Si chiude con un colpo di pistola alla tempia, esploso nella parrocchia di Plata, a 60 km da Buenos Aires, la squallida vicenda del sacerdote 59enne, accusato di violenza carnale da cinque suoi ex allievi delle parrocchie in cui aveva servito. Anche se il sospetto è che siano molti di più.

Le testimonianze, nelle fasi del processo, non lasciavano dubbi sulla colpevolezza del sacerdote: una delle vittime ha raccontato di essere stato costretto con la forza da padre Eduardo. “Mi diceva sei di colore, quindi devi obbedire. Mi ha spinto, trascinato in una stanza e costretto a subire la violenza. Quando sono riuscito a uscire da quell’inferno ero alcolizzato e completamente sottomesso a livello sessuale”.

Ex cappellano del penitenziario di Buenos Aires, padre Eduardo era stato pastore di diversa parrocchie, da cui quasi sempre era stato allontanato per via di proteste e accuse. Nel 2008 la prima denuncia per abusi, presentata da un ex ufficiale di polizia per le violenze subite dal nipote, finita in un nulla di fatto per la lentezza della legge argentina. Di recente, un nuovo avvocato che difendeva il giovane abusato ha chiesto la riapertura del caso, a cui si sono aggiunti altri ex frequentatori degli oratori gestiti da padre Eduardo. E questa volta, il finale era stato diverso: la giudice Marcela Garmedia aveva appena respinto l’istanza di esenzione dal carcere presentata dai difensori del sacerdote, firmando invece il mandato di arresto a cui padre Eduardo non ha retto.

Sudamerica
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile