Argentina, suicida un prete pedofilo

| Per padre Eduardo Lorenzo stavano per aprirsi le porte della galera, e lui ha scelto di farla finita. Diversi suoi ex allievi lo accusavano di violenza carnale

+ Miei preferiti
Quando padre Eduardo Lorenzo ha capito che per lui si sarebbero spalancate le porte della galera, ha preferito farla finita. Si chiude con un colpo di pistola alla tempia, esploso nella parrocchia di Plata, a 60 km da Buenos Aires, la squallida vicenda del sacerdote 59enne, accusato di violenza carnale da cinque suoi ex allievi delle parrocchie in cui aveva servito. Anche se il sospetto è che siano molti di più.

Le testimonianze, nelle fasi del processo, non lasciavano dubbi sulla colpevolezza del sacerdote: una delle vittime ha raccontato di essere stato costretto con la forza da padre Eduardo. “Mi diceva sei di colore, quindi devi obbedire. Mi ha spinto, trascinato in una stanza e costretto a subire la violenza. Quando sono riuscito a uscire da quell’inferno ero alcolizzato e completamente sottomesso a livello sessuale”.

Ex cappellano del penitenziario di Buenos Aires, padre Eduardo era stato pastore di diversa parrocchie, da cui quasi sempre era stato allontanato per via di proteste e accuse. Nel 2008 la prima denuncia per abusi, presentata da un ex ufficiale di polizia per le violenze subite dal nipote, finita in un nulla di fatto per la lentezza della legge argentina. Di recente, un nuovo avvocato che difendeva il giovane abusato ha chiesto la riapertura del caso, a cui si sono aggiunti altri ex frequentatori degli oratori gestiti da padre Eduardo. E questa volta, il finale era stato diverso: la giudice Marcela Garmedia aveva appena respinto l’istanza di esenzione dal carcere presentata dai difensori del sacerdote, firmando invece il mandato di arresto a cui padre Eduardo non ha retto.

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare