ARRESTATO IL VICE DI GUAIDO'
dagli sgherri di Maduro, mitra in pugno

| L'auto di Edgar Zambrano, privato dall'immunità con altri 10 parlamentari, caricata su un'auto-gru e trasferita nel famigerato Helicoide. Gli USA: "Subito il rilascio, Maduro direttamente responsabile"

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

@edgarzambranoad

 Avvertiamo tutta la gente del Venezuela che in questo momento 6:35pm siamo circondati dal SEBIN, all'interno del nostro veicolo dell'Azione Democratica in Florida.

 

Con questo tweet, alle 18:35 circa di ieri, il primo vicepresidente dell'Assemblea Nazionale, Edgar Zambrano, ha denunciato di essere circondato da funzionari del Servizio Nazionale Bolivariano di Intelligence (Sebin), mitra in pugno e volto coperto dai passamontagna. La denuncia è stata fatta attraverso il social network Twitter, dove ha anche confermato che si era rifiutato di scendere  dal veicolo, nonostante la minaccia delle armi.

L'informazione è stata diffusa anche dal deputato dell'Assemblea Nazionale Henry Ramos Allup, che ha detto che i funzionari che circondano l'auto di Zambrano impugnavano "fucili mitragliatori”. Poco dopo, il ministro di Maduro, Diosdado Cabello, ha confermato l'arresto nel suo programma Con el Mazo Dando, e ha assicurato che al momento del suo arresto Zambrano aveva quasi 9.000 dollari in suo possesso. D'altra parte, era noto che l'operazione di arresto del deputato Edgar Zambrano era guidata dal generale di brigata Eduardo Serrano Díaz e l'ordine è stato eseguito dal commissario di Sebin ed ex funzionario della polizia nazionale bolivariana (PNB) John Chávez.

E alla fine, l’ultimo tweet

 

Edgar Zambrano



@edgarzambranoad

 Siamo rimasti sorpresi dalla SEBIN, quando hanno rifiutato di farci uscire dal nostro veicolo, hanno usato una gru per portarci direttamente all'Helicoide. Noi democratici ci alziamo e combattiamo.

 

Ieri ISM aveva spiegato la tattica di Maduro e dei suoi sgherri in divisa: visto che è impossibile, per ora, colpire il presidente ad interim Juan Guaidò, la repressione si concentra sui suoi più stretti collaboratori. Così, dopo aver tolto l’immunità parlamentare (un gesto illegittimo, persino secondo il governo italiano), è iniziata la caccia all’uomo. Zambrano era a bordo della sua auto quando gli agenti della polizia politica lo hanno fermato e circondato. Lui s’è rifiutato di scendere dall’auto e la Sevib, con un’auto-gru, ha trasferito l’auto all’interno della famigerata caserma della Sebin, nel complesso dell’Helicoide,  dove mesi fa è morto “suicida” un altro esponente dell’opposizione, Francisco Alban, misteriosamente caduto da una finestra al decimo piano dell’edificio.

Gli Stati Uniti hanno definito “arbitraria “la detenzione di Zambrano. Il Dipartimento di Stato ha indicato che se non ci sarà rilascio immediato del parlamentare, ci saranno “gravi conseguenze. Nicolás Maduro e i suoi complici sono responsabili dell'integrità fisica del parlamentare. La detenzione arbitraria del membro del Congresso Edgar Zambrano da parte delle oppressive forze di sicurezza di Maduro in Venezuela è illegale e ingiustificabile. Maduro e i suoi complici sono direttamente responsabili della sicurezza di Zambrano”, ammonisce il Dipartimento di Stato.

 

Sudamerica
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo