Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó

| Un blitz in piena notte in casa di due uomini vicini a Juan Guaidó: Roberto Marrero arrestato, Sergio Vergara minacciato. Mentre si attende la reazione degli USA, l’ONU denuncia un massiccio uso della forza di Maduro contro gli oppositori

+ Miei preferiti
Con un blitz alle 02:24 della notte, gli agenti del “Sebin”, i servizi segreti venezuelani, hanno fatto irruzione nell’abitazione di Roberto Marrero, braccio destro di Juan Guaidó e capo dello staff presidenziale dell’Assemblea Nazionale. È stato lo stesso Marrero, con un tweet, a rivelare il trattamento degli agenti, che hanno sfondato la porta di casa trascinandolo fuori con le manette ai polsi. Nel video di pochi secondo si sentono colpi, grida e la voce concitata di Marrero: “Sono arrivati fino a me. Proteggete il presidente e che sia come Dio vuole”. Pochi minuti prima, la stessa scena era già avvenuta nell’appartamento di Sergio Vergara, capogruppo all’Assemblea di “Voluntad Popular”, lo stesso partito dell’autoproclamato presidente.



Guaidó ha confermato su Twitter che “I due politici sono sotto sequestro”, accusando anche gli agenti del Sebin di aver piazzato ad arte bombe e fucili mitragliatori in casa di Marrero per costruire prove che hanno giustificato l’arresto.

Contrariamente al braccio destro di Guaidó, Vergara non è stato arrestato e ha raccontato le fasi dell’irruzione: “Hanno sfondato la porta e quando sono entrati puntandomi le armi in faccia ho ricordato loro che sono un membro dell’Assemblea Nazionale e godo dell’immunità parlamentare. Mi hanno sbattuto a terra schiacciandomi la testa mentre rovistavano il mio appartamento. Pochi minuti dopo sono andati a casa di Marrero, che abita a poca distanza da me: anche lì hanno sfondato la porta e portato via. Roberto è riuscito a urlarmi che avevano piazzato a casa sua armi ed esplosivo, ma gli agenti del Sebin l’hanno costretto a tacere”.



Due episodi destinati ad alzare il tono degli scontri, e che arrivano dopo la denuncia di Michele Bachelet, alto commissario dell’Onu per i diritti civili (su invito dello stesso Maduro), che nella sua relazione ha parlato di “repressione dell’opposizione con omicidi e torture”, oltre a denunciare la morte di 37 persone a Caracas per mano dei “Faes”, le forze speciali di polizia. Si attende una reazione degli Stati Uniti: Trump aveva sempre ammonito Maduro di non toccare Guaidó e i suoi collaboratori, pena pesanti reazioni.

Galleria fotografica
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó - immagine 1
Arrestato Roberto Marrero, braccio destro di Guaidó - immagine 2
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino