ATTACCO FINALE
ai fedeli dell''intoccabile' Guaidò

| Il presidente ad interim continua nelle sue iniziative ma il regime non interviene. Lo fa però con i suoi collaboratori. Tolta l'immunità a 7 parlamentari. Una deputata accolta dall'ambasciata italiana. Maduro teme gli USA

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Martedì scorso, l'Assemblea Nazionale Costituente (ANC) ha approvato il decadimento sull'immunità parlamentare di sei deputati dell'Assemblea Nazionale (AN) per la loro partecipazione agli eventi del 30 aprile. 

Il 30 aprile, un gruppo di soldati si era schierato contro il presidente Nicolás Maduro e ha appoggiato il deputato Juan Guaidó, che aveva immediatamente chiesto ai sostenitori di scendere in piazza per protestare e per chiedere la "cessazione dell'usurpazione", con gravi  disordini alla base aerea La Carlota, ad Altamira e in altri luoghi del paese. 

"Juan Guaidó guidò la ribellione militare del 30 aprile e invitò la gente a raggiungerlo per le strade. Ha firmato l'amnistia per Leopoldo López e ha riconosciuto i dialoghi con i generali per rompere l'unità militare e rovesciare Nicolás Maduro. Un giorno dopo, Primero de Mayo ha guidato la protesta di piazza e ha denunciato senza mezzi termini i cinque omicidi e la selvaggia repressione delle forze governative. (.....)". Ma al di là delle accuse e delle minacce, la realtà è che dopo quasi una settimana il leader dell'opposizione rimane libero in un paese con carceri piene di prigionieri politici: 775 fino alla vigilia del 30 aprile più i 273 arrestati durante la scorsa settimana, ha indicato il Forum penale.

Il quotidiano spagnolo El Mundo rivela che alcuni  "protagonisti della ribellione sono ospitati nelle ambasciate (Leopoldo López in Spagna e 25 militari in Brasile) o protetti nei paesi vicini, come Cristopher Figuera, ex direttore del Servizio di intelligence bolivariano". Perché Juan Guaidó non è stato imprigionato? E’ la domanda che serpeggia nel Paese, dopo il fallito appoggio dei generali alla rivolta.

Uno dei più stretti collaboratori di Guaidó a El Mundo “lo strano paradosso che circonda la relativa libertà di movimento” del presidente ad interim: "Sembra intoccabile, protetto da un doppio scudo: le minacce dirette degli Stati Uniti contro Maduro, che pesano sulla decisione bolivariana di non agire contro il leader dell’opposizione, al di là della sua squalifica politica e dei processi giudiziari che rispettano gli ordini del Palazzo Miraflores, e la manifesta debolezza del 'figlio di Chávez.

"È il grande dilemma che Maduro non è stato in grado di risolvere e un indicatore che Guaidó ha il sostegno degli Stati Uniti, che scoraggia Maduro", approfondisce Luis Salamanca, ex rettore del Consiglio Nazionale Elettorale.

"Perché non attaccano gli insorti come hanno fatto con Oscar Perez (giustiziato dalle forze di Chavista dopo la resa)? Perché non la brutale forza repressiva contro Guaidó? Sanno che stanno calpestando le sabbie mobili e la loro preoccupazione principale è quella di evitare la caduta", aggiunge lo scienziato politico Ramses Siverio.

El Mundo osserva che Guaidó stesso usa senza paura lo scudo protettivo che lo circonda, un possibile intervento militare americano, almeno per ora, e che la relativa libertà di movimento del leader dell'opposizione è un altro indicatore dei dubbi dei regime. "La libertà di Guaidó, invece, ha un prezzo molto alto. Il chavismo non lo morde, ma colpisce tutti quelli intorno a lui. L'assedio delle polizie di Maduro è “asfissiante contro i suoi collaboratori e contro la sua stessa famiglia.” Gli ultimi ad essere battuti sono i deputati Gilber Caro e Edgar Zambrano, primo vicepresidente dell'Assemblea Nazionale. Ricorda anche che Zambrano e Caro sono ben lungi dall'essere gli unici perseguitati. "La sua 'mano destra' è in carcere e la sua 'mano sinistra' è fuggita dal paese in una fuga cinematografica, un fatto sconosciuto all'opinione pubblica e che viene gestito con grande cautela tra i collaboratori del presidente in carica.

Si tratta di Roberto Marrero, che è stato a capo dell'ufficio del presidente fino al suo arresto il 21 marzo, e Federico Perez, un amico d'infanzia che ha servito fin dall'inizio come direttore operativo del presidente ad interim. Anche Juan Planchart, cugino di Guaidó, arrestato e accusato di finanziare l’opposizione.

E intanto Una deputata venezuelana, Mariela Magallanes, coniugata con un cittadino italiano e con in corso il procedimento per il riconoscimento della cittadinanza italiana, è stata accolta nella Residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Caracas. Lo rende noto la Farnesina, spiegando che, in conformità alle convenzioni diplomatiche, le sarà garantita ogni possibile tutela e ospitalità. Il ministro Moavero: "Ferma condanna a revoca immunit e la più ferma condanna per tali decisioni che violano le basilari immunità parlamentari e i principi dello Stato di Diritto. Simili atti repressivi non aiutano affatto la ricerca di una soluzione democratica e pacifica della grave situazione venezuelana, a favore della quale il governo italiano lavora insieme all'Unione Europea, anche nel contesto dell'apposito Gruppo Internazionale di Contatto".

 
Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne