ATTACCO FINALE
ai fedeli dell''intoccabile' Guaidò

| Il presidente ad interim continua nelle sue iniziative ma il regime non interviene. Lo fa però con i suoi collaboratori. Tolta l'immunità a 7 parlamentari. Una deputata accolta dall'ambasciata italiana. Maduro teme gli USA

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Martedì scorso, l'Assemblea Nazionale Costituente (ANC) ha approvato il decadimento sull'immunità parlamentare di sei deputati dell'Assemblea Nazionale (AN) per la loro partecipazione agli eventi del 30 aprile. 

Il 30 aprile, un gruppo di soldati si era schierato contro il presidente Nicolás Maduro e ha appoggiato il deputato Juan Guaidó, che aveva immediatamente chiesto ai sostenitori di scendere in piazza per protestare e per chiedere la "cessazione dell'usurpazione", con gravi  disordini alla base aerea La Carlota, ad Altamira e in altri luoghi del paese. 

"Juan Guaidó guidò la ribellione militare del 30 aprile e invitò la gente a raggiungerlo per le strade. Ha firmato l'amnistia per Leopoldo López e ha riconosciuto i dialoghi con i generali per rompere l'unità militare e rovesciare Nicolás Maduro. Un giorno dopo, Primero de Mayo ha guidato la protesta di piazza e ha denunciato senza mezzi termini i cinque omicidi e la selvaggia repressione delle forze governative. (.....)". Ma al di là delle accuse e delle minacce, la realtà è che dopo quasi una settimana il leader dell'opposizione rimane libero in un paese con carceri piene di prigionieri politici: 775 fino alla vigilia del 30 aprile più i 273 arrestati durante la scorsa settimana, ha indicato il Forum penale.

Il quotidiano spagnolo El Mundo rivela che alcuni  "protagonisti della ribellione sono ospitati nelle ambasciate (Leopoldo López in Spagna e 25 militari in Brasile) o protetti nei paesi vicini, come Cristopher Figuera, ex direttore del Servizio di intelligence bolivariano". Perché Juan Guaidó non è stato imprigionato? E’ la domanda che serpeggia nel Paese, dopo il fallito appoggio dei generali alla rivolta.

Uno dei più stretti collaboratori di Guaidó a El Mundo “lo strano paradosso che circonda la relativa libertà di movimento” del presidente ad interim: "Sembra intoccabile, protetto da un doppio scudo: le minacce dirette degli Stati Uniti contro Maduro, che pesano sulla decisione bolivariana di non agire contro il leader dell’opposizione, al di là della sua squalifica politica e dei processi giudiziari che rispettano gli ordini del Palazzo Miraflores, e la manifesta debolezza del 'figlio di Chávez.

"È il grande dilemma che Maduro non è stato in grado di risolvere e un indicatore che Guaidó ha il sostegno degli Stati Uniti, che scoraggia Maduro", approfondisce Luis Salamanca, ex rettore del Consiglio Nazionale Elettorale.

"Perché non attaccano gli insorti come hanno fatto con Oscar Perez (giustiziato dalle forze di Chavista dopo la resa)? Perché non la brutale forza repressiva contro Guaidó? Sanno che stanno calpestando le sabbie mobili e la loro preoccupazione principale è quella di evitare la caduta", aggiunge lo scienziato politico Ramses Siverio.

El Mundo osserva che Guaidó stesso usa senza paura lo scudo protettivo che lo circonda, un possibile intervento militare americano, almeno per ora, e che la relativa libertà di movimento del leader dell'opposizione è un altro indicatore dei dubbi dei regime. "La libertà di Guaidó, invece, ha un prezzo molto alto. Il chavismo non lo morde, ma colpisce tutti quelli intorno a lui. L'assedio delle polizie di Maduro è “asfissiante contro i suoi collaboratori e contro la sua stessa famiglia.” Gli ultimi ad essere battuti sono i deputati Gilber Caro e Edgar Zambrano, primo vicepresidente dell'Assemblea Nazionale. Ricorda anche che Zambrano e Caro sono ben lungi dall'essere gli unici perseguitati. "La sua 'mano destra' è in carcere e la sua 'mano sinistra' è fuggita dal paese in una fuga cinematografica, un fatto sconosciuto all'opinione pubblica e che viene gestito con grande cautela tra i collaboratori del presidente in carica.

Si tratta di Roberto Marrero, che è stato a capo dell'ufficio del presidente fino al suo arresto il 21 marzo, e Federico Perez, un amico d'infanzia che ha servito fin dall'inizio come direttore operativo del presidente ad interim. Anche Juan Planchart, cugino di Guaidó, arrestato e accusato di finanziare l’opposizione.

E intanto Una deputata venezuelana, Mariela Magallanes, coniugata con un cittadino italiano e con in corso il procedimento per il riconoscimento della cittadinanza italiana, è stata accolta nella Residenza dell'Ambasciatore d'Italia a Caracas. Lo rende noto la Farnesina, spiegando che, in conformità alle convenzioni diplomatiche, le sarà garantita ogni possibile tutela e ospitalità. Il ministro Moavero: "Ferma condanna a revoca immunit e la più ferma condanna per tali decisioni che violano le basilari immunità parlamentari e i principi dello Stato di Diritto. Simili atti repressivi non aiutano affatto la ricerca di una soluzione democratica e pacifica della grave situazione venezuelana, a favore della quale il governo italiano lavora insieme all'Unione Europea, anche nel contesto dell'apposito Gruppo Internazionale di Contatto".

 
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino