Blackout devasta il Venezuela

| Le riserve di cibo nei frigoriferi buttate via, gente disperata ed esasperati. Pazienti morti negli ospedali rimasti senza energia. Trasporti paralizzati, paura e rabbia. Mauro: "Colpa degli Usa". Guardò: "Tutti in piazza contro il regime"

+ Miei preferiti

Il Venezuela ancora al buio. Solo nelle ultime è tornata la luce in pochi quartieri di Caracas, ma è da 30 ore che si trascina il più lungo blackout nella recente storia venezuelana. Accade mentre l’opposizione guidata dal presidente ad interim, Juan Guaidó, ha convocato per oggi una grande manifestazione di protesta in tutte le città.  Il quadro è drammatico. Migliaia di persone sono rimaste prigioniere in strade buie e deserte, con ospedali e centri di cura in stato di emergenza. Da novembre 2018 a febbraio di quest'anno, le organizzaizoni umanitarie ha segnalato 79 decessi negli ospedali associati dovuti a interruzioni di corrente. Unità di terapia intensiva senza luce, sale operatorie senza elettricità, pompe di ossigeno spente, unità di dialisi non in grado di funzionare. Bisogna tornare al 2013, quando Caracas e 17 dei 23 stati del paese furono colpiti da un blackout durato sei ore, mentre nel 2018 si è prolungato per 10 ore, secondo le dichiarazioni ufficiali dell'epoca.

L'alba di questo venerdì a Caracas si è trasformata in un incubo: negozi chiusi, non un'anima in giro. Molti sono usciti in strada per manifestare rabbia e indignazione. E la beffa. Nei frigoriferi, chi aveva fatto scorte di cibo, soprattutto carne, pollo, latte e salsicce, che valgono anni di risparmi, ha dovuto buttare via tutto. E Maduro che fa? Niente. Ha sospeso le lezioni nelle scuole di ogni ordine e grado dopo aver denunciato una "guerra elettrica imperialista" in cui gli impianti della principale centrale idroelettrica del paese, la diga di Guri, avrebbero subito un “sabotaggio”, secondo quanto affermato su Twitter dal vice presidente Delcy Rodriguez. 

"Stiamo cercando di rimediare a questo sabotaggio elettrico per aiutare la popolazione. Molto presto avremo più informazioni", ha promesso. Maduro se la prende con “i nemici del popolo”. Lo slogan è "unione, unione e più unione tra tutti i venezuelani per sconfiggere il colpo di stato e il sabotaggio elettrico", ha aggiunto.

Ma come è possibile, visto che centrali elettriche del paese sono strettamente controllate dalle “sue” forze armate? I trasporti pubblici sono paralizzati in tutto il Paese, metropolitana compresa, gli ascensori bloccati e i passaggi a livello inutilizzabili. L’opposizione replica con sdegno alle scusa di aver promosso il sabotaggio: ”Manca la manutenzione, altro che ‘guerra elettrica’ degli Usa!”.

Secondo l'AFP, le poche bombe di benzina rimaste aperte sono invase da lunghe code di auto. L’energia, venerdì, è ritornata per pochi minuti e i rifornimenti sono ripresi affannosamente. Il ministro della Difesa Vladimir Padrino ha descritto il blackout come "aggressione deliberata" da parte degli Stati Uniti e ha annunciato un "dispiegamento di sicurezza" della Forza Armata Nazionale Bolivariana (FANB), anche se non ha fornito maggiori dettagli. "Un'aggressione che è stata senza dubbio preparata, deliberata, ben delineata, come solo l'impero americano sa fare", ha detto alla TV.

Il ministro della comunicazione Jorge Rodríguez ha annunciato che il Venezuela denuncerà gli Stati Uniti davanti alla Commissione delle Nazioni Unite per i diritti umani per il blackout. "Tra pochi giorni, una delegazione dell'ufficio ONU per i diritti umani di Michelle Bachelet verrà in Venezuela. Porteremo loro le prove", ha concluso”. La metropolitana della capitale ha interrotto i servizi, costringendo migliaia di persone a percorrere enormi distanze a piedi per tornare a casa. L'azienda elettrica Corpoelec ha denunciato, senza fornire dettagli, un sabotaggio alla centrale idroelettrica di Guri, situata nello stato di Bolívar. Ma i tecnici del team di Guaidò escludono ogni forma di sabotaggio: “Il sistema delle centrali sta collassando, mancano i mezzi per mantenere gli impianti in attività, abbiamo segnalazioni di altri disastri imminenti”. Guri è una delle più grandi dighe di energia in America Latina, superata solo da Itaipu, tra Brasile e Paraguay. Il blackout ha colpito anche il vicino stato brasiliano di Roraima, il cui approvvigionamento energetico dipende da Guri.

Galleria fotografica
Blackout devasta il Venezuela - immagine 1
Blackout devasta il Venezuela - immagine 2
Blackout devasta il Venezuela - immagine 3
Blackout devasta il Venezuela - immagine 4
Blackout devasta il Venezuela - immagine 5
Blackout devasta il Venezuela - immagine 6
Blackout devasta il Venezuela - immagine 7
Blackout devasta il Venezuela - immagine 8
Blackout devasta il Venezuela - immagine 9
Blackout devasta il Venezuela - immagine 10
Blackout devasta il Venezuela - immagine 11
Sudamerica
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole