Black out in ospedale, morti due pazienti

| Orrore e rabbia in Venezuela per i continui black out, in un Paese dall'economia devastata. Lo stop della luce elettrica nel pronto soccorso di un ospedale provoca due vittime. Frenetica evacuazione dei pazienti a rischio

+ Miei preferiti

Non è ancora passata del tutto la nausea della maggioranza del popolo venezuelano per la retorica del secondo (e illegale) insediamento di Maduro, mentre continua lo stillicidio di notizie tragiche causate dalle spaventose condizioni economiche in cui versa il Paese. Due pazienti sono morti nel reparto di pronto soccorso dell'ospedale Clínico Universitario di Caracas a causa della mancanza di energia elettrica che ha colpito il centro sanitario per diverse ore. I ballout energeitici, in una delle nazione più ricche di petrolio del mondo, è ormai una vera piaga. Ogni giorno quartieri, ospedali e intere città, sono costrette al buio per lunghe ore o per giorni.

Una fonte che ha preferito rimanere anonima aveva confermato la situazione al quotidiano El Nacional, indicando che dalle dalle 17:00 di quel giorno non c’era più luce in tutto l’edificio, dove non esiste un impianto autonomo per affrontare eventuali emergenze di black out. Con due ambulanze, un gruppo di vigili del fuoco e della protezione civile hanno lavorato per evacuare i pazienti a rischio in altri ospedali. La fonte ha assicurato che le informazioni sono state limitate, all'interno dell'ospedale, al personale . Un video su Twitter mostra lavoratori e pazienti che evacuano i pazienti nel cuore della notte.

 
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga