Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale

| Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”

+ Miei preferiti
Pare che il presidente brasiliano Jair Bolsonaro sia orgoglioso del piano con cui ha in mente di eliminare e contenere il problema delle troppe gravidanze fra le adolescenti: insegnare e diffondere la castità. A sorridere però sono in pochi, perché Bolsonaro ha sposato in pieno le posizioni di Damares Alves, ministro conosciuto per le posizioni ultraconservatrici verso il sesso.

Il piano del governo è stato svelato dal magazine brasiliano “Epoca”, e parla di un controverso programma di educazione sessuale basato sull’astinenza, pare ispirato da un gruppo di pressione cristiano evangelico, con cui il presidente è convinto di poter ridurre i preoccupanti tassi di gravidanza fra le adolescenti.

Una notizia che ha immediatamente messo in allarme pediatri e gli specialisti: “Sarebbe come tornare indietro di 40 anni”, ha commentato Luciene Tognetta, professore di psicologia dell’educazione all’Università statale Paulista di San Paolo. Di parere contrario la società pediatrica brasiliana, convinta che gli adolescenti abbiano il “diritto di conoscere il proprio corpo” ma soprattutto che un’informazione adeguata sia essenziale per evitare gravidanze non pianificate e prevenire le malattie sessuali.

Il tasso di gravidanza delle adolescenti in Brasile è diminuito negli ultimi anni, ma rimane ostinatamente più alto della media mondiale: nel paese sudamericano si registrano 62 gravidanze ogni 1.000 adolescenti di età compresa tra i 15 e i 19 anni, a fronte di una media mondiale di 44 gravidanze ogni 1.000.

La responsabile del dicastero della famiglia, Angela Gandra Martins, ha recentemente dichiarato al quotidiano “Folha de S. Paulo” che il governo di Bolsonaro sta valutando una campagna il cui slogan è “Scelgo di aspettare” per incoraggiare gli adolescenti a ritardare i primi rapporti sessuali. Il ministero della salute ha allo studio un nuovo opuscolo di educazione sanitaria destinato alle adolescenti, dopo che Bolsonaro ha voluto fossero eliminate le pagine che descrivono dettagliatamente gli organi sessuali femminili e come usare il preservativo. Lo scorso marzo ha promesso che l’opuscolo sarebbe stato riscritto e ha invitato i genitori di strappare le pagine incriminate.

Negli Stati Uniti, i repubblicani hanno spinto sull’educazione sessuale basata sull’astinenza per più di un decennio. Ma diversi studi hanno dimostrato che gli adolescenti, semplicemente, se ne fregano.

A dicembre il ministero ha tenuto un seminario sulla gravidanza delle adolescenti al congresso brasiliano: tra i relatori figurava anche Nelson Neto Júnior, fondatore del gruppo “I Chose to Wait”: “L’astinenza è una scelta sana, e la mia organizzazione contribuirà a creare campagne, programmi e progetti per le scuole”. In una nota diffusa durante il convegno, il ministero ha affermato che “studi scientifici dimostrano risultati positivi verso l’astinenza sessuale senza implicare altri metodi di prevenzione esistenti”.

Ma molti altri studi sono arrivati a conclusioni diverse: “La ricerca ha dimostrato che promuovere l’astinenza fino al matrimonio è del tutto inefficace”, ha confermato nel 2016 un rapporto dell’American Academy of Pediatrics.

Sudamerica
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto