Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche

| Autorizzati dal presidente Bolsonaro, circa 10mila cercatori d’oro si sono riversati nelle terre degli Yanomami, una pacifica tribù che vive isolata nella foresta

+ Miei preferiti
La denuncia è stata lanciata da “Survival International”, un’organizzazione che si batte per la tutela delle ultime tribù indigene che ancora vivono in quel che resta delle foreste: il territorio degli Yanomami, nel nord Brasile, è gravemente minacciato dalla presenza di oltre 10mila cercatori d’oro che hanno invaso le loro terre, portando devastazione, rifiuti e soprattutto malattie per loro letali. Finora, continua l’organizzazione, quattro bambini sono morti per malanni che in altre parti del mondo non rappresentano più un pericolo, ma per loro sì. È un’esperienza che la tribù ha già vissuto fra la fine degli anni ottanta e l’inizio dei Novanta, quando il 20% della popolazione indigena morì per le malattie portate dai cercatori d’oro.

Gli Yanomani sono una delle più popolese etnie brasiliane, vivono nella zona forestale compresa fra l’Orinoco e il Rio delle Amazzoni, e malgrado una larga parte della popolazione sia ormai integrata nella società brasiliana, 35mila persone divise in tribù hanno scelto una vita incontaminata, senza alcun contatto con il resto del mondo.

Sotto accusa per l’invasione dei cercatori d’oro c’è la politica del presidente Bolsonaro, accusato di aver dichiarato guerra agli Yanomami negando loro ogni diritto. Ad alzare la voce sono state diverse associazioni che raccolgono indigeni che hanno scelto di lasciare le foreste, ma sono ancora legati alle loro origini: la presenza degli intrusi è devastante per la caccia e la pesca, le uniche fonti di sussistenza delle tribù. Bolsonaro non solo avrebbe concesso le autorizzazioni alla ricerca, ma ha anche autorizzato la nascita di insediamenti e la costruzione di piste di atterraggio.

Davi Kopenawa, detto il “Dalai Lama della foresta”, continua a ripetere che “La situazione sta peggiorando molto velocemente: quattro corsi d’acqua sono inquinati, e ogni settimana si aggiungono centinaia di minatori che non portano nulla di buono, solo problemi”. Gli fa eco Stephen Corry, direttore di Survival International: “Sono le tragiche conseguenze del razzismo di Bolsonaro, che è molto felice se qualcuno riduce in modo drastico e al posto suo la popolazione delle tribù amazzoniche. Solo la mobilitazione dell’opinione pubblica mondiale può fermarlo”.

Galleria fotografica
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche - immagine 1
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche - immagine 2
Sudamerica
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
Argentina, la morte senza colpevoli della ricca sociologa
María Marta Garcia Belsunce viene trovata senza vita nella vasca da bagno della sua abitazione: da incidente domestico, il caso travolge una delle più ricche famiglie argentine, che fra processi e appelli si conclude senza nessun colpevole
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare