Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta

| Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche

+ Miei preferiti
Brucia da giorni, settimane, mesi: dall’inizio del 2019 si contano 74.155 roghi fra piccoli e grandi – contro i 40mila dello scorso anno - che stanno mettendo a rischio l’Amazzonia, uno degli ultimi polmoni verdi del mondo, 7 milioni km quadrati di un’immensa foresta pluviale per oltre la metà ospitata nel territorio brasiliano. Un vero paradiso di biodiversità in cui vivono 2,5 milioni di specie di insetti, 3mila di pesci, 1300 di uccelli, 427 specie di anfibi, 378 di rettili e 60mila piante diverse. E sta andando a fuoco irrimediabilmente, senza che nessuno riesca a fermare una distruzione che potrebbe costare molto cara al pianeta, visto l’Amazzonia produce il 20% dell’ossigeno dell’atmosfera e assorbe ogni anno 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

L’intensità degli ultimi roghi, avvertono gli esperti, non ha precedenti, e per capire la vastità del fronte basta forse un esempio: a metà pomeriggio di ieri, la città di San Paolo è stata coperta dalla nube scura prodotta dai roghi. Nulla sarebbe, se San Paolo non si trovasse a 2.700 km dal fronte del fuoco.

A lanciare l’allarme mesi fa era stato Ricardo Galvao, direttore dell’Inpe (Insituto Nacional del Pesquisas Espacias): una presa di posizione che ha innervosito il presidente Bolsonaro, lesto a licenziarlo con l’accusa di diffondere “fake news” e girare la colpa degli incendi alle Ong, che agirebbero per vendetta contro il taglio dei fondi. In realtà sono molti a puntare il dito contro il presidente in carica dallo scorso gennaio, considerato il “Trump del Sudamerica” per una politica sprezzante e populista, che non ha mai nascosto di tifare per la deforestazione e non credere alle teorie sul cambiamento climatico. Fin dalla sua campagna elettorale, Bolsonaro ha dichiarato di ritenere l’Amazzonia un patrimonio da sfruttare senza pietà per rilanciare l’economia brasiliana, e non ha esitato a concedere autorizzazioni per la deforestazione selvaggia, aumentata del 278% rispetto allo scorso anno, per quasi 1500 kmq disboscati.

Dati alla mano, soltanto lo scorso mese di luglio 2.253 km quadrati di foresta sono andati in fumo, e sui social si moltiplicano le proteste e i gruppi spontanei che chiedono una mobilitazione generale per salvare le foreste amazzoniche dalla distruzione.

 

Galleria fotografica
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta - immagine 1
Sudamerica
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale
Brasile, 4 stupri ogni ora
Brasile, 4 stupri ogni ora
Sono i drammatici risultati di un rapporto pubblicato da un’organizzazione non governativa. Preoccupa la posizione di Bolsonaro, presidente dalle posizioni misogine
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Brasile: trovato morto l’italiano scomparso
Il corpo carbonizzato di Luca Romania è stato ritrovato il giorno successivo alla scomparsa, il 24 agosto. Viveva da quasi vent’anni in Brasile
Colombia: candidata sindaca bruciata viva
Colombia: candidata sindaca bruciata viva
La terribile fine di Karina Garcia Sierra, uccisa insieme alla scorta in un veicolo dato alle fiamme. Da tempo aveva ricevuto minacce e intimidazioni. Sospetti sui cartelli della droga e sui gruppi dissidenti delle Farc
Honduras: ucciso un noto ambientalista
Honduras: ucciso un noto ambientalista
Insieme alle popolazioni che vivono intorno al fiume Guapinol, Roberto Antonio Argueta si era opposto allo strapotere di un’azienda che può contare sul pieno appoggio dei politici e dei giudici
Massacro in Messico: 25 morti in un bar
Massacro in Messico: 25 morti in un bar
Un commando ha fatto irruzione nel locale bloccando le vie d’uscita: hanno sparato e lanciato bottiglie molotov. Per la polizia si tratta della guerra fra i cartelli di Jalisco e Noreste che stanno infiammando quella parte del Paese
Non solo Epstein: scoppia lo scandalo de “La Madame”
Non solo Epstein: scoppia lo scandalo de “La Madame”
Politici e pezzi grossi colombiani tremano: la più grande e potente organizzatrice di una rete di prostituzione minorile ha dichiarato di voler fare i nomi e raccontare tutto
Rio: ucciso l’uomo
con 37 persone in ostaggio
Rio: ucciso l’uomo<br>con 37 persone in ostaggio
Per tre ore, un uomo ha minacciato di dare fuoco ad un autobus urbano: è stato freddato dai cecchini delle forze speciali brasiliane
Maduro delira: Trump come Hitler
Maduro delira: Trump come Hitler
Il dittatore di Caracas, autore di una repressione senza precedenti contro l'opposizione, attacca gli Usa e parla di "popolo perseguitato". Ma le carceri sono piene di detenuti politici
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte
In Messico oltre 34 mila omicidi all'anno, nei primi sei mesi già 17 mila. Il cartello di Jalisco fa impallidire le gesta del Chapo e di Escobar. Non solo droga, il business oggi è il mercato dell'avocado