Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta

| Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche

+ Miei preferiti
Brucia da giorni, settimane, mesi: dall’inizio del 2019 si contano 74.155 roghi fra piccoli e grandi – contro i 40mila dello scorso anno - che stanno mettendo a rischio l’Amazzonia, uno degli ultimi polmoni verdi del mondo, 7 milioni km quadrati di un’immensa foresta pluviale per oltre la metà ospitata nel territorio brasiliano. Un vero paradiso di biodiversità in cui vivono 2,5 milioni di specie di insetti, 3mila di pesci, 1300 di uccelli, 427 specie di anfibi, 378 di rettili e 60mila piante diverse. E sta andando a fuoco irrimediabilmente, senza che nessuno riesca a fermare una distruzione che potrebbe costare molto cara al pianeta, visto l’Amazzonia produce il 20% dell’ossigeno dell’atmosfera e assorbe ogni anno 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

L’intensità degli ultimi roghi, avvertono gli esperti, non ha precedenti, e per capire la vastità del fronte basta forse un esempio: a metà pomeriggio di ieri, la città di San Paolo è stata coperta dalla nube scura prodotta dai roghi. Nulla sarebbe, se San Paolo non si trovasse a 2.700 km dal fronte del fuoco.

A lanciare l’allarme mesi fa era stato Ricardo Galvao, direttore dell’Inpe (Insituto Nacional del Pesquisas Espacias): una presa di posizione che ha innervosito il presidente Bolsonaro, lesto a licenziarlo con l’accusa di diffondere “fake news” e girare la colpa degli incendi alle Ong, che agirebbero per vendetta contro il taglio dei fondi. In realtà sono molti a puntare il dito contro il presidente in carica dallo scorso gennaio, considerato il “Trump del Sudamerica” per una politica sprezzante e populista, che non ha mai nascosto di tifare per la deforestazione e non credere alle teorie sul cambiamento climatico. Fin dalla sua campagna elettorale, Bolsonaro ha dichiarato di ritenere l’Amazzonia un patrimonio da sfruttare senza pietà per rilanciare l’economia brasiliana, e non ha esitato a concedere autorizzazioni per la deforestazione selvaggia, aumentata del 278% rispetto allo scorso anno, per quasi 1500 kmq disboscati.

Dati alla mano, soltanto lo scorso mese di luglio 2.253 km quadrati di foresta sono andati in fumo, e sui social si moltiplicano le proteste e i gruppi spontanei che chiedono una mobilitazione generale per salvare le foreste amazzoniche dalla distruzione.

 

Galleria fotografica
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta - immagine 1
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga