Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta

| Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche

+ Miei preferiti
Brucia da giorni, settimane, mesi: dall’inizio del 2019 si contano 74.155 roghi fra piccoli e grandi – contro i 40mila dello scorso anno - che stanno mettendo a rischio l’Amazzonia, uno degli ultimi polmoni verdi del mondo, 7 milioni km quadrati di un’immensa foresta pluviale per oltre la metà ospitata nel territorio brasiliano. Un vero paradiso di biodiversità in cui vivono 2,5 milioni di specie di insetti, 3mila di pesci, 1300 di uccelli, 427 specie di anfibi, 378 di rettili e 60mila piante diverse. E sta andando a fuoco irrimediabilmente, senza che nessuno riesca a fermare una distruzione che potrebbe costare molto cara al pianeta, visto l’Amazzonia produce il 20% dell’ossigeno dell’atmosfera e assorbe ogni anno 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

L’intensità degli ultimi roghi, avvertono gli esperti, non ha precedenti, e per capire la vastità del fronte basta forse un esempio: a metà pomeriggio di ieri, la città di San Paolo è stata coperta dalla nube scura prodotta dai roghi. Nulla sarebbe, se San Paolo non si trovasse a 2.700 km dal fronte del fuoco.

A lanciare l’allarme mesi fa era stato Ricardo Galvao, direttore dell’Inpe (Insituto Nacional del Pesquisas Espacias): una presa di posizione che ha innervosito il presidente Bolsonaro, lesto a licenziarlo con l’accusa di diffondere “fake news” e girare la colpa degli incendi alle Ong, che agirebbero per vendetta contro il taglio dei fondi. In realtà sono molti a puntare il dito contro il presidente in carica dallo scorso gennaio, considerato il “Trump del Sudamerica” per una politica sprezzante e populista, che non ha mai nascosto di tifare per la deforestazione e non credere alle teorie sul cambiamento climatico. Fin dalla sua campagna elettorale, Bolsonaro ha dichiarato di ritenere l’Amazzonia un patrimonio da sfruttare senza pietà per rilanciare l’economia brasiliana, e non ha esitato a concedere autorizzazioni per la deforestazione selvaggia, aumentata del 278% rispetto allo scorso anno, per quasi 1500 kmq disboscati.

Dati alla mano, soltanto lo scorso mese di luglio 2.253 km quadrati di foresta sono andati in fumo, e sui social si moltiplicano le proteste e i gruppi spontanei che chiedono una mobilitazione generale per salvare le foreste amazzoniche dalla distruzione.

 

Galleria fotografica
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta - immagine 1
Sudamerica
Brasile, aumenta la violenza
Brasile, aumenta la violenza
Oltre 25mila morti nel primo semestre dell’anno fanno scattare l’allarme: le bande hanno trovato il modo di eludere i controlli e il blocco del traffico aereo
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Brasile, muore travolta dagli scaffali di un supermercato
Elane de Oliveira Rodrigues, 21 anni, è rimasta sepolta insieme ad altre 8 persone dal crollo improvviso della scaffalatura di una corsia. Per lei non c’era più nulla da fare
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
La curiosa vicenda dell’aereo presidenziale messicano
Acquistato nel 2012 dall’ex presidente Calderón, disfarsene è diventata la promessa elettorale di Enrique Peña Nieto, che però non è mai riuscito a venderlo. Motivo sufficiente per trasformarlo nel primo premio della lotteria nazionale
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne