Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta

| Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche

+ Miei preferiti
Brucia da giorni, settimane, mesi: dall’inizio del 2019 si contano 74.155 roghi fra piccoli e grandi – contro i 40mila dello scorso anno - che stanno mettendo a rischio l’Amazzonia, uno degli ultimi polmoni verdi del mondo, 7 milioni km quadrati di un’immensa foresta pluviale per oltre la metà ospitata nel territorio brasiliano. Un vero paradiso di biodiversità in cui vivono 2,5 milioni di specie di insetti, 3mila di pesci, 1300 di uccelli, 427 specie di anfibi, 378 di rettili e 60mila piante diverse. E sta andando a fuoco irrimediabilmente, senza che nessuno riesca a fermare una distruzione che potrebbe costare molto cara al pianeta, visto l’Amazzonia produce il 20% dell’ossigeno dell’atmosfera e assorbe ogni anno 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

L’intensità degli ultimi roghi, avvertono gli esperti, non ha precedenti, e per capire la vastità del fronte basta forse un esempio: a metà pomeriggio di ieri, la città di San Paolo è stata coperta dalla nube scura prodotta dai roghi. Nulla sarebbe, se San Paolo non si trovasse a 2.700 km dal fronte del fuoco.

A lanciare l’allarme mesi fa era stato Ricardo Galvao, direttore dell’Inpe (Insituto Nacional del Pesquisas Espacias): una presa di posizione che ha innervosito il presidente Bolsonaro, lesto a licenziarlo con l’accusa di diffondere “fake news” e girare la colpa degli incendi alle Ong, che agirebbero per vendetta contro il taglio dei fondi. In realtà sono molti a puntare il dito contro il presidente in carica dallo scorso gennaio, considerato il “Trump del Sudamerica” per una politica sprezzante e populista, che non ha mai nascosto di tifare per la deforestazione e non credere alle teorie sul cambiamento climatico. Fin dalla sua campagna elettorale, Bolsonaro ha dichiarato di ritenere l’Amazzonia un patrimonio da sfruttare senza pietà per rilanciare l’economia brasiliana, e non ha esitato a concedere autorizzazioni per la deforestazione selvaggia, aumentata del 278% rispetto allo scorso anno, per quasi 1500 kmq disboscati.

Dati alla mano, soltanto lo scorso mese di luglio 2.253 km quadrati di foresta sono andati in fumo, e sui social si moltiplicano le proteste e i gruppi spontanei che chiedono una mobilitazione generale per salvare le foreste amazzoniche dalla distruzione.

 

Galleria fotografica
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta - immagine 1
Sudamerica
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Una transgender accusata di aver utilizzato i bagni delle donne in un McDonald’s, è stata uccisa pochi minuti dopo a colpi di pistola. Il video dell’esecuzione ha girato sui social per ore prima di essere rimosso
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale