Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta

| Dall’inizio dell’anno quasi 75mila incendi, con un aumento dell’85% rispetto all’anno precedente, In tanti incolpano le politiche del presidente Bolsonaro, che nella foresta pluviale vede soltanto enormi risorse economiche

+ Miei preferiti
Brucia da giorni, settimane, mesi: dall’inizio del 2019 si contano 74.155 roghi fra piccoli e grandi – contro i 40mila dello scorso anno - che stanno mettendo a rischio l’Amazzonia, uno degli ultimi polmoni verdi del mondo, 7 milioni km quadrati di un’immensa foresta pluviale per oltre la metà ospitata nel territorio brasiliano. Un vero paradiso di biodiversità in cui vivono 2,5 milioni di specie di insetti, 3mila di pesci, 1300 di uccelli, 427 specie di anfibi, 378 di rettili e 60mila piante diverse. E sta andando a fuoco irrimediabilmente, senza che nessuno riesca a fermare una distruzione che potrebbe costare molto cara al pianeta, visto l’Amazzonia produce il 20% dell’ossigeno dell’atmosfera e assorbe ogni anno 2 miliardi di tonnellate di anidride carbonica.

L’intensità degli ultimi roghi, avvertono gli esperti, non ha precedenti, e per capire la vastità del fronte basta forse un esempio: a metà pomeriggio di ieri, la città di San Paolo è stata coperta dalla nube scura prodotta dai roghi. Nulla sarebbe, se San Paolo non si trovasse a 2.700 km dal fronte del fuoco.

A lanciare l’allarme mesi fa era stato Ricardo Galvao, direttore dell’Inpe (Insituto Nacional del Pesquisas Espacias): una presa di posizione che ha innervosito il presidente Bolsonaro, lesto a licenziarlo con l’accusa di diffondere “fake news” e girare la colpa degli incendi alle Ong, che agirebbero per vendetta contro il taglio dei fondi. In realtà sono molti a puntare il dito contro il presidente in carica dallo scorso gennaio, considerato il “Trump del Sudamerica” per una politica sprezzante e populista, che non ha mai nascosto di tifare per la deforestazione e non credere alle teorie sul cambiamento climatico. Fin dalla sua campagna elettorale, Bolsonaro ha dichiarato di ritenere l’Amazzonia un patrimonio da sfruttare senza pietà per rilanciare l’economia brasiliana, e non ha esitato a concedere autorizzazioni per la deforestazione selvaggia, aumentata del 278% rispetto allo scorso anno, per quasi 1500 kmq disboscati.

Dati alla mano, soltanto lo scorso mese di luglio 2.253 km quadrati di foresta sono andati in fumo, e sui social si moltiplicano le proteste e i gruppi spontanei che chiedono una mobilitazione generale per salvare le foreste amazzoniche dalla distruzione.

 

Galleria fotografica
Brucia l’Amazzonia, l’ultimo polmone del pianeta - immagine 1
Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni