Caracas di nuovo al buio, per Maduro è 'un complotto'

| Ma intanto caccia i ministri dell'Elettricità. Opposizione accusa: "Governo allo sfascio, non c'è manutenzione". A marzo stesso copione

+ Miei preferiti

Nuovo blackout. Nuovo complotto. Maduro dà la colpa all’opposizione se milioni di venezuelani sono vittime di un gigantesco balck out. La manutenzione degli impianti non esiste più, lo stillicidio delle interruzioni e quantodiano ma tant’è. E’ sempre colpa di qualcun altro. Nelle prime ore del mattino sono state segnalate interruzioni di corrente in Candelaria, Fuerzas Armadas Avenue, San Bernardino e Bello Monte, così come nelle zone di José Félix Ribas, Araguaney, El Aguacatico, El Esfuerzo, La Agricultura, Mirador del Este e 5 de Julio a Petare. La metropolitana di Caracas ha riferito che a causa di un'interruzione dell'alimentazione elettrica, le linee 1, 2 e 3 sono ferme.

Finora, quest'anno, questa è la quinta interruzione generale dell'alimentazione elettrica. Il primo si è verificato il 7 marzo ed è durato fino al 12 marzo, poi c'è stato un altro fallimento alla fine dello stesso mese. L'altro blackout è stato il 18 giugno e il quarto tra il 14 e il 15 luglio. Da marzo altri stati, Zulia, Táchira e Falcón, hanno avuto guasti ricorrenti nel servizio.

"Provo indignazione. Le correzioni necessarie non sono state effettuate ed è più o meno la stessa cosa", ha detto Eurimar Güere, 36 anni, all'agenzia di stampa AFP dopo aver lasciato il suo ufficio a Caracas orientale.

 

Ai primi di marzo, un gigantesco blackout aveva paralizzato per una settimana Caracas e il resto dei 23 stati venezuelani, causando gravi carenze nei servizi idrici e di telecomunicazione e costringendo la sospensione dei lavori e delle classi. Anche l'assistenza ospedaliera è stata colpita da quell'incidente e da un altro che è stato registrato giorni dopo. L'opposizione ha poi denunciato una ventina di decessi dovuti a problemi di assistenza medica.

Con il blackout di questo lunedì, i semafori erano fuori servizio a Caracas, che ha generato grandi ingorghi, mentre fiumi di persone camminavano sui marciapiedi prima della chiusura delle stazioni della nevralgica metropolitana.

 

Le interruzioni sono comuni in Venezuela, specialmente nella parte occidentale del paese. Il governo denuncia il sabotaggio, mentre l'opposizione e gli specialisti lo accusano per la mancanza di investimenti nelle infrastrutture, l'inesperienza e la corruzione nel bel mezzo di una grave crisi economica. I negozi chiusi erano una scena comune nel tardo pomeriggio di lunedì pomeriggio, in quanto la mancanza di energia elettrica impedisce l'uso di punti per i pagamenti con carta di debito e di credito.

Sabotaggio o no, Maduro ha licenziato il ministro dell'elettricità Luis Motta Domínguez nel mese di marzo. È stato sostituito in aprile da Igor Gavidia, che è durato poco tempo, poiché il presidente ha nominato a giugno un nuovo responsabile del portafoglio, Freddy Brito. Saranno loro i “sabotatori”.

 
Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni