Caracas di nuovo al buio, per Maduro è 'un complotto'

| Ma intanto caccia i ministri dell'Elettricità. Opposizione accusa: "Governo allo sfascio, non c'è manutenzione". A marzo stesso copione

+ Miei preferiti

Nuovo blackout. Nuovo complotto. Maduro dà la colpa all’opposizione se milioni di venezuelani sono vittime di un gigantesco balck out. La manutenzione degli impianti non esiste più, lo stillicidio delle interruzioni e quantodiano ma tant’è. E’ sempre colpa di qualcun altro. Nelle prime ore del mattino sono state segnalate interruzioni di corrente in Candelaria, Fuerzas Armadas Avenue, San Bernardino e Bello Monte, così come nelle zone di José Félix Ribas, Araguaney, El Aguacatico, El Esfuerzo, La Agricultura, Mirador del Este e 5 de Julio a Petare. La metropolitana di Caracas ha riferito che a causa di un'interruzione dell'alimentazione elettrica, le linee 1, 2 e 3 sono ferme.

Finora, quest'anno, questa è la quinta interruzione generale dell'alimentazione elettrica. Il primo si è verificato il 7 marzo ed è durato fino al 12 marzo, poi c'è stato un altro fallimento alla fine dello stesso mese. L'altro blackout è stato il 18 giugno e il quarto tra il 14 e il 15 luglio. Da marzo altri stati, Zulia, Táchira e Falcón, hanno avuto guasti ricorrenti nel servizio.

"Provo indignazione. Le correzioni necessarie non sono state effettuate ed è più o meno la stessa cosa", ha detto Eurimar Güere, 36 anni, all'agenzia di stampa AFP dopo aver lasciato il suo ufficio a Caracas orientale.

 

Ai primi di marzo, un gigantesco blackout aveva paralizzato per una settimana Caracas e il resto dei 23 stati venezuelani, causando gravi carenze nei servizi idrici e di telecomunicazione e costringendo la sospensione dei lavori e delle classi. Anche l'assistenza ospedaliera è stata colpita da quell'incidente e da un altro che è stato registrato giorni dopo. L'opposizione ha poi denunciato una ventina di decessi dovuti a problemi di assistenza medica.

Con il blackout di questo lunedì, i semafori erano fuori servizio a Caracas, che ha generato grandi ingorghi, mentre fiumi di persone camminavano sui marciapiedi prima della chiusura delle stazioni della nevralgica metropolitana.

 

Le interruzioni sono comuni in Venezuela, specialmente nella parte occidentale del paese. Il governo denuncia il sabotaggio, mentre l'opposizione e gli specialisti lo accusano per la mancanza di investimenti nelle infrastrutture, l'inesperienza e la corruzione nel bel mezzo di una grave crisi economica. I negozi chiusi erano una scena comune nel tardo pomeriggio di lunedì pomeriggio, in quanto la mancanza di energia elettrica impedisce l'uso di punti per i pagamenti con carta di debito e di credito.

Sabotaggio o no, Maduro ha licenziato il ministro dell'elettricità Luis Motta Domínguez nel mese di marzo. È stato sostituito in aprile da Igor Gavidia, che è durato poco tempo, poiché il presidente ha nominato a giugno un nuovo responsabile del portafoglio, Freddy Brito. Saranno loro i “sabotatori”.

 
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga