"Caracas Ŕ tranquilla, sconfitto Guaid˛"
strage al confine: 25 morti

| Maduro alla guida di un'auto a Caracas ("non Ŕ successo nulla") ma i media rilanciano le immagini di violenze e uccisioni: 25 morti, 300 feriti. Guaid˛ incontra Pence: "Opzione militare non Ŕ pi¨ un tab¨". Dura condanna Onu

+ Miei preferiti

MARIA LOPEZ

Un Maduro soddisfatto si fa riprendere alla guida di un’utilitaria giapponese, da un videomaker appostato nel sedili posteriori,  mentre percorre le vie del centro di Caracas come un cittadino qualunque: “Come vedete…è tutto tranquillo, la gente passeggia serena, non c’è caos, la protesta dell’opposizione è un fallimento…”. Altre immagini rimandano perà alla sua polizia mentre incendia i camion carichi di aiuti umanitari appena oltre il confine, le cariche della polizia, i lacrimoginei sulla gente indifesa, i morti rimasti sul selciato della Gran Sabana, la gente che cerca cibo o medicine tra i rottami fumanti dei rimorchi dati alle fiamme. E' un bilancio tragico, In due giorni di repressione, da sabato scorso, le forze di sicurezza e gli irregolari chavisti hanno ucciso 25 persone e ne hanno ferite almeno 84 a Gran Sabana, alla frontiera venezuelana con il Brasile. Lo ha denunciato il sindaco della località, Emilio Gonzalez, che si è rifugiato in Brasile, attraversando il confine clandestinamente.

   Domenica il leader dell'opposizione venezuelana Juan Guaidò ha detto che chiederà alla comunità internazionale di mantenere "tutte le opzioni aperte" nella lotta per cacciare il presidente Nicolas Maduro. L'appello di Guaidò è giunto dopo una turbolenta giornata in cui una campagna di aiuti umanitari sostenuta dagli Stati Uniti da inviare in Venezuela ha incontrato una forte resistenza da parte delle forze di sicurezza, che hanno sparato lacrimogeni sui manifestanti lasciando almeno due morti e circa 300 feriti.

    Sabato sera il leader dell'opposizione proclamatosi presidente ad interim ha twittato: "Gli eventi di oggi mi hanno obbligato a prendere una decisione: proporre in modo formale alla comunità internazionale di mantenere tutte le opzioni disponibili per liberare questo Paese, che lotta e continuerà a lottare".

    Guaido' ha detto che incontrerà oggi il vicepresidente degli Stati Uniti, Mike Pence, nel vertice d'emergenza dei ministri degli Esteri del gruppo di Lima sulla crisi del Venezuela nella capitale colombiana Bogotà.

La spedizione degli aiuti in Venezuela è stata un fallimento, un tentativo soffocato da una violenza ottusa e spupida, perché ha colpito solo il popolo. Politicamente, Maduro invece ha perso una chance di dare un’immagine diversa del regime. E adesso, davvero, i suoi giorni e quelli del suo clan, chiuso nel palazzo Miraflores sono “contati”. Lo ha detto il segretario di Stato Usa, Mike Pompeo e il consigliere nazionale della sicurezza John Bolton. Si compatta l’Unione Europea, anche il Giappone dall'Asia riconosce il presidente ad Interim, eletto dall’Assemblea Nazionale, Juan Guaidà, che oggi rappresenterà il suo Paese al Gruppo di Lima, accolto in Colombia con gli onori che spettano a un capo di Stato. 

L’opzione militare, mentre il popolo è in condizioni disperate, non è più un tabù.

Juan Guaidó, presidente ad interim del Venezuela, ha incontrato questa domenica più di 160 soldati che hanno abbandonato il paese e sono disposti a seguire il presidente in carica: "Hanno bruciato cibo e medicine, sono azioni imperdonabili. Sappiamo che altri militari verranno con noi a difendere la libertà", ha detto Guaidó ai militari che hanno abbandonato il regime al suo triste destino. L’ufficio Migrazione Colombia ha stimato che almeno 150 funzionari delle forze armate venezuelane sono fuggiti in Colombia nelle ultime 48 ore, entrando nella nazione vicina da ponti internazionali.  Altri tre membri della Guardia Nazionale Bolivariana hanno iniziato hanno scavalcato la recinzione di sicurezza installata sul ponte internazionale Simón Bolívar, dopo che il confine è stato chiuso da Maduro e dai suoi sgherri.

L’ONU CONDANNA MADURO PER LE VIOLENZE

L'ONU ha condannato l'"eccessivo uso della forza" da parte delle "forze di sicurezza venezuelane" e dei gruppi "filogovernativi armati" che hanno lasciato almeno quattro morti e più di 300 feriti venerdì e sabato, denuncia Michelle Bachelet, l'alto commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani. "Queste sono scene deplorevoli. Il governo venezuelano deve costringere le forze di sicurezza a smettere di usare una forza eccessiva contro i manifestanti disarmati e i cittadini comuni”. La dura dichiarazione di Bachelet arriva un giorno dopo che il governo di Nicolás Maduro ha impedito agli aiuti umanitari di entrare nel paese dalle zone di confine tra Colombia e Brasile, provocando proteste negli stati di Táchira e Bolívar. 

In linea con la dichiarazione di Bachelet, il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres s’è detto “sconvolto” dalla morte di civili in Venezuela e ha chiesto di evitare ad ogni costo la violenza. 

Deputati e manifestanti venezuelani hanno denunciato la presenza di gruppi armati per reprimere le proteste, soprattutto negli stati di Táchira, Bolívar (in particolare a Santa Elena de Uairén) e Yaracuy (a San Felipe). el frattempo, l'Ufficio dell'Alto Commissario ha anche ricevuto diverse denunce che indicano il "coinvolgimento" di gruppi armati filogovernativi in attacchi violenti,m con uso di armi da fuoco, contro i manifestanti, e Bachelet ha esortato il governo di Nicolás Maduro a "fermare questi gruppi e arrestare coloro che hanno usato illegalmente la forza contro i cittadini inermi".

Sudamerica
Modello Siria: truppe russe in Venezuela
Modello Siria: truppe russe in Venezuela
L'ambasciatore di Putin: "Addestriamo i militari a fronteggiare le minacce Usa e a potenziare le armi". I primi cento soldati russi a marzo, altri ne arriveranno. Trump: "Lasciate il Paese". Rivolta in carcere: 29 morti
"I cartelli dei narcos con Maduro"
"I cartelli dei narcos con Maduro"
Duro attacco del senatore rep USA Rubio contro Cabello, braccio destro di Maduro, accusato dalla Dea di narcotraffico: "Riforniscono Caracas di benzina, il resto del Paese condannato alla paralisi"
Salario minimo 18mila bolivares, chilo di prosciutto 16mila
Salario minimo 18mila bolivares, chilo di prosciutto 16mila
Le ridicole misure di Maduro, il salario minimo aumentato durante i giorni della rivolta, subito rottamato dall'inflazione, ora al 153mila per cento. Dopo un mese di lavoro puoi comprare un antibiotico. Le tabelle della vergogna
Si dimette l'ambasciatore del Venezuela
Si dimette l
"Costretto a lasciare dalle sanzioni Usa e italiane, ma resto fedele al caviamo e a Maduro". Silenzio glaciale da Caracas, rientrerÓ in patria o resta in Italia?
Il mariachi rifiuta il trapianto
Il mariachi rifiuta il trapianto
Temendo che il fegato potesse essere di un drogato o un gay, ôChenteö Gˇmez ha rifiutato il trapianto negli Stati Uniti. Polemiche e accuse di omofobia
Maduro vende l'oro del suo popolo
Maduro vende l
Il regime aggira le sanzioni e vende a Turchia ed Emirati Arabi oro per 570 milioni di dollari che finiranno inceneriti, come gli altri, sull'altare della pi¨ spaventosa crisi economica di tutti i tempi. Risorse sottratte alla comunitÓ
Guaid˛ libera l'ex 007 dai domiciliari
Guaid˛ libera l
L'ex dirigente dell'Intelligence Ivan Simonovis Ŕ stato liberato dai domiciliari su ordine di Guaid˛ poco prima di essere arrestato, ma ora gli sgherri di Maduro hanno occupato la sua casa. E' in un rifugio sicuro
DESAPARECIDO
Gli sgherri di Maduro avrebbero fermato ex dirigente dei Servizi Segreti
DESAPARECIDO<br>Gli sgherri di Maduro avrebbero fermato ex dirigente dei Servizi Segreti
La moglie di Ivan Simonovis, storico oppositore del regime, denuncia con un tweet la sua scomparsa. Arrestato nel 2009, detenuto 5 anni in carcere, era stato rilasciato per le sue condizioni di salute. Sebin invade la casa
La supervilla di Maduro, un mistero
La supervilla di Maduro, un mistero
L'avrebbe acquistata per 18 milioni di dollari a Punta Cana, Repubblica Domenicana attraverso un mediatore. La moglie Cilia Flores in fuga nel rifugio dorato dopo gli scontri? Scoop di un giornalista peruviano. Presidente nega
La flotta sottomarina dei narcos
La flotta sottomarina dei narcos
Sempre di pi¨, i cartelli sudamericani della droga utilizzano piccoli mezzi subacquei realizzati in cantieri clandestini. Ma le loro capacitÓ tecnologiche si stanno affinando sempre di pi¨