Caraibi, ancora un turista USA morto

| E' la nona vittima di strane malattie o malori improvvisi in 13 mesi. I familiari di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, vogliono sapere di cosa è morto. Trovato senza vita in un resort

+ Miei preferiti

Dopo le ultime misteriose morti di turisti americani in vacanza nella Repubblica dominicana, un’altra vittima. Il fratello di Joseph Allen, 55 anni, uno sportivo in buona salute, sta lottando per capire come mai suo fratello è morto improvvisamente. Il 55enne del New Jersey aveva appena ricevuto un certificato di buona salute, ha detto Jason Allen a HLN. Aveva appena finito di digiunare per il Ramadan, andava spesso in palestra per tenersi in forma. E’ stato trovato morto nella sua camera d'albergo, il decimo turista americano a morire in un resort della Repubblica Dominicana, o dopo essersi ammalato, negli ultimi 13 mesi. I risultati preliminari dell'autopsia suggeriscono che ha sofferto di arresto cardiaco. Non ci sono stati segni di violenza, secondo il rapporto che le autorità dominicane hanno fornito alla CNN. L'ondata di morti ha lasciato in dubbio molti americani che si chiedono se dovrebbero cancellare i loro prossimi viaggi nel paradiso caraibico.

I funzionari della Repubblica Dominicana hanno definito le morti eventi isolati mentre lavorano per rassicurare i viaggiatori che il loro paese è sicuro.

Dei nove americani che sono morti in un resort della Repubblica Dominicana o dopo essersi ammalati in uno di essi dal giugno 2018, non è chiaro quanti sono stati di cause naturali. "Negli ultimi cinque anni, oltre 30 milioni di turisti hanno visitato la Repubblica Dominicana, ma questa è la prima volta che i media internazionali riportano una situazione così allarmante", ha detto il ministro del turismo Francisco Javier Garcia all'inizio di questo mese. "Questi sono incidenti isolati e la Repubblica Dominicana è una destinazione sicura".

Allen era un fan dei Minnesota Vikings, il suo hobby, un uomo che ha sempre lavorato per tutta la vita, morto il 13 giugno. Allen era un ospite abituale dell'Hotel Terra Linda nella città costiera della Repubblica Dominicana di Sosua. Agli amici aveva detto di non sentirsi bene pochi giorni prima di morire. Il personale dell'hotel l'ha trovato morto nella sua stanza dopo che gli amici non lo hanno visto scendere nella hall per andare al mare, ha detto alla CNN sua sorella Jaimie Reed. Jason Allen ha detto che non aveva motivo di credere che suo fratello fosse stato ucciso intenzionalmente. Ma si chiede se qualcosa all'hotel - l'aria, le bevande - abbia contribuito alla sua morte. "Quello che so è che non voglio che nessuno e la loro famiglia sopportino ciò che stiamo sopportando in questo momento".

La Repubblica Dominicana è una delle destinazioni turistiche più importanti dei Caraibi, con più di 6 milioni di turisti l'anno scorso, tra cui 2,2 americani, secondo l'organizzazione del turismo dei Caraibi. Il portavoce del governo Roberto Rodriguez Marchena ha pubblicato un video che sottolinea i successi nel turismo, 14 milioni di americani lo hanno visitato dal 2012.

Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino