Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte

| In Messico oltre 34 mila omicidi all'anno, nei primi sei mesi già 17 mila. Il cartello di Jalisco fa impallidire le gesta del Chapo e di Escobar. Non solo droga, il business oggi è il mercato dell'avocado

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Lo spietato duello tra i cartelli della droga messicani ha prodotto il suo ultimo macabro spettacolo con la scoperta di 19 cadaveri mutilati - nove dei quali appesi seminudi su un ponte - in un grande sobborgo ad ovest della capitale. Il massacro, a Uruapan, a 250 miglia da Città del Messico, è stato rivendicato dal cartello sempre più dominante Jalisco New Generation che ha affisso una grande bandiera bianca accanto ai corpi penzolanti delle sue vittime. Almeno altri 10 corpi smembrati i sono stati trovatiabbandonati  in due località vicine. Il procuratore generale dello stato di Michoacán, Adrián López Solís, ritiene gli omicidi frutto di uno scontro tra cartelli rivali che lottano per il controllo del traffico di droga della regione. Mobilitati anche i Corpi Speciali dell’Esercito per indagare sui crimini e catturare gli assassini.

Falko Ernst, un ricercatore dell'International Crisis Group che studia i cartelli criminali del Messico, ha detto che la strage di questa settimana è chiaramente intesa a intimidire i gruppi criminali rivali, le famiglie dei loro membri, così come le autorità messicane. Ernst ha detto che il bagno di sangue riguarda in parte la lotta per il controllo del traffico locale di droga in Uruapan. Ma una motivazione ancora più importante è il conflitto per avere il controllo dell'industria dell'avocado che vale un miliardo di dollari. "Il grande business qui è l’avocado", spiega l’analista. Almeno tre gruppi armati stanno combattendo per il controllo della città di Uruapan - il CJNG, il cartello dei Cavalieri Templari e Las Viagras, che fa parte di un'organizzazione più grande chiamata la Nueva Familia Michoacana.

Catene di morti ammazzati non sono insolite in Messico, l'anno scorso ha stabilito il record di 35.964 omicidi. Ma il CJNG è diventato particolarmente noto per la sua disponibilità a confrontarsi con le autorità messicane con sfrontate manifestazioni pubbliche di forza bruta e potenza di fuoco.

Nel mese di maggio è apparso un video che mostra i membri del cartello pesantemente armati che sfilano attraverso Zamora, un'altra città di Michoacán, in auto contrassegnate con le insegne del loro gruppo. Il cartello è stato accusato di una battaglia con la polizia locale che avrebbe lasciato morti almeno quattro agenti.

!Uruapan vanta un posto invidiabile nella tradizione del traffico di droga messicano”, precisa il Guardian. E 'stato qui, nel 2006, che cinque teste tagliate sono state rotolate sulla pedana di una discoteca da parte di gangster - un attacco macabro che ha fatto notizia a livello mondiale e ha contribuito a indurre l'allora presidente Felipe Calderón a una catastrofica guerra di sei anni contro la droga. L'offensiva fallita contro i cartelli ha portato a un periodo senza precedenti di sangue, con tassi di omicidi che da allora sono quasi sempre in aumento in tutto il paese.

Andrés Manuel López Obrador, che è diventato presidente del Messico lo scorso dicembre, ha promesso di ripensare la lotta del suo paese contro la criminalità. Ha creato una nuova forza di sicurezza chiamata la guardia nazionale e ha promesso di affrontare le radici sociali del crimine offrendo borse di studio agli adolescenti svantaggiati. Ma a otto mesi dalla presidenza di López Obrador non ci sono segni di miglioramento. I dati ufficiali mostrano che ci sono stati almeno 17.608 omicidi nella prima metà dell'anno.

La Voz de Michoacán, un giornale locale, ha detto che quest'anno, mentre i gruppi armati combattevano per la supremazia, lo stato di Michoacán si era trovato all'occhio del ciclone con 963 omicidi da gennaio. Anche Città del Messico - a lungo vista come un'isola di relativa calma dal conflitto - ha visto un aumento della criminalità quest'anno.

 

 

Sudamerica
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare