Cartelli in guerra, cadaveri mutilati penzolano dal ponte

| In Messico oltre 34 mila omicidi all'anno, nei primi sei mesi già 17 mila. Il cartello di Jalisco fa impallidire le gesta del Chapo e di Escobar. Non solo droga, il business oggi è il mercato dell'avocado

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez

Lo spietato duello tra i cartelli della droga messicani ha prodotto il suo ultimo macabro spettacolo con la scoperta di 19 cadaveri mutilati - nove dei quali appesi seminudi su un ponte - in un grande sobborgo ad ovest della capitale. Il massacro, a Uruapan, a 250 miglia da Città del Messico, è stato rivendicato dal cartello sempre più dominante Jalisco New Generation che ha affisso una grande bandiera bianca accanto ai corpi penzolanti delle sue vittime. Almeno altri 10 corpi smembrati i sono stati trovatiabbandonati  in due località vicine. Il procuratore generale dello stato di Michoacán, Adrián López Solís, ritiene gli omicidi frutto di uno scontro tra cartelli rivali che lottano per il controllo del traffico di droga della regione. Mobilitati anche i Corpi Speciali dell’Esercito per indagare sui crimini e catturare gli assassini.

Falko Ernst, un ricercatore dell'International Crisis Group che studia i cartelli criminali del Messico, ha detto che la strage di questa settimana è chiaramente intesa a intimidire i gruppi criminali rivali, le famiglie dei loro membri, così come le autorità messicane. Ernst ha detto che il bagno di sangue riguarda in parte la lotta per il controllo del traffico locale di droga in Uruapan. Ma una motivazione ancora più importante è il conflitto per avere il controllo dell'industria dell'avocado che vale un miliardo di dollari. "Il grande business qui è l’avocado", spiega l’analista. Almeno tre gruppi armati stanno combattendo per il controllo della città di Uruapan - il CJNG, il cartello dei Cavalieri Templari e Las Viagras, che fa parte di un'organizzazione più grande chiamata la Nueva Familia Michoacana.

Catene di morti ammazzati non sono insolite in Messico, l'anno scorso ha stabilito il record di 35.964 omicidi. Ma il CJNG è diventato particolarmente noto per la sua disponibilità a confrontarsi con le autorità messicane con sfrontate manifestazioni pubbliche di forza bruta e potenza di fuoco.

Nel mese di maggio è apparso un video che mostra i membri del cartello pesantemente armati che sfilano attraverso Zamora, un'altra città di Michoacán, in auto contrassegnate con le insegne del loro gruppo. Il cartello è stato accusato di una battaglia con la polizia locale che avrebbe lasciato morti almeno quattro agenti.

!Uruapan vanta un posto invidiabile nella tradizione del traffico di droga messicano”, precisa il Guardian. E 'stato qui, nel 2006, che cinque teste tagliate sono state rotolate sulla pedana di una discoteca da parte di gangster - un attacco macabro che ha fatto notizia a livello mondiale e ha contribuito a indurre l'allora presidente Felipe Calderón a una catastrofica guerra di sei anni contro la droga. L'offensiva fallita contro i cartelli ha portato a un periodo senza precedenti di sangue, con tassi di omicidi che da allora sono quasi sempre in aumento in tutto il paese.

Andrés Manuel López Obrador, che è diventato presidente del Messico lo scorso dicembre, ha promesso di ripensare la lotta del suo paese contro la criminalità. Ha creato una nuova forza di sicurezza chiamata la guardia nazionale e ha promesso di affrontare le radici sociali del crimine offrendo borse di studio agli adolescenti svantaggiati. Ma a otto mesi dalla presidenza di López Obrador non ci sono segni di miglioramento. I dati ufficiali mostrano che ci sono stati almeno 17.608 omicidi nella prima metà dell'anno.

La Voz de Michoacán, un giornale locale, ha detto che quest'anno, mentre i gruppi armati combattevano per la supremazia, lo stato di Michoacán si era trovato all'occhio del ciclone con 963 omicidi da gennaio. Anche Città del Messico - a lungo vista come un'isola di relativa calma dal conflitto - ha visto un aumento della criminalità quest'anno.

 

 

Sudamerica
Maduro delira: Trump come Hitler
Maduro delira: Trump come Hitler
Il dittatore di Caracas, autore di una repressione senza precedenti contro l'opposizione, attacca gli Usa e parla di "popolo perseguitato". Ma le carceri sono piene di detenuti politici
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Suicida il boss che aveva tentato l’evasione vestendosi da teenager
Clauvino da Silva, diventato celebre in modo involontario per aver tentato di evadere vestito da adolescente, è stato ritrovato senza vita nella sua cella
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Maduro nella morsa di Trump: embargo totale
Da lunedì il regime di Caracas non può più effettuare operazioni commerciali e vendere petrolio, esentati solo gli aiuti umanitari. Colpo finale alla disastrata economia
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Dilapida i soldi delle donazioni per le cure del figlio
Il Brasile sconvolto dal gesto di un padre che ha svuotato i conti correnti su cui confluiva il denaro necessario a pagare le costosissime cure del figlio di 19 mesi, affetto da una malattia rara
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Brasile: la corsa all’oro minaccia le tribù amazzoniche
Autorizzati dal presidente Bolsonaro, circa 10mila cercatori d’oro si sono riversati nelle terre degli Yanomami, una pacifica tribù che vive isolata nella foresta
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sommossa in un carcere brasiliano: 52 morti
Sedici detenuti sarebbero stati decapitati nel corso di una sommossa nel carcere di Altamira. Le associazioni umanitarie accusano di menefreghismo il governo di Bolsonaro
Messico: la schiuma che uccide
Messico: la schiuma che uccide
Una montagna di schiuma bianca, dovuta agli scarichi di detersivi, ha letteralmente ingoiato un uomo di 30 anni. Settimane prima era scomparso nello stesso modo il cane di un residente
Rapina da film in Brasile
Rapina da film in Brasile
In meno di tre minuti e senza sparare un colpo, un commando formato da 8 uomini travestiti da poliziotti ha portato via 750 kg di oro da un hangar dell'aeroporto di San Paolo
Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela
Sanità al collasso, così muoiono i bambini del Venezuela
Mancano farmaci, trapianti di midollo impossibili, black out energetici continui. Muoiono uno dopo l'altro i bambini malati per gravi patologie. Ma in Italia il viceministro grillino De Stefano continua a sostenere il regime di Maduro
Caracas di nuovo al buio, per Maduro è 'un complotto'
Caracas di nuovo al buio, per Maduro è
Ma intanto caccia i ministri dell'Elettricità. Opposizione accusa: "Governo allo sfascio, non c'è manutenzione". A marzo stesso copione