Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari

| Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile

+ Miei preferiti
Era da poco passato mezzogiorno, quando un gruppo di 10 persone è entrato nell’area cargo dell’aeroporto internazionale “Arturo Merino Benítez” di Santiago del Cile, prendendo di mira un furgone appartenente alla società di sicurezza “Brinks”. Il commando si è spacciato per dipendenti della “DHL”, riuscendo a entrare nel perimetro dell’aeroporto con un veicolo con la livrea rossa e gialla dell’azienda, prima di minacciare con le armi spianate le guardie di sicurezza.

Jorge Sánchez della Policia de Investigacion del Cile ha tenuto una conferenza stampa poche ore dopo la rapina, rivelando che sono stati rubati 14 milioni di dollari e un milione di euro in contanti. Secondo Sánchez i criminali potrebbero aver avuto informazioni interne che hanno permesso loro di organizzare i dettagli del furto, aggiungendo che il crimine è stato commesso da professionisti.

Il PDI sta indagando a fianco del pubblico ministero, ha detto Sánchez, che ha aggiunto che i necessari protocolli di sicurezza non erano in vigore. Le nuove misure di sicurezza avrebbero dovuto essere attuate sulla scia di una rapina simile avvenuta nell’aeroporto nel 2014, in cui erano stati rubati 10 milioni di dollari.

Il Cile sta vivendo attualmente gravi disordini civili che hanno messo a dura prova le forze di sicurezza con manifestazioni contro il presidente Sebastián Piñera in corso dall’ottobre 2019. Centinaia di migliaia di manifestanti sono scesi in piazza domenica in occasione della Giornata internazionale della donna, e diverse frange si sono staccate dal corteo per attaccare le forze dell’ordine.

Sudamerica
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Francisco, l’ambientalista di 11 anni minacciato di morte
Malgrado la giovane età, in Colombia è diventato un personaggio noto e seguitissimo, una sorta di emulo di Grte Thunberg. Oltre a difendere l’ambiente scagliandosi contro il potere, si batte per i diritti dei più giovani
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Il presidente dell’Honduras accusato di narcotraffico
Secondo i procuratori americani il presidente del paese sudamericano avrebbe offerto aiuto e supporto logistico ad un narcotrafficante in cambio di tangenti
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
Maduro trionfa alla farsa delle elezioni
La vera vittoria è del partito dell’astensionismo, vicino al 70%: il leader dell’opposizione Guaidò annuncia un referendum e gli Stati Uniti accusano il presidente di frode
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Brasile, il fenomeno delle «rapine da film»
Nel giro di poche ore, due filiali del “Banco do Brasil” di Criciúma e Cametá, città a 3.500 km di distanza, sono state prese d’assalto da bande organizzate in modo paramilitare
Quel che resta di Maradona
Quel che resta di Maradona
A funerali conclusi, si apre la contesa per l’eredità: un’operazione per nulla semplice, vista la turbolenta vita sentimentale del campione argentino. Ma secondo chi gli era vicino, Diego aveva sperperato tutti i suoi guadagni