Colombia: candidata sindaca bruciata viva

| La terribile fine di Karina Garcia Sierra, uccisa insieme alla scorta in un veicolo dato alle fiamme. Da tempo aveva ricevuto minacce e intimidazioni. Sospetti sui cartelli della droga e sui gruppi dissidenti delle Farc

+ Miei preferiti
La Colombia è sotto shock: Karina Garcia Sierra, candidata sindaca nella città di Suárez, di cui si erano perse le tracce da qualche giorno, è stata assassinata. La donna, esponente del “Partido Liberal Colombiano”, è stata uccisa insieme ad altre cinque persone a bordo di un’auto su cui viaggiava con la scorta e presumibilmente la mamma. L’auto è stata prima bersagliata di colpi d’arma da fuoco e quindi data alle fiamme con gli occupanti ancora all’interno.

Immediata la condanna da parte del difensore civico colombiano e da Oscar Campo, il governatore di Cauca, che nel raccontare le dinamiche della strage ha riferito che la giovane candidata sarebbe stata sequestrata domenica e il suo corpo carbonizzato è stato ritrovato ieri all’interno dell’auto a poca distanza dal villaggio La Betulia, una zona rurale di Suárez. A bordo del veicolo dell’Unità Nazionale di Protezione (UNP), si trovavano in tutto sette persone, ma soltanto una è riuscita a lanciarsi dall’auto in corsa riuscendo a mettersi in salvo, mentre per gli altri non c’è stato scampo. Oltre ad assicurare il massimo dell’impegno per assicurare alla giustizia i responsabili, il governatore ha espresso i propri sospetti verso le numerose coltivazioni e i laboratori illeciti in cui si lavora la cocaina presenti in zona, oltre alla presenza dei “Los Pelusos”, una temibile formazione criminale dissidente delle Farc.

Da settimane, denunciano amilici e familiari, Karina Garcia Sierra aveva ricevuto minacce e intimidazioni per il modo in cui portava avanti la sua campagna elettorale, che sembrava spianarle la strada verso il ruolo di sindaco della città colombiana nelle elezioni del 27 ottobre prossimo.

Un omicidio che accentua ancor di più il caos in cui versa il paese sudamericano, e in particolare la provincia di Cauca, dove è in corso una guerra fra formazioni dissidenti delle Farc che qualche settimana fa avevano annunciato l’inizio di una nuova fase della lotta armata.

Nella ferma condanna dell’omicidio, il Pardido Liberal Colombiano ha chiesto al presidente Ivan Duque garanzie e protezione per poter partecipare alle elezioni senza rischiare la propria vita.

Lo scorso 1° luglio, Karina Garcia aveva festeggiato con la famiglia la laurea in giurisprudenza presso l’Universidad Santiago de Cali. Appassionata di cani e mamma di un bimbo, sognava da sempre di diventare sindaco di Suárez.

Galleria fotografica
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 1
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 2
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 3
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 4
Sudamerica
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
Il Brasile in piazza contro Bolsonaro
C’è chi chiede l’impeachment immediato e chi vorrebbe vedere il presidente rispondere davanti alla corte internazionale di genocidio. Il tramonto del sovranista negazionista “Bolsovirus”
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Lo scandalo ambientale che scuote il governo Bolsonaro
Da un sospetto partito dagli Stati Uniti per un carico di legname, è scattata un’inchiesta delle autorità brasiliane culminata con l’incriminazione del ministro dell’ambiente e la rimozione di diversi funzionari
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Arrestato il serial killer di Città del Messico
Andrés Mendoza, 72 anni, ha ammesso di aver ucciso 8 donne: dopo averne mangiato parti del corpo, le seppelliva nel giardino di casa. La polizia è arrivata a lui tentato di risolvere il mistero della scomparsa della fidanzata
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Messico, la strage dei candidati alle elezioni
Oltre 30 morti dall’inizio dell’anno nelle file di chi era in corsa per le lezioni di medio termine del prossimo 6 giugno. Fare politica nel paese Sudamericano equivale spesso a una condanna a morte
Brasile, una catastrofe umanitaria
Brasile, una catastrofe umanitaria
Mentre cresce il numero di chi vorrebbe processare Bolsonaro per genocidio, un tribunale autorizza una commissione che accerti le responsabilità, le lacune e la mancanze del governo
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Il caso Brasile: pandemia fuori controllo e riaperture
Le Nazioni Unite ammoniscono: “Andate incontro a una catastrofe”. Ma dalla prossima settimana, malgrado numeri drammatici, il Paese inizia a riaprire. L’unico sindaco che ci ha provato, è stato minacciato di morte
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Brasile, Bolsonaro in guerra con sé stesso
Di fronte ai numeri record di contagi e decessi del Paese, il presidente brasiliano si dice convinto che sia in atto una congiura contro di lui
L’eredità di Maradona
L’eredità di Maradona
Un giudice ha stabilito che le fortune di D10s, distribuite in mezzo mondo, vanno ai cinque figli legittimi, ma altri 4 sono pronti a dare battaglia
Perù, lo scandalo dei vaccini
Perù, lo scandalo dei vaccini
Centinaia di funzionari politici vaccinati insieme alle loro famiglie alla faccia della popolazione. Non è che l’ultimo abuso di una classe politica indegna, che da decenni approfitta del potere per scopi personali e corruzioni
«Il ciccione sta morendo»
«Il ciccione sta morendo»
L’audio shock, ripreso da un messaggio vocale, complica la posizione di Leopoldo Luque, neurochirurgo di Maradona. Una commissione medica farà chiarezza sulle cure, l’assistenza e i farmaci prescritti al grande campione argentino