Colombia: candidata sindaca bruciata viva

| La terribile fine di Karina Garcia Sierra, uccisa insieme alla scorta in un veicolo dato alle fiamme. Da tempo aveva ricevuto minacce e intimidazioni. Sospetti sui cartelli della droga e sui gruppi dissidenti delle Farc

+ Miei preferiti
La Colombia è sotto shock: Karina Garcia Sierra, candidata sindaca nella città di Suárez, di cui si erano perse le tracce da qualche giorno, è stata assassinata. La donna, esponente del “Partido Liberal Colombiano”, è stata uccisa insieme ad altre cinque persone a bordo di un’auto su cui viaggiava con la scorta e presumibilmente la mamma. L’auto è stata prima bersagliata di colpi d’arma da fuoco e quindi data alle fiamme con gli occupanti ancora all’interno.

Immediata la condanna da parte del difensore civico colombiano e da Oscar Campo, il governatore di Cauca, che nel raccontare le dinamiche della strage ha riferito che la giovane candidata sarebbe stata sequestrata domenica e il suo corpo carbonizzato è stato ritrovato ieri all’interno dell’auto a poca distanza dal villaggio La Betulia, una zona rurale di Suárez. A bordo del veicolo dell’Unità Nazionale di Protezione (UNP), si trovavano in tutto sette persone, ma soltanto una è riuscita a lanciarsi dall’auto in corsa riuscendo a mettersi in salvo, mentre per gli altri non c’è stato scampo. Oltre ad assicurare il massimo dell’impegno per assicurare alla giustizia i responsabili, il governatore ha espresso i propri sospetti verso le numerose coltivazioni e i laboratori illeciti in cui si lavora la cocaina presenti in zona, oltre alla presenza dei “Los Pelusos”, una temibile formazione criminale dissidente delle Farc.

Da settimane, denunciano amilici e familiari, Karina Garcia Sierra aveva ricevuto minacce e intimidazioni per il modo in cui portava avanti la sua campagna elettorale, che sembrava spianarle la strada verso il ruolo di sindaco della città colombiana nelle elezioni del 27 ottobre prossimo.

Un omicidio che accentua ancor di più il caos in cui versa il paese sudamericano, e in particolare la provincia di Cauca, dove è in corso una guerra fra formazioni dissidenti delle Farc che qualche settimana fa avevano annunciato l’inizio di una nuova fase della lotta armata.

Nella ferma condanna dell’omicidio, il Pardido Liberal Colombiano ha chiesto al presidente Ivan Duque garanzie e protezione per poter partecipare alle elezioni senza rischiare la propria vita.

Lo scorso 1° luglio, Karina Garcia aveva festeggiato con la famiglia la laurea in giurisprudenza presso l’Universidad Santiago de Cali. Appassionata di cani e mamma di un bimbo, sognava da sempre di diventare sindaco di Suárez.

Galleria fotografica
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 1
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 2
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 3
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 4
Sudamerica
Ordine di cattura per Evo Morales
Ordine di cattura per Evo Morales
Il presidente boliviano, in carica da 13 anni, costretto alle dimissioni da pressioni interne e internazionali. L’annuncio che la polizia lo cerca per arrestarlo
Messico: strage di Mormoni
Messico: strage di Mormoni
Tre donne e sei bambini crivellati di colpi e bruciati all’interno delle auto su cui viaggiavano al confine con gli Stati Uniti: erano diretti ad un matrimonio
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Messico: punito il sindaco dalle promesse facili
Durante la campagna elettorale, Jorge Luis Escandón Hernández aveva promesso nuove strade e investimenti, ma una volta eletto non ha fatto nulla. La folla lo ha prelevato dal suo ufficio, legato ad un pick up e trascinato per le strade
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
El Mencho, il nuovo signore della droga messicana
Dieci milioni di dollari di taglia a chi permetterà di catturare l’erede naturale di El Chapo. Un ex poliziotto che ha creato un impero con diramazioni in tutto il mondo
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Messico, 2 morti sulle montagne russe
Un vagone della popolare Quimera è deragliato: l’attrazione del più noto parco di divertimenti di Città del Messico è stata messa sotto sequestro in attesa dei rilievi tecnici
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Il mistero dei 43 studenti di Ayotzinapa
Sono stati sequestrati cinque anni fa dalla polizia che voleva fermare tre autobus diretti a Città del Messico. Di loro non si sa più nulla, e le commissioni governative sono accusate di indagini lente e malfatte
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
Bimba uccisa dalla polizia, esplode la protesta a Rio
La piccola, 8 anni, è stata colpita da un proiettile esploso dalla polizia: centinaia di persone in piazza per protestare contro i provvedimenti sulla sicurezza voluti da governatore
Le vedove nere dei cartelli messicani
Le vedove nere dei cartelli messicani
Come il celebre ragno predatore sono belle, spietate, crudeli e assetate di sangue. C’è una nuova generazione di donne giovani che spinte dalla povertà, guidano organizzazioni criminali con polso fermo, in un mix di sesso, sangue e violenza
Muore la Kardashian di Sinaloa
Muore la Kardashian di Sinaloa
Claudia Ochoa Felix, 34enne messicana, era considerata una delle più spietate e potenti boss del narcotraffico messicano. È stata tradita da un’overdose fatale
Brasile, 4 stupri ogni ora
Brasile, 4 stupri ogni ora
Sono i drammatici risultati di un rapporto pubblicato da un’organizzazione non governativa. Preoccupa la posizione di Bolsonaro, presidente dalle posizioni misogine