Colombia: candidata sindaca bruciata viva

| La terribile fine di Karina Garcia Sierra, uccisa insieme alla scorta in un veicolo dato alle fiamme. Da tempo aveva ricevuto minacce e intimidazioni. Sospetti sui cartelli della droga e sui gruppi dissidenti delle Farc

+ Miei preferiti
La Colombia è sotto shock: Karina Garcia Sierra, candidata sindaca nella città di Suárez, di cui si erano perse le tracce da qualche giorno, è stata assassinata. La donna, esponente del “Partido Liberal Colombiano”, è stata uccisa insieme ad altre cinque persone a bordo di un’auto su cui viaggiava con la scorta e presumibilmente la mamma. L’auto è stata prima bersagliata di colpi d’arma da fuoco e quindi data alle fiamme con gli occupanti ancora all’interno.

Immediata la condanna da parte del difensore civico colombiano e da Oscar Campo, il governatore di Cauca, che nel raccontare le dinamiche della strage ha riferito che la giovane candidata sarebbe stata sequestrata domenica e il suo corpo carbonizzato è stato ritrovato ieri all’interno dell’auto a poca distanza dal villaggio La Betulia, una zona rurale di Suárez. A bordo del veicolo dell’Unità Nazionale di Protezione (UNP), si trovavano in tutto sette persone, ma soltanto una è riuscita a lanciarsi dall’auto in corsa riuscendo a mettersi in salvo, mentre per gli altri non c’è stato scampo. Oltre ad assicurare il massimo dell’impegno per assicurare alla giustizia i responsabili, il governatore ha espresso i propri sospetti verso le numerose coltivazioni e i laboratori illeciti in cui si lavora la cocaina presenti in zona, oltre alla presenza dei “Los Pelusos”, una temibile formazione criminale dissidente delle Farc.

Da settimane, denunciano amilici e familiari, Karina Garcia Sierra aveva ricevuto minacce e intimidazioni per il modo in cui portava avanti la sua campagna elettorale, che sembrava spianarle la strada verso il ruolo di sindaco della città colombiana nelle elezioni del 27 ottobre prossimo.

Un omicidio che accentua ancor di più il caos in cui versa il paese sudamericano, e in particolare la provincia di Cauca, dove è in corso una guerra fra formazioni dissidenti delle Farc che qualche settimana fa avevano annunciato l’inizio di una nuova fase della lotta armata.

Nella ferma condanna dell’omicidio, il Pardido Liberal Colombiano ha chiesto al presidente Ivan Duque garanzie e protezione per poter partecipare alle elezioni senza rischiare la propria vita.

Lo scorso 1° luglio, Karina Garcia aveva festeggiato con la famiglia la laurea in giurisprudenza presso l’Universidad Santiago de Cali. Appassionata di cani e mamma di un bimbo, sognava da sempre di diventare sindaco di Suárez.

Galleria fotografica
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 1
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 2
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 3
Colombia: candidata sindaca bruciata viva - immagine 4
Sudamerica
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
Messico: arrestato il boss del cartello di Santa Rosa
José Antonio Yépez Ortiz, “El Marro”, era da tempo sotto i riflettori delle forze di sicurezza messicane: nello stato di Guanajuato, dove agisce il suo cartello, si sono registrati quasi 1700 omicidi dall’inizio dell’anno
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
La stampa brasiliana denuncia Bolsonaro
Il presidente accusato di aver esposto a possibile contagio i giornalisti durante la conferenza stampa in cui ha rivelato di aver contratto il virus
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Troppi morti? Bolsonaro oscura i dati del Brasile
Il presidente del Paese in cui è attivo il secondo focolaio più esteso e preoccupante del mondo ha deciso di nascondere i dati di contagi e decessi annunciando un misterioso nuovo metodo di conteggi
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Argentina: lo stupro di gruppo «uno sfogo sessuale»
Polemiche e rabbia per la sentenza di un tribunale che di fatto scagiona tre giovani, figli di famiglie influenti, dello stupro di una 16enne, considerato “atto di sollievo”
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”