"Costrette a vendere il nostro corpo"

| La disperazione delle donne venezuelane emigrate piegate dalla fame e dalla miseria, prostitute solo per sopravvivere. L'alternativa è cercare cibo nei rifiuti. In Venezuela era impossibile vivere. L'avvocatessa e l'infermiera

+ Miei preferiti
Parlano con dolore nelle voci e tristezza negli occhi. All'inizio riservate, alla fine si aprono e raccontano, attraverso le lacrime, come si sono trovate in una situazione che un tempo sarebbe stata inimmaginabile: vendere i loro corpi per sbarcare il lunario. Lo racconta il guardina. in un drammatico reportage da Cucùta, al confine con la Colombia. Mariza, infermiera diplomata, due anni fa ha compiuto il viaggio attraverso il confine tra Venezuela e Colombia, lasciando dietro di sé la madre e i tre figli. Come la maggior parte degli immigrati con carriere professionali, si aspettava di trovare un lavoro nel proprio campo, ma quando le si chiudevano ripetutamente le porte in faccia e anche un lavoro in un'impresa di pulizie non si trovava da nessuna parte, Mariza si trovò a prendere una decisione impossibile. Racconta della sua caduta nella prostituzione cge non è facile ed è pericoloso. Ma come madre, "non pensi, fai quello che devi fare". Il nome di Mariza è stato cambiato per proteggere la sua identità, così come altri nomi in questo rapporto.
La delusione risuona nella sua voce quando parla del tempo trascorso nell'istruzione e dell'incapacità di lavorare come infermiera. "È frustrante perché ti rendi conto che hai lavorato. Cinque anni della mia vita studiando, preparando - mi sento in questo momento che sono cinque anni che ho perso perché non posso praticare il mio lavoro", ha detto, le lacrime che le scorrono sul suo viso.
Tornata a casa, era una donna con una carriera e un sogno, ma la crisi in Venezuela ha creato una spirale discendente che non riusciva a controllare. Come infermiera certificata, 15 giorni di lavoro le sono bastati per comprare un sacchetto di farina. Una normale spesa è diventata una prova di due giorni e anche allora non c'era alcuna garanzia che Mariza potesse trovare gli articoli di cui aveva bisogno, come i pannolini per il suo bambino. La gente passava la notte fuori dai negozi, aspettando di ricevere un numero la mattina seguente. Con un biglietto in mano, i aspettavano fuori per comprare qualsiasi cosa il negozio potesse avere quel giorno. "Non hai avuto altra scelta se non quella di comprare quello che c'era in magazzino", ha detto. "E abbiamo sempre votato per Chavez".
Per anni i venezuelani hanno sostenuto il presidente Nicolás Maduro che, come il suo predecessore, Hugo Chavez, ha usato la ricchezza petrolifera del paese per finanziare programmi sociali. Ma quando il prezzo del petrolio cominciò a scendere, e l'economia a vacillare, molti venezuelani cominciarono a protestare contro la mano che li nutriva.
Mariza è tra loro. Tutta la sua famiglia ha sostenuto Chavez. "Abbiamo sempre votato per Chavez", ha detto, accusando sia l'ex leader che l'attuale presidente per la cattiva gestione del paese che ha portato a questa crisi.
In passato, "non c'era fame, non c'erano carenze, non c'era separazione", ha detto Mariza, spiegando che quando le cose andavano bene, si lasciava il paese "solo per una vacanza, non per necessità".
Le disperate necessità della sua famiglia l'ha portata qui, a Cúcuta - una città di confine con uno dei più alti tassi di disoccupazione in Colombia - dove lotta quotidianamente per fare abbastanza per mandare cibo, pannolini e generi di prima necessità a sua madre e ai suoi figli.
Se sua madre scoprisse cosa stava facendo, capirebbe? "Mia madre è una super mamma. Mia madre è tutto", ha detto, la sua voce che si spezza di nuovo. "E so che il giorno in cui lo scoprirà, per qualsiasi motivo, le farà male, ma non mi giudicherà. Soto cercando  di sopravvivere".
La crisi economica ha spinto i venezuelani di tutti i ceti sociali a lasciare il loro paese in cerca di cibo, medicine e una vita migliore, e la vicina Colombia ne sente gli effetti.
Più di tre milioni di venezuelani hanno lasciato le loro case, con un milione di persone che emigrano nella vicina Colombia, ha detto l'UNHCR a novembre. L'ex avvocato Malcia è arrivata più di una settimana fa, lasciando i suoi due figli con i suoi genitori di 64 anni. "Non potevo permettermi di dare loro solo la colazione, a volte solo il pranzo, e a volte vanno a letto senza mangiare. Vanno a scuola. Faccio anche l'impossibile", ha detto, trovando difficile parlare della realtà della sua nuova vita.
E' venuta in Colombia con la speranza di trovare un lavoro come addetta alle pulizie, baby-sitter, "qualsiasi cosa". Anche quando le si chiudevano le porte in faccia, non si immaginava mai di "arrivare a questo estremo". Asciugandosi le lacrime: "Quando ero in Venezuela, ero sul punto di impazzire, e anche qui sto impazzendo perché sto facendo cose che non mi appartengono ma devo vivere". È un peso che pesa costantemente su di lei. Mi inginocchio di notte per chiedere a Dio - sono anche stata in chiesa per chiedere perdono a Dio - perché penso ai piccoli volti dei miei figli, ai miei genitori.... Non è facile, amico, non è facile", conclude.
 
Galleria fotografica
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 1
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 2
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 3
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 4
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 5
Sudamerica
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Il tunnel da record dei narcotrafficanti
Scoperto dalla polizia messicana e analizzato a fondo dalle forze dell’ordine statunitensi, è lungo più di 1.300 metri e dotato di tutto ciò che serve
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
La “mattanza” della polizia di Rio de Janeiro
Il governatore Witzel, su preciso mandato del presidente Bolsonaro, ha dichiarato guerra alle favelas: 1.810 persone uccise lo scorso anno
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
USA: estradato il tesoriere di El Chapo
Era conosciuto come il signore dei tunnel: ne aveva scavato due che da Tijuana sbucavano direttamente negli Stati Uniti, da cui per anni sono passati quintali di droga
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Fuga di massa da un carcere in Paraguay
Mancano all’appello 75 membri di una gang “molto pericolosa” fuggiti da una prigione paraguaiana. Il Paese in massima allerta
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Bolsonaro vuole educare i giovani all’astinenza sessuale
Per contrastare le gravidanze fra gli adolescenti, il presidente brasiliano ha sposato le tesi di un gruppo cristiano evangelico. Sgomento di pediatri e specialisti: “Come tornare indietro di 40 anni”
Panama, setta satanica fa una strage
Panama, setta satanica fa una strage
In una fossa comune la polizia ha rinvenuto i corpi di 7 persone: altre 14 erano tenute prigioniere e pronte ad essere sacrificate se non si fossero “pentite dei loro peccati”
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Haiti, l’anticamera dell’inferno
Dieci anni fa un violento terremoto ha devastato l’isola caraibica, ma finita l’emergenza sono andati via quasi tutti, lasciando il Paese in preda alla corruzione, al degrado, alla povertà e a proteste sempre più violente
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Sequestro record di cocaina in Uruguay
Un container risultato sospetto nascondeva 4,4 tonnellate di cocaina: se i controlli su altri tre daranno lo stesso risultato, sarà uno dei più devastanti colpi inferti ai cartelli della droga