"Costrette a vendere il nostro corpo"

| La disperazione delle donne venezuelane emigrate piegate dalla fame e dalla miseria, prostitute solo per sopravvivere. L'alternativa è cercare cibo nei rifiuti. In Venezuela era impossibile vivere. L'avvocatessa e l'infermiera

+ Miei preferiti
Parlano con dolore nelle voci e tristezza negli occhi. All'inizio riservate, alla fine si aprono e raccontano, attraverso le lacrime, come si sono trovate in una situazione che un tempo sarebbe stata inimmaginabile: vendere i loro corpi per sbarcare il lunario. Lo racconta il guardina. in un drammatico reportage da Cucùta, al confine con la Colombia. Mariza, infermiera diplomata, due anni fa ha compiuto il viaggio attraverso il confine tra Venezuela e Colombia, lasciando dietro di sé la madre e i tre figli. Come la maggior parte degli immigrati con carriere professionali, si aspettava di trovare un lavoro nel proprio campo, ma quando le si chiudevano ripetutamente le porte in faccia e anche un lavoro in un'impresa di pulizie non si trovava da nessuna parte, Mariza si trovò a prendere una decisione impossibile. Racconta della sua caduta nella prostituzione cge non è facile ed è pericoloso. Ma come madre, "non pensi, fai quello che devi fare". Il nome di Mariza è stato cambiato per proteggere la sua identità, così come altri nomi in questo rapporto.
La delusione risuona nella sua voce quando parla del tempo trascorso nell'istruzione e dell'incapacità di lavorare come infermiera. "È frustrante perché ti rendi conto che hai lavorato. Cinque anni della mia vita studiando, preparando - mi sento in questo momento che sono cinque anni che ho perso perché non posso praticare il mio lavoro", ha detto, le lacrime che le scorrono sul suo viso.
Tornata a casa, era una donna con una carriera e un sogno, ma la crisi in Venezuela ha creato una spirale discendente che non riusciva a controllare. Come infermiera certificata, 15 giorni di lavoro le sono bastati per comprare un sacchetto di farina. Una normale spesa è diventata una prova di due giorni e anche allora non c'era alcuna garanzia che Mariza potesse trovare gli articoli di cui aveva bisogno, come i pannolini per il suo bambino. La gente passava la notte fuori dai negozi, aspettando di ricevere un numero la mattina seguente. Con un biglietto in mano, i aspettavano fuori per comprare qualsiasi cosa il negozio potesse avere quel giorno. "Non hai avuto altra scelta se non quella di comprare quello che c'era in magazzino", ha detto. "E abbiamo sempre votato per Chavez".
Per anni i venezuelani hanno sostenuto il presidente Nicolás Maduro che, come il suo predecessore, Hugo Chavez, ha usato la ricchezza petrolifera del paese per finanziare programmi sociali. Ma quando il prezzo del petrolio cominciò a scendere, e l'economia a vacillare, molti venezuelani cominciarono a protestare contro la mano che li nutriva.
Mariza è tra loro. Tutta la sua famiglia ha sostenuto Chavez. "Abbiamo sempre votato per Chavez", ha detto, accusando sia l'ex leader che l'attuale presidente per la cattiva gestione del paese che ha portato a questa crisi.
In passato, "non c'era fame, non c'erano carenze, non c'era separazione", ha detto Mariza, spiegando che quando le cose andavano bene, si lasciava il paese "solo per una vacanza, non per necessità".
Le disperate necessità della sua famiglia l'ha portata qui, a Cúcuta - una città di confine con uno dei più alti tassi di disoccupazione in Colombia - dove lotta quotidianamente per fare abbastanza per mandare cibo, pannolini e generi di prima necessità a sua madre e ai suoi figli.
Se sua madre scoprisse cosa stava facendo, capirebbe? "Mia madre è una super mamma. Mia madre è tutto", ha detto, la sua voce che si spezza di nuovo. "E so che il giorno in cui lo scoprirà, per qualsiasi motivo, le farà male, ma non mi giudicherà. Soto cercando  di sopravvivere".
La crisi economica ha spinto i venezuelani di tutti i ceti sociali a lasciare il loro paese in cerca di cibo, medicine e una vita migliore, e la vicina Colombia ne sente gli effetti.
Più di tre milioni di venezuelani hanno lasciato le loro case, con un milione di persone che emigrano nella vicina Colombia, ha detto l'UNHCR a novembre. L'ex avvocato Malcia è arrivata più di una settimana fa, lasciando i suoi due figli con i suoi genitori di 64 anni. "Non potevo permettermi di dare loro solo la colazione, a volte solo il pranzo, e a volte vanno a letto senza mangiare. Vanno a scuola. Faccio anche l'impossibile", ha detto, trovando difficile parlare della realtà della sua nuova vita.
E' venuta in Colombia con la speranza di trovare un lavoro come addetta alle pulizie, baby-sitter, "qualsiasi cosa". Anche quando le si chiudevano le porte in faccia, non si immaginava mai di "arrivare a questo estremo". Asciugandosi le lacrime: "Quando ero in Venezuela, ero sul punto di impazzire, e anche qui sto impazzendo perché sto facendo cose che non mi appartengono ma devo vivere". È un peso che pesa costantemente su di lei. Mi inginocchio di notte per chiedere a Dio - sono anche stata in chiesa per chiedere perdono a Dio - perché penso ai piccoli volti dei miei figli, ai miei genitori.... Non è facile, amico, non è facile", conclude.
 
Galleria fotografica
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 1
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 2
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 3
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 4
"Costrette a vendere il nostro corpo" - immagine 5
Sudamerica
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
El Salvador, l’irresistibile ascesa di Nayib Bukele
Molti lo considerano un salvatore, altri un giovane rampante che studia da leader senza scrupoli. Il presidente millenials sta usando la pandemia per sfidare il Congresso
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
Il Messico è sotto assedio, ma non dal virus
La nazione centramericana è l’unica al mondo in cui i morti per coronavirus sono meno di quelli provocati dalla malavita: feroci guerre tra i cartelli provocano centinaia di morti. E intanto, in uno zoo è nato un raro tigrotto
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
Panama, per contenere la pandemia si dividono i sessi
La troppa gente in giro malgrado le restrizioni, ha convinto il governo a varare inedite misure sessiste: separare la settimana per uomini e donne
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Venezuela: verso un accordo Trump-Maduro?
Dopo aver cercato per anni, senza successo, di destabilizzare il governo del Paese sudamericano, gli Stati Uniti adottano una strategia diversa: coinvolgere il partito del presidente invitandolo a creare un governo transitorio
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Gli USA: Maduro è un narcotrafficante
Un mandato di cattura per traffico di sostanze stupefacenti e terrorismo, accompagnato da una taglia di 15 milioni di dollari per la cattura. Gli Stati Uniti alzano il tiro contro il leader chavista odiato dal popolo
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Bolsonaro: in Italia tanti morti perché è un paese di vecchi
Dal presidente brasiliano una sprezzante e leggera visione della crisi che attanaglia il nostro Paese. In Brasile cresce la protesta contro quello Bolsonaro che ha definito “semplice isterismo”
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Cile, rapina in aeroporto da 15 milioni di dollari
Un commando di 10 persone ha rubato milioni di dollari e di euro in contanti dopo aver fatto irruzione con un furgone blindato nell’aeroporto di Santiago del Cile
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Portorico sotto shock per l’omicidio di Alexa
Una transgender accusata di aver utilizzato i bagni delle donne in un McDonald’s, è stata uccisa pochi minuti dopo a colpi di pistola. Il video dell’esecuzione ha girato sui social per ore prima di essere rimosso
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il brutale omicidio di Fátima infiamma il Messico
Il caso di una bambina di 7 anni rapita, violentata e uccisa riaccende le proteste per quella che il presidente Obrador definisce una vera piaga sociale: 1.006 casi di femminicidio nel solo 2019
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Messico: uccide la moglie e le asporta gli organi
Un caso di cronaca particolarmente brutale ha scatenato le proteste in tutto il Paese, anche per la pubblicazione del corpo smembrato della vittima su un magazine locale